LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AAA Beni culturali cercasi sponsor per i gioielli in crisi
CLAUDIO REALE
30 maggio 2017 LA REPUBBLICA




L'ultimo appello riguarda l'Acropoli di Gela, per la quale arriver una proposta d'adozione . Ma da un angolo all'altro dell'Isola, i beni culturali siciliani sono un po' tutti a caccia di volontari e finanziatori: dalla Villa del Casale di Piazza Armerina, che nelle scorse settimane ha pubblicato un bando per chiedere alle associazioni della zona di affiancare il personale e rimuovere le erbacce, fino ad arrivare al museo di Palazzo Mirto di Palermo, che cerca sponsor per recuperare due busti ottocenteschi, e al Duomo di Monreale, che invece ha bisogno di soldi per restaurare alcune decorazioni del chiostro.

UN CALICE DI CULTURA

L'elenco praticamente infinito: da quando, un anno fa, la Cantina Settesoli ha chiesto e ottenuto di poter finanziare con 12mila euro l'illuminazione della fortificazione est dell'acropoli di Selinunte, il sistema dei beni culturali si aperto con quella che poi stata ribattezzata la "circolare Vermiglio" ai finanziamenti pi disparati, dai grandi contributi a quelli pi piccoli. L'accordo pi duraturo porta ancora una volta il logo della cantina di Menfi: grazie al progetto "Settesoli sostiene Selinunte", infatti, per ogni bottiglia di vino venduta viene versato un contributo di 10 centesimi per il restauro del tempio C dell'area archeologica. Una cifra che si stima ingente: le bottiglie vendute nei primi otto mesi, secondo il portale ufficiale, sono un milione e duecentomila.

MONUMENTI DA ADOTTARE

Non di solo denaro, per, vivono i beni culturali. A Gela, per esempio, si tenta di rilanciare l'Acropoli con le "adozioni": il direttore Emanuele Turco ha chiesto ai cittadini e alle associazioni di scegliere una delle otto porzioni nelle quali stata suddivisa l'antica citt del settimo secolo avanti Cristo e di ripulirla dalle sterpaglie. Un'iniziativa analoga, nelle scorse settimane, era stata lanciata dalla Villa del Casale: la direttrice Giovanna Susan ha chiesto alle associazioni locali di estirpare gratuitamente le erbacce, ma anche di affiancare il personale in compiti come l'assistenza ai disabili. Per chi si offerto previsto anche un piccolo rimborso spese da 4 euro l'ora, ma con un'avvertenza: Il contributo comunque condizionato all'erogazione delle somme da parte del dipartimento dei Beni culturali. Proprio l'esigenza cui si cerca di far fronte. Ad ogni modo, a Piazza Armerina l'"affiancamento" partito da un paio di settimane, e adesso si pensa di rilanciare. Nei prossimi giorni, quindi, Susan pubblicher altri due bandi per chiedere ai volontari di prendersi cura del museo di Aidone (che ospita fra le altre opere la Dea di Morgantina) e della vicina area archeologica.

I FONDI? UN TERNO AL LOTTO

Perch nei beni culturali siciliani, che per i restauri possono contare appena su 2,8 milioni all'anno, il vero problema trovare fondi. Cos i gestori dei monumenti devono inventarsi qualcosa: in estate, ad esempio, la soprintendente ai Beni culturali di Palermo, Maria Elena Volpes, ha pubblicato un bando per rifare l'illuminazione interna della Palazzina cinese, ottenendo 30mila euro dal Gioco del lotto. Qualcosa di pi ha chiesto, per effettuare un'operazione simile, il museo del Satiro di Mazara: il bando pubblicato poche settimane fa prevede una sponsorizzazione da 36mila euro per finanziare la progettazione, la fornitura e l'installazione dell'impianto di illuminazione.

Il punto che per alla ricerca di sponsor si affidano anche iniziative pi urgenti. Il duomo di Monreale, ad esempio, ha bisogno di qualcuno che intervenga sul chiostro dei Benedettini: la decorazione tardo-manierista che orna la biglietteria, secondo la soprintendenza ai Beni culturali, in precario stato di conservazione. E visto che sui muri sono spuntate alcune macchie di umidit servono diecimila euro per condurre dei saggi sulle pareti e sulla volta, con l'obiettivo finale di rimettere a nuovo uno dei monumenti inclusi dall'Unesco nell'elenco dei patrimoni dell'umanit. Molto meno serve, ad esempio, per prendersi cura delle decorazioni parietali del primo secolo avanti Cristo nell'area archeologica di Solunto (1.200 euro) o per i busti ottocenteschi di Palazzo Mirto (600 euro), ma se si arriva ai progetti pi piccoli l'elenco diventa letteralmente sterminato. Perch nella Sicilia a corto di fondi anche qualche centinaio di euro pu fare la differenza. Ed anche di questi piccoli interventi che il sistema beni culturali ha un disperato bisogno.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news