LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riproduzione libera per i beni culturali? Intervista a Giuliano Volpe
Michele De Vitis
www.stradeonline.it, 15/06/2017

Chi lha detto che il ddl concorrenza riguarda solo assicurazioni, energia e servizi postali? Tra le pieghe dei 193 commi spunta infatti una norma rivoluzionaria che permette la libera riproduzione dei beni archivistici e bibliografici. Una misura che, se diventer legge, abbatter i costi per studiosi e ricercatori spesso obbligati a pagare (non poco) per riprodurre manoscritti o documenti darchivio e cos portare avanti le proprie ricerche.

A chiedere questinnovazione stato un ampio movimento di personalit del mondo della cultura e della ricerca (4500 adesioni) tra cui Umberto Eco, Fabio Beltram (Direttore Scuola Normale Superiore di Pisa), Massimo Bray (Direttore ed. Treccani), Massimo Cacciari ed Andrea Carandini (Presidente FAI). La proposta stata poi tradotta in un emendamento presentato al Senato dal presidente della Commissione Cultura, liper renziano Marcucci (con un passato nel Partito Liberale Italiano) e accolto favorevolmente dal ministro Franceschini. Ne abbiamo parlato con Giuliano Volpe, archeologo e presidente del Consiglio Superiore Beni Culturali e Paesaggistici del MIBACT, tra i sostenitori delliniziativa.

Professore, manca poco per una liberalizzazione a costo zero, ma dallimpatto dirompente per la cultura e la ricerca italiana. Uninnovazione pi volte richiesta dal Consiglio Superiore da lei presieduto.
La vicenda nota, ma va ricordata. Nel 2014, grazie allArt Bonus, noto soprattutto per la detrazione fiscale del 65% a favore dei mecenati, si introdotta la liberalizzazione delle immagini nei musei e nei luoghi della cultura: tranne, per, nelle biblioteche e negli archivi, a causa di un improvvido emendamento. Il Consiglio da me presieduto in ben due mozioni ha chiesto con forza che la liberalizzazione fosse estesa a tutti i beni culturali. Ci sono voluti anni di tentativi, pressioni, discussioni, raccolte di firme, grazie soprattutto a unazione dal basso di alcuni giovani e attivi ricercatori. Ora siamo ad un passo dal risultato positivo. Spero che il Parlamento lo faccia.

Come dice il movimento per le foto libere, oggi i turisti possono farsi selfie nei musei, mentre i ricercatori devono pagare le loro foto a volumi storici e manoscritti se non addirittura rivolgersi a ditte private. Qual stato il principale ostacolo?
Ricevo decine di lettere di laureandi e dottorandi di ricerca bloccati nelle loro ricerche, giovani ricercatori costretti a pagare di tasca loro centinaia o migliaia di euro per ottenere luso di documenti e di immagini, impediti nellaccesso ai dati, ai materiali di vecchi scavi archeologici conservati nei magazzini da decenni (sono un archeologo e sono particolarmente sensibile al tema). uno scandalo. Ed anche un fatto anticostituzionale! Spesso si richiama, brandendolo come una clava anche contro le riforme in atto nel campo dei beni culturali, larticolo 9 della Costituzione. Si dimentica, per, che quello straordinario articolo lega strettamente la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione alla promozione dello sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Ancora oggi questi divieti sono macigni che impediscono tanto lo sviluppo della cultura quanto la ricerca. Macigni da rimuovere anche grazie a questo ddl.

Alla Camera si creato un fronte parlamentare ampio che chiede la chiusura rapida del provvedimento, anche con il ricorso alla fiducia. Si iscrive anche lei a questo partito?
Assolutamente s! Mi auguro che il ddl concorrenza venga presto approvato, anche con il ricorso alla fiducia, che in questo caso vedrei sinceramente quanto mai opportuna. Sono anni che attendiamo questo provvedimento per procedere nello smantellamento di quella concezione proprietaria del patrimonio culturale che rappresenta il vero ostacolo culturale verso il cambiamento e la apertura di nuove energie. Abbiamo avviato una profonda stagione di riforme, una vera e propria rivoluzione culturale: la liberalizzazione delle immagini parte essenziale e irrinunciabile di questa rivoluzione.

Anche il mondo della cultura e della ricerca chiede la rapida approvazione del ddl concorrenza. La prossima settimana in Commissione Attivit Produttive alla Camera saranno esaminati circa 400 emendamenti. Tra questi, 22 sono del Pd e uno presentato dellonorevole Bossa (Mdp) punta proprio a modificare in senso conservativo questa liberalizzazione. Baster il voto favorevole su un solo emendamento per affossare definitivamente il ddl concorrenza. Speriamo dunque che il ministro Franceschini ascolti fino alla fine queste richieste e si attivi nel partito di maggioranza relativa in Parlamento per non buttare il lavoro fatto in questi anni.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news