LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IRAQ . La civilt perduta a Babilonia
Carlo Zaccagnini
IL MANIFESTO, 03/04/2003


Antichi insediamenti mesopotamici, citt storiche e mirabili come Ur, Uruk, Ninive e Babilonia, un patrimonio archeologico immenso. Gi strangolata da un embargoche aveva portato allo smembramento del Dipartimento delle Antichit, oggi la Terra dei due fiumi, l'Iraq, rischia di soccombere definitivamente. Sotto una pioggia di missili e granate ma anche sotto l'incombente minaccia di nuovi e indiscriminati saccheggi.



L'odierna invasione e i bombardamenti in Iraq hanno riaperto scenari e riproposto quesiti identici a quelli di tredici anni fa, all'epoca della prima guerra del Golfo. Di nuovo, e con maggiore enfasi, il drammatico contrasto tra la dichiarata ma in realt insufficiente intelligenza di missili, bombe, e altri sofisticati strumentari di distruzione, e la effettiva o presumibile minaccia di danni o distruzioni dell'immenso patrimonio archeologico e storico-artistico conservato in territorio iracheno, ha stimolato una messe di interventi, commenti e pareri - a vario livello di competenza e aggiornamento - da parte di esperti e meno esperti del settore. La Terra dei due fiumi - con le sue antiche mirabili citt (Ur, Uruk, Ninive, Babilonia, Assur, Seleucia, Ctesifonte, e altre a scelta), con i suoi tesori artistici ed epigrafici custoditi nel Museo di Baghdad e in altri musei locali (primo tra i quali quello di Mossul) - si dunque ripresentata all'attenzione del grande pubblico, nel contesto di un convulso panorama bellico in continua e drammatica evoluzione.



Siamo ormai abituati al macabro spettacolo di analoghi orizzonti di morti e rovine, esito di strategie offensive che in tempi recenti hanno in varia misura impegnato, con l'avallo e la copertura formale delle organizzazioni sovranazionali, l'apparato militare statunitense e quello dei suoi alleati europei. E tuttavia, l'eccezionale accumulo di testimonianze relative alle antiche civilt vicino-orientali, che dai palmeti di Bassora ai rilievi pedemontani del Kurdistan trovano oggi in Iraq la loro pi spettacolare concentrazione, costituisce un elemento aggiuntivo di preoccupato interesse per le sorti di un paese gi strangolato da oltre dieci anni di embargo.



Piuttosto che fornire l'ennesimo raffazzonato elenco dei maggiori siti archeologici e delle sedi museali potenzialmente a rischio, preferibile offrire alcuni spunti di riflessione basati su un'effettiva correlazione geografico-ambientale tra lo scacchiere delle operazioni militari presentemente in atto (ovvero pianificate a breve scadenza, salvo sorprendenti e disdicevoli imprevisti) e la dislocazione sul terreno degli antichi insediamenti mesopotamici.



L'odierna conformazione geo-morfologica del territorio iracheno pi o meno la stessa di quella documentata gi a partire dal periodo neolitico (7000 a.C.): le principali differenze concernono il percorso dell'Eufrate, che - a partire dalla zona dove oggi sorge Baghdad - originariamente scorreva un centinaio di chilometri pi a est, non si univa al Tigri all'altezza di Qurnah, dove oggi inizia il tratto comune (lo Shatt el Arab) e sfociava nel Golfo Arabo-Persico nei pressi dell'odierna Nassiriya, l dove arrivava l'antica linea costiera, progressivamente arretrata in conseguenza dei depositi alluvionali trasportati dai due grandi fiumi.



Un rapido sguardo al quadro delle ostilit in corso nel sud e in preparazione nel nord del paese e, in particolare, la messa in pianta dei vari percorsi delle truppe di terra con destinazione finale Baghdad, rivela significative analogie con invasioni e conflitti che hanno caratterizzato cinquemila anni di storia mesopotamica. Il problema cruciale per chi proviene dall'area desertica meridionale (l'odierno Kuwait) l'attraversamento dell'Eufrate: gli americani sono da vari giorni impegnati a conquistare Nassiriyah, vitale centro strategico sulla riva orientale del fiume, da dove si pu avanzare verso nord-ovest, percorrendo i trecento chilometri di pianura che distano da Baghdad. In alternativa, si pu procedere lungo la riva destra dell'Eufrate scegliendo un punto di attraversamento pi vicino alla capitale: questo il secondo itinerario delle truppe anglo-americane, che sono giunte a Najaf, hanno proseguito fino a Karbala e ora puntano verso Musayyib per varcare il fiume e posizionarsi a soli 80 chilometri dalla periferia di Baghdad. La progettata invasione dal fronte settentrionale prevede tre direttrici di marcia, i cui punti iniziali - in sequenza est-ovest - sono le citt di Sulamaniya, Erbil (e, pi a sud, Kirkuk) e Mossul - quest'ultima se e quando sar conquistata o comunque controllata dalle truppe americane. La via di Mossul procede a ridosso della riva occidentale del Tigri; la via di Erbil e Kirkuk taglia in direzione sud la pianura situata a est del Tigri stesso; la via di Sulamaniya si dirige a sud-est e raggiunge la valle del Diyala, massimo affluente del Tigri, di cui segue l'intero corso fino alla periferia meridionale di Baghdad.



Questi itinerari, nodo cruciale delle opzioni strategiche connesse con le odierne operazioni militari, hanno rappresentato il veicolo primario, e sostanzialmente immutabile, dell'interscambio culturale, delle relazioni commerciali e, non da ultimo, delle vicende belliche che, nell'arco di tre millenni, hanno caratterizzato la storia mesopotamica. La valle dell'Eufrate, nel suo lungo percorso dalla desolazione del deserto siro-arabo sino alle fertili coltivazioni del meridione, sempre stata una precisa linea di confine, fisica e ideologica, tra il centro - sede di civilt - e il mondo esterno, incolto, alieno, ostile. La via centrale della pianura delimitata dall'alveo dei due fiumi (e, un tempo, dalla fittissima rete dei canali) stata percorso di guerra sia nei conflitti interni tra le varie citt-stato dell'antico paese di Sumer sia nelle periodiche invasioni da parte dei nemici stanziati nella regione a est del basso corso del Tigri (l'odierna provincia di Ahvaz, nell'Iran sud-orientale). Le vie di Mossul e di Erbil sono i percorsi obbligati per qualsiasi collegamento tra Assiria (la regione compresa tra l'alto corso del Tigri e i suoi due affluenti orientali, il Grande e Piccolo Zab) e Babilonia: in questa zona che si concretizzata la millenaria conflittualit tra i due grandi poli della civilt mesopotamica, culminati con la distruzione totale di Babilonia da parte di Sennacherib (689 a.C.) e quella di Ninive da parte di Caldei e Medi (612 a.C.).



Veniamo al presente: quali sono i principali siti archeologici localizzati lungo le direttrici dell'invasione anglo-americana e a quali rischi vanno incontro?



Nelle immediate vicinanze di Nassiriya, a poca distanza dalla riva occidentale dell'Eufrate, si trovano i grandi insediamenti protostorici di Eridu e Ubeid - massimi centri dell'evoluzione tecnologica e culturale successiva alla fase neolitica - e le rovine della citt di Ur, capitale di un vasto impero che alla fine del terzo millennio esercit un saldo ed efficientissimo dominio sull'intera Mesopotamia e regioni adiacenti, dall'altopiano iranico sino alla Siria. I colossali resti della ziggurat, edificata da Ur-nammu - primo sovrano della dinastia di Ur - si ergono in suggestivo isolamento nell'immensit della pianura ormai completamente desertificata. Poco pi a ovest, sulla riva opposta dell'Eufrate, situata Uruk, la prima citt della Mesopotamia e, in assoluto, del mondo antico: in questo sito che, alla fine del quarto millennio, giunse a compimento la cosiddetta rivoluzione urbana, che introdusse la specializzazione e la divisione del lavoro, la segmentazione delle classi sociali ed economiche, il perfezionamento delle tecniche - culminate con la fondamentale invenzione della scrittura. Le direttrici di marcia che da Nassiriya puntano verso Baghdad, seguendo un percorso mediamente situato 100 chilometri a est della valle dell'Eufrate, incontrano una sequenza ininterrotta di antichi insediamenti, riportati alla luce nel corso di oltre un secolo di attivit archeologiche, dalla fine dell'ottocento sino alla paralisi causata dall'embargo del 1991.



Questi i siti di maggiore interesse, lungo la via che da Nassiriya si dirige verso Diwaniya e poi Hilla: Larsa, Lagash, Fara, Umma, Isin, Adab, Drehem e Nippur: sono i massimi centri della cultura sumerico-accadica le cui fondamentali testimonianze architettoniche, artistiche ed epigrafiche si collocano in un ampio e differenziato orizzonte cronologico che globalmente si estende dalla prima met del terzo millennio al VII-VI secolo a.C. Non pi di dieci chilometri separano Hilla dalle immense e tuttora largamente inesplorate rovine di Babilonia: gli antichi scavi tedeschi e i moderni restauri iracheni - cui vanno aggiunte alcune mostruosit edilizie a suo tempo edificate, in piena area archeologica, per il personale diletto del nuovo Nabucodonosor di Tikrit - offrono un'immagine solo parziale della pi celebre citt del Vicino Oriente preclassico. Nella vasta e irregolare distesa di pianori, colline e avvallamenti, di informi monticoli, sentieri e fossati, oggi pressoch impossibile identificare i resti decomposti e livellati dell'antico insediamento. Il caso di Babilonia esemplifica al meglio la natura e l'entit del rischio cui vanno incontro le antichit conservate in territorio iracheno, di fronte alla massiccia avanzata di truppe e mezzi pesanti al di fuori dei precari e insicuri moderni tracciati viari, e cio l'irriconoscibilit topografica di molti siti archeologici in tutto o in parte ancora da scavare.



Lo scenario del fronte settentrionale presenta un ulteriore fattore di rischio, derivante dalla localizzazione di alcuni antichi insediamenti rispetto agli odierni centri urbani. Ninive, la mitica capitale dell'impero assiro, si trova sulla riva orientale del Tigri, di fronte a Mossul, di cui anzi rappresenta uno dei quartieri centrali, ormai estesamente edificato proprio all'interno dell'immensa cerchia di mura che un tempo circondavano l'antica citt. Kirkuk ed Erbil sorgono direttamente sopra i resti di due antiche citt, ancora da scavare: Arraphe, la capitale di uno stato vassallo del gran regno di Mittani (XV-XIV secolo a.C.), e Arbail, uno dei massimi centri religiosi e culturali di epoca neo-assira. E' del tutto superfluo esemplificare i presumibili danni che verrebbero causati da incursioni aeree e combattimenti sul terreno: quanto del resto si sta verificando a Mossul, da vari giorni oggetto di pesanti bombardamenti.



Ma una diversa e ben pi grave minaccia incombe su questo straordinario patrimonio archeologico e storico-artistico: il saccheggio generalizzato e l'esportazione clandestina delle antichit di ogni tipo disseminate per ogni dove, sopra e sotto il suolo iracheno, ivi incluse le grandi e piccole collezioni custodite nei vari musei regionali.



Sino al 1990 la capillare organizzazione del Dipartimento delle Antichit aveva virtualmente impedito scavi clandestini e traffici illeciti. Non sembra che le operazioni militari a suo tempo condotte durante la Guerra del Golfo abbiano arrecato seri danni ai siti archeologici e ai monumenti situati nella zona centro-meridionale del paese; al contrario, le conseguenze di tredici anni d'embargo sono state devastanti: smembrata l'organizzazione del Dipartimento delle Antichit, a corto di personale e priva di risorse tecniche e finanziarie, perso quasi del tutto l'effettivo controllo del territorio, si scatenata una irresistibile caccia al tesoro da parte di singoli individui costretti a procurarsi qualcosa da vendere per ovviare alla miseria delle proprie famiglie.



Migliaia di tavolette cuneiformi, sigilli cilindrici e manufatti di ogni tipo sono giunti a Londra o in altri grandi centri del mercato antiquario, per essere poi ceduti - per via d'asta o a trattativa diretta - a collezionisti privati. La pioggia di missili, bombe e granate ha ora momentaneamente interrotto le attivit dei clandestini, ma non c' dubbio che lo scempio riprender, pi intenso e sistematico di prima, non appena il nuovo ordine regner sulla Terra dei due fiumi.





news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news