LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Com'era copione Fra' Carnevale
di CARLO BERTELLI
30 LUG 2005 CORRIERE DELLA SERA

Dalla penombra, Fra' Carnevale uscito alla luce, con una intelligente mostra tenuta, quest'anno, prima a Brera e poi al Metropolitan Museum di New York.

ancora lui, Fra' Carnevale, il personaggio che compare nell'intestazione della rassegna appena aperta a Urbino, dove egli aveva lavorato in decenni cruciali, fino alla morte avvenuta nel 1484.

L'esposizione, dovuta specialmente agli studi di Alessandro Marchi e Maria Rosa Palazzi, assai diversa dalle altre, se non altro e non poco perch proprio all'epicentro, nelle sale dette della Me nello stupefacente palazzo d'Urbino, di cui propone una lettura nuova e seducente, commentando i rilievi di Michele di Giovanni da Fiesole, detto il Greco, che dopo il restauro si mostrano in tutta la loro gentile eburnea delicatezza. Dalle finestre si vede il portale della chiesa domenicana, opera di Maso di Bartolomeo e collaboratori, voluto da Federico da Montefeltro e primo segnale della sua volont di rifare radicalmente l'aspetto della sua piccola citt montana.

A quel progetto, cui guardarono con ammirazione i grandi capitani d'industria del XX secolo, Come Pierpont Morgan, partecip Fra' Carnevale.
Di lui, che seguiamo ora attraverso una discreta mole di documenti, molto sembra ancora sfuggire.
Nato entro il 1416, aveva avuto rapporti di lavoro con il pittore Antonio Alberti da Ferrara, astro delle tendenze gotiche nel territorio di Urbino, ma attorno al 1445 era a Firenze, discepolo di Filippo Lippi. La sua Annunciazione, qui esposta, quasi una timida copia d'un esempio del Lippi.
Nel 1455 dava i disegni ai muratori che dovevano riedificare il duomo. La costruzione and avanti fino al 1534 e vi sovrintese, dal 1474-'77, il grande Francesco di Giorgio. Sicch non si sa che disegni fornisse Fra' Carnevale.
Che fosse architetto, lo escluderebbe la sua stessa pittura, abbondante in citazioni, eppure priva di un sentimento sicuro delle strutture, ma fu certo pronto a cogliere i motivi ornamentali del portale di San Domenico e, con la stessa facilit con cui era passato da Antonio Alberti a Filippo Lippi, fu un antologico fagocitatore di temi eruditi."
Incerto perch a lui, nato Bartolomeo Corradini, fosse affibbiato dai contemporanei un soprannome cos cordiale. Pare che non fosse perch era giocondo e pasciuto, ma, con ironica opposizione, perch era smunto e osservante dei digiuni. Di famiglia urbinate abbiente, fu dunque a corte un piacevole e colto consigliere, che tuttavia negli scomparti di un grande polittico disperso, e qui ricomposto, raggiunge un'insolita efficacia drammatica.
Fra' Carnevale diventa cos la guida preziosa per cogliere il crescere del Rinascimento a Urbino, da Paolo Uccello a Piero della Francesca, da Luciano Laurana al colto padre di Raffaello, Giovanni Santi, sino a scoperte sorprendenti, come quella di un maestro ardito e totalmente nuovo, cmamato provvisoriamente il Maestro dello Stendardo di San Giovanni.
L'incanto della mostra dato soprattutto dalla gradevole armonia delle sculture di Michele di Giovanni da Fiesole, nel quale Federico da Montefeltro pensava di avere trovato il contrapposto a quanto con inesauribili grazia e inventiva Agostino di Duccio stava realizzando nel Tempio di Rimini, l'ambiziosa fondazione del suo personale nemico Sigismondo Pandolfo Malatesta, cui il palazzo allora in fieri e il portale di San Domenico si opponevano.
Poi, accanto a Federico, un'altra presenza diventa decisiva. Battista Sforza porta con s non soltanto nuovi legami familiari, ma un distillato di cultura che unifica quanto era stato pensato e prodotto nelle corti dell'Appennino e dell'Adriatico, nel momento in cui Francesco Sforza signore di Milano.
Nel percorso della mostra, la camera piet, luminosa per le figure di guerrieri all'antica, dipinti da Giovanni Boccati, forse realizzata nel 1459-'6O per le nozze, inaugura una stagione nuova del palazzo, un'et eroica per le dimensioni e l'impegno intellettuale.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news