LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paestum espone le tombe lucane dipinte
02 giugno 2017 LA REPUBBLICA



LA MOSTRA "ACTION PAINTING" A CURA DI MARINO NIOLA E GABRIEL ZUCHTRIEGEL

"REINVENTARE la vita per addolcire la morte": basta ricordarsi della Canzone di Marinella di De Andr, per capire lo spirito della tombe dipinte di Paestum. Nel quarto secolo avanti Cristo, come oggi, il messaggio non cambia: l'essere umano affronta il lutto celebrando l'esistenza di chi lo ha lasciato. Ed questo il senso della mostra "Action Painting" nel museo di Paestum. La sala dedicata al santuario di Hera Argiva, da oggi al 31 dicembre ospita un allestimento nuovo, composto da nove sepolture affrescate e quattro corredi funebri. I reperti, quasi tutti provenienti dai depositi dell'edificio, sono stati protagonisti di piccole esposizioni, o mai mostrati al pubblico. Proprio come il tesoretto ritrovato nel sepolcro di una donna, composto da una collana, orecchini, fermagli e fibbie. Queste lastre dipinte - spiega il direttore del parco e del museo Gabriel Zuchtriegel - raccontano i temi pi diffusi nella pittura sepolcrale delle tombe lucane, ossia quelle realizzate nel quarto e terzo secolo avanti Cristo, quando altre popolazioni italiche si affiancarono ai greci nella vita quotidiana a Paestum. Gli stili pittorici si evolvono, anche se c' una continuit stilistica, comprovata negli elementi decorativi che collegano queste tombe a quella del Tuffatore, pi vecchia di un secolo. La mostra ha un carattere archeologico con un approfondimento antropologico sui riti di sepoltura. Oltre a Zuchtriegel, infatti, i curatori sono Elisabetta Moro e Marino Niola. I visitatori - dice quest'ultimo - possono ammirare oggetti splendidi e anche farsi un'idea di tutto quel ci che rappresentano. Ossia le cerimonie per i morti, le azioni per antonomasia inventate dagli uomini per affrontare la morte ed esorcizzarla. Si pu dire che le opere funerarie siano un vero e proprio attivatore della cultura umana, in un unico filo rosso evolutivo, dalle piramidi alle tombe di Paestum. Fino ad oggi. Certo - conclude Niola - la tecnologia traduce tutto nel suo linguaggio, totalmente diverso dal passato, ma qualcosa rimane. Come simbolo e monito. Ed ecco che, nel lutto di internet, nel messaggio di una lapide elettronica, Facebook si trasforma in una grande

Spoon River digitale. Tra gli oggetti esposti, spicca un bellissimo vaso firmato dall'artista Python, che racconta la nascita di Elena. Accanto, la tomba di un guerriero, il cui scheletro indossa ancora la corazza. Ancora, scene affrescate di processioni, donne piangenti, giochi di lotta, suonatori di flauto e figure di eroi che tornano vittoriosi a casa, accolti da una donna con un recipiente di libagioni. La tomba pi importante certamente la numero 418, rinvenuta nella localit Spina Gaudo. stata appena restaurata dal museo, grazie ad una speciale donazione di 30mila dollari della fondazione "Italian American Forum". Gli affreschi - dichiara Tiziana D'Angelo, responsabile scientifica dell'allestimento e docente di arte e archeologia classica a Cambridge - sono straordinari: la defunta ritratta accanto al volto di una gorgone, figura legata al passaggio nell'oltretomba. un esempio unico. La pittura presenta anche tracce di tessuto, studiate da Francesco Meo, docente di archeologia della Magna Grecia nell'universita del Salento: Sono i resti del sudario della donna - afferma - composto da lana
pregiata.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news