LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARCELLONA-Ora Barcellona alza un muro contro i turisti: Meglio i rifugiati
Francesco Olivo
La Stampa, 03/06/2017

Dalla Catalogna alle Baleari cortei e scritte. Ma il boom ha risollevato il Paese dopo la crisi



Le scritte poco ospitali compaiono ormai quasi tutti i giorni: Tourist go home. Tornatevene a casa vostra, il messaggio esplicito, perch la nostra troppo affollata. La Spagna macina record su record, i visitatori stranieri nel 2016 sono stati 75 milioni, questanno si punta a superare gli 80. Se per leconomia una benedizione (non sempre ben distribuita), per tanti cittadini, in un Paese di 46,5 milioni di abitanti, la convivenza complicata. Non esiste un movimento organizzato, ma tante realt che cominciano a non limitarsi a commenti acidi al bancone del bar. Per descrivere latteggiamento cambiato verso le masse di visitatori, nato anche un termine, molto contestato ma chiaro, la turismofobia. Lostilit, del tutto pacifica, in aumento e preoccupa unindustria che cresce con cifre impressionanti.

LA SUSCETTIBILIT

Quello che lo studioso Claudio Milano chiama lindice di suscettibilit, ha toccato vette altissime a Barcellona. Il paradosso, almeno visto dallItalia, che nella capitale catalana il motto tourists go home, spesso accompagnato da refugees welcome. Orde turistiche no, ma profughi s. Barcellona la pi visitata (e invasa) e pi si consolida il primato, pi si rompe lequilibrio con gli abitanti. Aumentano le navi da crociera, arrivano pi voli low cost e destate anche tanti vacanzieri in auto. Tutti, o quasi, si concentrano in centro e alla Barceloneta, un tempo il quartiere dei pescatori, oggi praticamente monopolizzato da comitive in ciabatte, costume con lasciugamano in spalla (la spiaggia a due passi).

Il tema del cambio di modello turistico al centro dellagenda pubblica da qualche anno, tanto che lattuale sindaca, Ada Colau, alleata di Podemos, deve parte del suo consenso alla sfida aperta che ha intrapreso contro leccessivo successo di visitatori. La giunta Colau nei suoi primi due anni di vita ha mantenuto aperto il fronte. I nemici sono fondamentalmente due: la giungla degli appartamenti in affitto soprattutto nei portali come Airbnb e il proliferare degli alberghi dove un tempo sorgevano case. Nel primo caso il Comune intervenuto con denunce, controlli serrati, limitazioni e multe. Nel secondo, Colau ha firmato una moratoria per gli alberghi: stop alla costruzione in centro e concessioni aperte solo in periferia.

I numeri aiutano a capire il fenomeno: in un centro di 55.000 abitanti ogni giorno dormono 80.000 turisti e il calcolo per difetto, visto che in tanti occupano illegalmente ogni tipo di alloggio. la forbice si allarga sempre di pi a discapito dei residenti che affittano agli stranieri e abbandonano i quartieri di sempre. la cosiddetta sindrome di Venezia: il centro a misura di comitive e non pi di abitanti. Davanti alle folle che intasano le Ramblas molti cittadini non restano pi indifferenti. Sono nate in questi mesi gruppi, piattaforme e si sono organizzati cortei che chiedono rispetto per chi la citt la vive.

Il movimento si sta allargando, coinvolgendo soprattutto le Baleari. A Maiorca e Ibiza, a causa del turismo di massa, neppure i medici stagionali riescono a trovare un appartamento dignitoso e sono costretti a soggiornare in stanze dedicate degli ospedali. Nellarcipelago arrivano ogni anno 15 milioni di stranieri, ma la disoccupazione resta al 15%.

Il tema divide, se lesproprio degli spazi comuni non pu non turbare, sono tanti quelli che, pi o meno alla luce del sole, guadagnano belle cifre. I dati macroeconomici la dicono lunga: il settore vale almeno il 12% del Pil. Per un Paese, come la Spagna, affossato dalla crisi finanziaria, il turismo stato il vero motore della ripresa, erodendo anche lenorme tasso di disoccupazione. Cos, i turismofobici si confrontano con un altro partito molto nutrito, che dice: Perch dovremmo rinunciare a tutto questo?. Uno dei pi illustri teorici del turismo spagnolo Fernando Gallardo, critico alberghiero del Pas: Nel 1950 in tutto il mondo viaggiavano 25 milioni di turisti ricchi, oggi siamo arrivati a 1,2 miliardi e non sempre benestanti. La verit che tutti questi che vogliono mettere dei muri contro i turisti, come fossero Trump, vogliono far diventare la Spagna come Portofino o le Maldive, oasi di ricchi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news