LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paestum espone le tombe lucane dipinte
02 giugno 2017 LA REPUBBLICA



LA MOSTRA "ACTION PAINTING" A CURA DI MARINO NIOLA E GABRIEL ZUCHTRIEGEL

"REINVENTARE la vita per addolcire la morte": basta ricordarsi della Canzone di Marinella di De Andr, per capire lo spirito della tombe dipinte di Paestum. Nel quarto secolo avanti Cristo, come oggi, il messaggio non cambia: l'essere umano affronta il lutto celebrando l'esistenza di chi lo ha lasciato. Ed questo il senso della mostra "Action Painting" nel museo di Paestum. La sala dedicata al santuario di Hera Argiva, da oggi al 31 dicembre ospita un allestimento nuovo, composto da nove sepolture affrescate e quattro corredi funebri. I reperti, quasi tutti provenienti dai depositi dell'edificio, sono stati protagonisti di piccole esposizioni, o mai mostrati al pubblico. Proprio come il tesoretto ritrovato nel sepolcro di una donna, composto da una collana, orecchini, fermagli e fibbie. Queste lastre dipinte - spiega il direttore del parco e del museo Gabriel Zuchtriegel - raccontano i temi pi diffusi nella pittura sepolcrale delle tombe lucane, ossia quelle realizzate nel quarto e terzo secolo avanti Cristo, quando altre popolazioni italiche si affiancarono ai greci nella vita quotidiana a Paestum. Gli stili pittorici si evolvono, anche se c' una continuit stilistica, comprovata negli elementi decorativi che collegano queste tombe a quella del Tuffatore, pi vecchia di un secolo. La mostra ha un carattere archeologico con un approfondimento antropologico sui riti di sepoltura. Oltre a Zuchtriegel, infatti, i curatori sono Elisabetta Moro e Marino Niola. I visitatori - dice quest'ultimo - possono ammirare oggetti splendidi e anche farsi un'idea di tutto quel ci che rappresentano. Ossia le cerimonie per i morti, le azioni per antonomasia inventate dagli uomini per affrontare la morte ed esorcizzarla. Si pu dire che le opere funerarie siano un vero e proprio attivatore della cultura umana, in un unico filo rosso evolutivo, dalle piramidi alle tombe di Paestum. Fino ad oggi. Certo - conclude Niola - la tecnologia traduce tutto nel suo linguaggio, totalmente diverso dal passato, ma qualcosa rimane. Come simbolo e monito. Ed ecco che, nel lutto di internet, nel messaggio di una lapide elettronica, Facebook si trasforma in una grande

Spoon River digitale. Tra gli oggetti esposti, spicca un bellissimo vaso firmato dall'artista Python, che racconta la nascita di Elena. Accanto, la tomba di un guerriero, il cui scheletro indossa ancora la corazza. Ancora, scene affrescate di processioni, donne piangenti, giochi di lotta, suonatori di flauto e figure di eroi che tornano vittoriosi a casa, accolti da una donna con un recipiente di libagioni. La tomba pi importante certamente la numero 418, rinvenuta nella localit Spina Gaudo. stata appena restaurata dal museo, grazie ad una speciale donazione di 30mila dollari della fondazione "Italian American Forum". Gli affreschi - dichiara Tiziana D'Angelo, responsabile scientifica dell'allestimento e docente di arte e archeologia classica a Cambridge - sono straordinari: la defunta ritratta accanto al volto di una gorgone, figura legata al passaggio nell'oltretomba. un esempio unico. La pittura presenta anche tracce di tessuto, studiate da Francesco Meo, docente di archeologia della Magna Grecia nell'universita del Salento: Sono i resti del sudario della donna - afferma - composto da lana
pregiata.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news