LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stadio della Roma, il cedimento 5stelle alla speculazione
di Paolo Berdini
il manifesto 15.6.17

Ci sono eventi che si caricano di date simboliche.
Il voto che conferma il pubblico interesse alla vergognosa speculazione fondiaria camuffata da stadio della Roma calcio arrivato ieri, ad un anno esatto dalla elezione a sindaco di Virginia Raggi.Nel breve volgere di 365 giorni, dunque, la giunta pentastellata che aveva acceso tante speranze di discontinuit nella conduzione della mala urbanistica romana ha sconfessato tutto il programma elettorale.
La conferma del pubblico interesse consente la realizzazione di 600 mila metri cubi di cemento (6 alberghi Hilton avrebbe affermato Antonio Cederna): un inaudito caso di speculazione edilizia.
Dobbiamo interrogarci sui motivi reali del voltafaccia. E dobbiamo chiedercelo a maggior ragione dopo la incredibile lettera che il sindaco Raggi ha inviato al Prefetto di Roma per ottenere una moratoria sullarrivo degli immigrati. Ma se nel caso degli immigrati e dei rom la lettera non giunta inaspettata poich il centro Baobab stato in questi mesi gi sgombrato 3 volte, nel caso dello stadio della Roma la capriola invece sconcertante.
Un privato (la Roma calcio) sceglie larea di Tor di Valle che completamente priva di infrastrutture. Dunque, per poter raggiungere lo stadio dovevano essere costruite una serie imponente di infrastrutture che realizzer la stessa societ in cambio di maggiori cubature rispetto a quelle previste dal piano urbanistico.
Le amministrazioni intelligenti scelgono i luoghi per costruire gli stadi in modo che le nuove infrastrutture (metropolitane o strade) siano utili anche ai quartieri limitrofi. Si poteva pensare ad un luogo pi interno alla citt; pi vicino alle periferie devastate che nella capitale sono ampiamente diffuse e che stanno andando verso un degrado senza fine.
utile ricordare ancora che i quattro consiglieri comunali 5stelle allopposizione di Marino tra cui Virginia Raggi avevano condotto contro quella scelta una limpida opposizione. Ora hanno mutato giudizio. Uno dei motivi principali della scelta possiamo trovarlo nei rapporti economici tra propriet dei terreni (gruppo Parnasi) e tra il conglomerato societario della Roma di James Pallotta e la banca che vanta nei loro confronti crediti per oltre 100 milioni di euro, e cio Unicredit. Scegliendo unaltra area per costruire lo stadio i terreni non sarebbero stati dei debitori dellistituto bancario che non avrebbe potuto cos rientrare dalle esposizioni.
noto che nelle vicende urbansitiche di Roma e di ogni altra citt, le banche sono sempre state fondamentali attori per indirizzare finanziamenti verso i settori urbani da sviluppare. Con gli enormi debiti che le banche italiane hanno a causa dei disinvolti finanziamenti che hanno elargito con troppa disinvoltura prima dello spartiacque della crisi del 2008, le operazioni di trasformazione urbana pi certe saranno quelle che permetteranno alle banche di rientrare -almeno parzialmente- delle esposizioni debitorie. Con la vicenda stadio si dunque aperta una fase nuova del ruolo della finanza e un cinico gioco sulla pelle dei cittadini che chiedono da tempo di fermare ogni espansione urbana.
Con il voto di ieri la giunta Raggi si assunta unenorme responsabilit e a nulla vale affermare che Marino aveva consentito una volumetria ancora maggiore (circa 1 mlione di metri cubi): il problema infatti non di merito ma soprattutto di metodo.
Alla prima occasione di decisione urbanistica, la giunta Raggi si adegua al dominio incontrastato della rendita, altro che la tanto evocata discontinuit. Il Pd, regista dellurbanistica romana ha ripreso i suoi disegni con gli stessi uomini (e donne) che siedono nellassessorato allurbanistica.
Gli effetti in termini di consenso non tarderanno a venire. Ferdinando Imposimato, candidato alla carica di Presidente della Repubblica dai 5stelle tra gli uomini maggiormente critici ed ha anche contribuito allelaborazione di un atto di significazione da tempo sul tavolo del sindaco Raggi.
Insomma, passa (forse) lo stadio ma volano via consensi in una citt delusa.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news