LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Le strade senza decoro urbano
ALDO CAPASSO
21 giugno 2017 LA REPUBBLICA

A NAPOLI, ogni volta che bisogna intervenire per la manutenzione o per inserire elementi o modifiche dello spazio urbano, nasce una "rissa culturale". Uno scontro insostenibile tra soprintendenza, amministrazione comunale e studiosi, perch una costante polemica basata sul rapporto tra storia, contemporaneit e nuove esigenze funzionali: argomento serio che non si pu risolvere quando nasce l'emergenza dei lavori. Vedi appunto il problema delle pavimentazioni nel centro storico. Pasquale Belfiore, su questo quotidiano, a proposito della polemica sulla pavimentazione del Corso Vittorio Emanuele, faceva riferimento al previsto Piano di gestione del centro storico di Napoli Sito Unesco, mai attuato, che certamente avrebbe dato delle indicazioni, evitando i soliti stress che avviliscono la citt ogni volta che bisogna intervenire.

Analogo problema sorto per la tinteggiatura della Galleria Umberto I, dove la mancanza di linee guida per la riqualificazione ha determinato appunto libert d'interpretazione nella scelta dei colori e la conseguente mancanza di coordinamento.

Cos pure l'avventata realizzazione del cassonetto murato della spazzatura al centro dell'incrocio di una strada ottocentesca del Vomero.

E questi sono solo alcuni esempi pi eclatanti.

Che senso ha un assessorato al Decoro urbano, quando interviene solo dopo misfatti, non sempre reversibili?

Sono ormai anni che predico la necessit di un "Dipartimento per la qualit urbana" o simile, in grado di affrontare le linee guida per la riqualificazione, gli adeguamenti funzionali, il recupero, la gestione e particolarmente il controllo della "qualit" dello spazio pubblico della citt. Una esigenza che non solo per il centro storico, ma anche per la citt consolidata e per le periferie. Anche queste meritano la stessa attenzione, forse anche maggiore per renderle confortevoli e desiderabili.

Un dipartimento che non dovrebbe essere una struttura assessoriale, ma culturale e metodologica capace di aiutare proprio gli assessorati competenti a dare risposte uniche e concordate per evitare, come avviene spesso, che certe scelte siano al di fuori della qualit ambientale, (vedi il caso dei dehors). Un florilegio e un'invasione di gazebi ed ombrelloni, forse dettati dall'esigenza occupazionale, ma questo il modo corretto e utile all'accoglienza, allo sviluppo turistico alla qualit urbana?

Negli anni Novanta si sperimentato un primo tentativo di indicare delle linee guida per le vetrine ed insegne, cio le devanture dei negozi, attraverso il coordinamento di ricercatori dell'universit, Camera di commercio, amministrazione comunale e soprintendenza. Uno studio che port alla eliminazione di quasi il 70% delle vetrine sporgenti sui marciapiedi e invadenti i basamenti degli edifici del centro storico.

Questa sperimentazione fu certamente innovativa e utile, ma si vanific successivamente nell'indifferenza; il problema riemerse, poi, quando pesanti e visibili interventi di vetrine sui negozi riproposero il mancato coordinamento e controllo.

Il che significa che ci vuole, da un parte la volont politica di proporre una simile struttura, dall'altra la capacit di organizzare un tale "ufficio" coinvolgendo sia le risorse umane interne del Comune, sia quelle della soprintendenza e della universit sul piano del linee guida, nonch una rigorosa struttura di verifica dell'applicazione della norme e di controllo nella fase di realizzazione.

Se non si affronta un simile problema per garantire non solo la qualit ma anche la velocit dei lavori, si continueranno a impantanare molte opere, oppure a realizzarle all'insaputa degli enti di controllo. Questo perch non si risolve il legittimo scontro tra l'esigenza dell'amministrazione di operare sul territorio per rispondere alle sollecitazioni dei cittadini e l'obbligo degli enti di tutela che devono garantire il rispetto dei valori storici ed ambientali dello spazio pubblico.

Governare e controllare lo spazio pubblico stato sempre un problema, per cui ritengo che, nonostante la crisi sociale, economica e politica che c'investe, queste sollecitazioni di regolamentazione della qualit urbana, comunque, vadano ribadite.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news