LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali risorsa nazionale
Gerardo Picardo
Secolo d'Italia, 31 luglio 2005

La tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico nel nuovo libro di Pierfranco Bruni

IDENTIT e tradizione respirano nei beni culturali di cui disseminato il nostro bello e inquieto Stivale. Pierfranco Bruni, nel suo ultimo libro, ci racconta la storia dei beni culturali attraverso due strumenti: quello prettamente scientifico e quello che si presta a una metodologia pedagogica. Oggi spesso si parla di patrimonio culturale, spesso vengono articolate delle discussione in materia di bene culturale e soprattutto in questi ultimi anni de stato un bel dibattito. Il saggio di Bruni dedicato interamente a questione relativa al bene culturale ci impone una riflessione ampia sia sul piano culturale che su quello istituzionale sia su quello giuridico sia in termini didattici. Il titolo da gi di per s una dimensione tangibile del problema: "Beni Culturali. Risorse e identit" (Edito da Iral, info. 3494282197). Ma Bruni essendo un esperto (si occupa oggi del patrimonio culturale delle minoranze linguistiche grazie ad una intuizione e ad una proposta di Francesco Sicilia, oggi Capo Dipartimento per i Beni culturali e paesaggistici con un contributo importante del sottosegretario Nicola Bono) tocca i vari aspetti attraverso riferimenti ed analisi che vanno dalla realt archeologica alle biblioteche, dai musei alla politica e organizzazione culturale.
Il tema dei beni culturali, soprattutto alla luce del dibattito sulle nuove normative, richiede una profonda meditazione. Infatti l'autore sostiene che i beni culturali sono una risorsa nazionale. Lapprovazione, da parte del Consiglio dei ministri, del Codice dei beni culturali una testimonianza importante che punta alla cultura come vera e propria risorsa. Restano, i beni culturali, un patrimonio nazionale pur all'interno di una visione che pone come interlocutore l'aspetto meramente economico e quindi l'aspetto produttivo di un bene. Ma la il concetto di risorsa resta fondamentale come sostiene in modo problematico Pierfranco Bruni nel suo saggio citato. I beni culturali sono una risorsa e una identit. Un saggio che apre una discussione a tutto tondo sulla questione. Gi di per s - sottolinea ancora Bruni - il bene culturale una risorsa. Bene e cultura e nello stesso tempo risorsa in quanto portatrice di sviluppo, investimento, interazione con le attivit produttive e con le realt territoriali. Si , in pi occasione, cercato di avanzare una discussione a tutto tondo sulla problematica dei beni culturali partendo da riferimenti legislativi e proiettandosi all'interno del vasto dibattito sulla questione cultura, culture sommerse, progettualit, capacit di elaborare interventi attraverso esperienze che provengono da un costante lavoro sul campo. Sono capisaldi della dialettica, che questo libro pone in essere, sia i musei che le biblioteche in un contesto dove i concetti di bene culturale, patrimonio, identit, economia, territorio, progettualit diventano motivi dominanti in una verifica con la realt. Proprio per questo il dato giuridico costituisce l'impalcatura che ha permesso di impostare una articolata riflessione non trascurando mai la visione pedagogica, identitaria, storica del bene culturale. I beni culturali -sollecita Bruni - sono il nostro futuro non solo in termini di investimento economico ma anche sul piano di una maggiore coesione tra il valore di appartenenza, di storia, di educazione e partecipazione, di radici attraverso una coerenza etica e una definizione estetica. Mettere insieme questi due mondi cercare di capire l'importanza della cultura come proposta progettuale per i tenitori, per le comunit, per l'uomo. Il territorio, (i rapporti tra gli Enti), la sua funzione, i raccordi con l'Europa sono spunti per uno spazio di meditazione abbastanza comparato. I beni culturali diventano i veri interpreti di un processo sia culturale che politico, il quale va esteso alle altre istanze che si muovono nel nostro tempo contemporaneo. Caratterizzazioni e ambiti disciplinari costituiscono un intreccio nevralgico per una pi matura consapevolezza sul diritto a leggere il bene culturale con motivazioni didattiche. 1 beni culturali sono "strumenti" di socializzazione ("metafora sociale") che si muovono su diverse direzioni e si propongono come modelli di identit depositata che, comunque, dovrebbero portare a dei valori condivisi. Il dibattito che spesso ha movimentato questi ultimi decenni ha focalizzato aspetti ed esigenze di un rapporto fondamentale che quello tra processi culturali e manifestazioni educative. Ecco perch c' una linea che percorre tutta la riflessione della cultura come bene che punta alla promozione. Una riflessione articolata che quella della valorizzazione del bene culturale che ha come punti nevralgici la tutela e la fruizione, che sono dati necessari per una affermazione di identit e di tradizione per un futuro che deve compararsi sempre pi con i nuovi saperi sia in termini di difesa della memoria storica sia in termini, appunto, di risorsa e perci di sviluppo e di economia Ci sono esempi che diventano testimonianza. Un cammino innovativo sul versante della politica dell'arte intesa certamente come creazione, patrimonio, conservazione, pedagogia della comprensione. Un tracciato, dunque, che tocca i tasti salienti di un dibattito e che innerva idee nuove e coraggiose per una strategia complessiva delle politiche culturali nella temperie attuale. Un lavoro (arricchito da una ragionata bibliografia) che si muove tra la discussione vera (con metodologie e sottolineature didattiche e giuridiche) perch sentita e vissuta, e una visione scientifica che porta sulla scena il significato profondo del patrimonio storico di una Nazione, attraverso le diverse fasi e le varie sfaccettature.
I beni culturali - afferma sempre Bruni - sono, pertanto, una risorsa, come si evince pi volte nel saggio, ma sono anche la memoria di un popolo, che vuole continuare ad esistere come patrimonio in grado di diventare futuro e realt di una geografia per un investimento programmato, che sappia unire economia e storia di un Paese come l'Italia. Dalla tutela alla fruizione. Ma l'idea di risorsa riconcilia tre elementi portanti: salvaguardia, valorizzazione, fruizione attraverso un nodo cardine che quello di rendere la cultura, nella ricerca, nella conoscenza e nello sviluppo, come un modello attivo nella societ dei nostri giorni. Economia e cultura: un rapporto che non potr e non dovr interrompersi. Cos Pierfranco Bruni ha traccia delle linee importanti nel suo saggio. Un saggio che va consigliato agli operatori culturali, agli Enti e a chi considera il patrimonio storico il vero futuro economico del nostro Paese ma soprattutto va consigliato alle nuove generazioni che si apprestano a confrontarsi con la realt archeologica, storica, monumentale e documentaria.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news