LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ASFALTO-SAMPIETRINI, LA RISSA CULTURALE
PASQUALE BELFIORE
09 giugno 2017 LA REPUBBLICA





ASFALTO o sampietrini per le strade storiche di Napoli? Basolato, grazie, si potrebbe rispondere sbrigativamente eludendo l'alternativa proposta ma rispettando maggiormente la storia e il carattere dei luoghi urbani. Questa la mia posizione culturale che non sono disposto a modificare d'una virgola se vivessi a Trento o Bolzano, civilissime e danarose province italiane con efficienti amministrazioni. Se in quelle citt un sampietrino saltasse o il basolato fosse sconnesso, in pochissimo tempo tutto ritornerebbe in ordine e per lungo tempo. Questa efficienza garantisce: sicurezza del traffico e dei cittadini, decoro della citt e corretta tutela dei luoghi storici e dei monumenti. A Napoli, un solo sampietrino saltato diventa nelle settimane successive una vasta e profonda buca riempita alla men peggio dopo qualche mese da una orrenda pezza d'asfalto; il basolato traballa per tempo immemore. Questa inefficienza comporta: pericolo per il traffico e i cittadini, strade indecorose e oltraggio a luoghi storici e monumenti. (Utile aggiungere: sul piano economico, ingenti risarcimenti per incidenti, veri o falsi che siano, causati dai dissesti stradali).

Rinunziare allora ad affermare un corretto principio culturale di tutela solo perch siamo governati da amministrazioni inefficienti? No di certo, ma qualche riflessione pi realistica e meno ortodossa (di astratta intransigenza) bisogna pur farla. Nell'interesse degli stessi beni culturali. agevole tutelarli affermando principi. Pi complicato risulta l'esercizio della tutela nell'agone di contrapposte esigenze che devono confrontarsi altres con le realt locali molto diverse per cultura, livelli economici, senso civico, efficienza amministrativa. Persino di impiego di materiali appropriati per un'area storica. Si parla, genericamente, di pietra lavica per basoli e sampietrini. Da tempo, non pi quella del Vesuvio ma viene dal bacino dell'Etna o dalla Cina perch le nostre cave vesuviane per ragioni ambientaliste sono state quasi tutte chiuse e comunque non sono in grado di fornire ingenti quantitativi di pietra. Dunque, a rigore, chi usa pietra lavica di incerta provenienza commette un falso storico. Ma inevitabile se si vuole conservare un carattere specifico ad una strada o piazza tutelate, pur consapevoli che non calpestiamo pi la nostra pietra vesuviana. Questo il tipo di ragionamenti che occorre cominciare a fare, evitando opposti integralismi. Paolo Frascani ha introdotto il tema su queste pagine. Proviamo a integrarlo con due brevi ulteriori considerazioni pi operative: evitare il caso per caso e programmare la tutela di strade e luoghi storici; dotarsi di strutture tecnico- amministrative specializzate.

Esigenza di programmazione. Non possibile che ogni qual volta si debba ripavimentare una strada si apra in citt non un confronto ma una rissa culturale tra i partiti della modernit (l'asfalto) e della conservazione (la pietra). Occorre un piano generale cittadino che preveda la pavimentazione pi idonea definita sulla base di ampie e rigorose ricerche storico- critiche sull'origine e sul ruolo che la strada o la piazza hanno avuto nel tempo e hanno soprattutto oggi. In queste piano, sono da evitare le pavimentazioni della stessa arteria con materiali diversi, scelta che la Soprintendenza propone con una certa frequenza. Se una strada storica, lo nella sua interezza, non per un tratto, magari in corrispondenza d'un monumento, e poi non lo pi.

Strutture tecnico-amministrative specializzate formate con personale del Comune e della Soprintendenza. Sono previste dal Piano di gestione del centro storico di Napoli Sito Unesco, mai attivate. Spetta loro il compito di approntare la programmazione e di gestire il piano delle pavimentazioni avvalendosi di consulenze di settore come l'ingegneria dei trasporti e gli ambiti commerciali e turistici, sempre nell'ottica di confrontare le scelte sulle esigenze della contemporaneit.

Capiamo le difficolt del soprintendente Garella e dell'assessore Calabrese che ieri mattina si sono incontrati per prendere decisioni su questo tema. Sarebbe stato istruttivo per loro passare verso la 10 da piazza Bovio. Buche nella pavimentazione di sampietrini rappezzate con cemento. Piazza storica, lavori ultimati poco pi di cinque, sei anni or sono. Impossibile un corretto rammendo con cubetti di pietra? S, per una citt diventata sciatta nell'animo e distante da Trento e Bolzano molto pi dei reali ottocento chilometri circa.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news