LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cosa dice davvero la sentenza del TAR su musei e direttori stranieri

Spieghiamo a Franceschini che i giudici amministrativi non sono xenofobi, non sono impazziti n hanno fatto fare figuracce all'Italia davanti al mondo. Cosa dice davvero la sentenza del TAR e perch sarebbe il caso di leggerla prima di aprire la fogna come un Berlusconi in sedicesimo, il ministro della Cultura Dario Franceschini ha deciso di scagliarsi contro una sentenza di un tribunale italiano (il tribunale amministrativo regionale del Lazio) che si azzardato a bocciare la nomina di cinque dei venti direttori dei supermusei e le nomine, di conseguenza, sono state annullate. Con grande senso delle istituzioni e clamorosa capacit argomentativa, il ministro Franceschini ha affidato le sue critiche alla sentenza a un tweet.

La sentenza del TAR sui musei

Avendo dato quindi conto della poderosa capacit argomentativa di un ministro della Repubblica italianAHAHAH, passiamo quindi a raccontare perch quei mattacchioni dei giudici amministrativi si sono azzardati a dare torto a Franceschini. In una delle sentenze, in estrema sintesi, si afferma un principio non per forza giuridico. Nel dettaglio, la sentenza nasce da un ricorso di Giovanna Paolozzi Maiorca Strozzi, dirigente del ministero dei Beni Culturali, contro il ministero dei Beni culturali e Peter Assmann, nominato al Palazzo Ducale di Mantova, e Martina Bagnoli, nominata alla Galleria Estense di Modena. La Paolozzi chiedeva lannullamento, previa sospensione dellefficacia, dellesclusione della ricorrente dalla selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore degli istituti museali Palazzo Ducale di Mantova e Galleria Estense di Modena. La ricorrente aveva partecipato alla selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore indetta con bando il 7 maggio per il Palazzo Ducale e la Galleria Estense ma non era stata ammessa alla valutazione finale e allultima fase della selezione.

La legge in questione, spiega il TAR nella sentenza, la 29 luglio 2014 n. 104: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. In essa si legge:

Al fine di adeguare lItalia agli standard internazionali in materia di musei e di migliorare la promozione dello sviluppo della cultura, anche sotto il profilo dellinnovazione tecnologica e digitale, con il regolamento di cui al comma 3 sono individuati, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica e nel rispetto delle dotazioni organiche definite in attuazione del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, i poli museali e gli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale che costituiscono uffici di livello dirigenziale.

I relativi incarichi possono essere conferiti, con procedure di selezione pubblica, per una durata da tre a cinque anni, a persone di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e in possesso di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura, anche in deroga ai contingenti di cui allarticolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, e comunque nei limiti delle dotazioni finanziarie destinate a legislazione vigente al personale dirigenziale del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo.

Nel ricorso si contestava anche il metodo di attribuzione del punteggio nella selezione. Il TAR su questo si dichiarato incompetente a decidere: il Collegio ritiene che esula dal perimetro di valutazione del giudice amministrativo ogni apprezzamento della commissione con riferimento ai requisiti dimostrati dalla candidata con la presentazione della domanda e degli allegati ad essa, alla quale sia stato attribuito un punteggio, in quanto tale verifica conduce ad un sindacato profondo delloperato della commissione che coinvolge anche il confronto tra i punteggi attribuiti ai candidati, spingendosi fino al giudizio comparativo dei requisiti in possesso della odierna ricorrente e quelli il cui possesso stato vantato dai concorrenti alla stessa posizione dirigenziale aspirata dalla ricorrente medesima (ci vale sia per il Palazzo ducale di Modena Galleria che per la Galleria estense di Modena), decisamente ultroneo rispetto alla, pi limitata, verifica giudiziale della legittimit della esclusione della candidata dalle successive fase della selezione.

Perch il TAR ha bocciato Franceschini

Il TAR ha inoltre dato ragione al ministero anche sul punteggio della selezione attribuito alla ricorrente, perch, ad esempio, non vi sono indizi di attivit specifiche e circostanziate svolte e riferite dalla candidata nella gestione di consigli di amministrazione ovvero di predisposizione e gestione di accordi, se non di numerosissime attivit di collaborazione in progetti finanziati, che non possono ricondursi nellalveo della gestione di accordi con soggetti pubblici e privati.

Il giudice amministrativo ha invece dato torto al ministero in primo luogo sul criterio di valutazione: lassegnazione delle lettere A, B e C invece dei punteggi numerici perch non consente di comprendere il reale punteggio attribuito a ciascun candidato, anche in ordine al criterio di graduazione di ogni singolo punto dei 20 da assegnare allandamento della prova orale, a conclusione del colloquio sostenuto. In secondo luogo il giudice ha fatto notare che i colloqui di valutazione si sono svolti a porte a chiuse: Secondo il consolidato indirizzo giurisprudenziale, al fine di assicurare il rispetto dei principi di trasparenza e parit di trattamento tra i candidati di una selezione pubblica [] occorre che durante le prove orali sia assicurato il libero ingresso al locale, ove esse si tengono, a chiunque voglia assistervi e, quindi, non soltanto a terzi estranei, ma anche e soprattutto ai candidati, sia che abbiano gi sostenuto il colloquio, sia che non vi siano stati ancora sottoposti, atteso che ciascun candidato titolare di un interesse qualificato a presenziare alle prove degli altri candidati, al fine di verificare di persona il corretto operare della commissione.

Cosa dice il TAR sui direttori stranieri nei musei italiani
Infine, il tribunale amministrativo ha affrontato lultimo punto, quello su cui si concentrato Franceschini nelle sue dichiarazioni (ignorando evidentemente le altre critiche del TAR) e su cui si sta scatenando un gran bailamme. Qui il tribunale spiega che le disposizioni speciali introdotte dallart. 14, comma 2-bis, del d.l. 84/2014, convertito in l. 106/2014, non si sono spinte fino a modificare o derogare lart. 38 d.lgs. 165/2001. Ovvero: la legge partorita dal governo e dal ministro non ha modificato la legge che impediva lammissibilit di cittadini non italiani di partecipare alle selezioni per lassegnazione di un incarico di funzioni dirigenziali in una struttura amministrativa nel nostro Paese. Se lo avesse fatto, il ragionamento del tribunale che oggi qualcuno, giusto per spararla grossa, accusa addirittura di xenofobia, la nomina di direttori stranieri sarebbe stata perfettamente valida.

Gi questo ci fa capire chi abbia fatto una figuraccia davanti al mondo tra il TAR e Franceschini. Il tribunale infatti spiega: Deve quindi affermarsi che il bando della selezione qui oggetto di contenzioso non poteva ammettere la partecipazione al concorso di cittadini non italiani in quanto nessuna norma derogatoria consentiva al MIBACT di reclutare dirigenti pubblici al di fuori delle indicazioni, tassative, espresse dallart. 38 d.lgs. 165/2001. E non solo: il TAR ha anche spiegato che il ministero dei Beni Culturali non ha ben compreso la sua stessa legge.

Ricapitolando, quindi: la questione della nazionalit non lunico elemento che ha portato alla sconfitta del ministero in tribunale. Ci sono ragioni di trasparenza non rispettata che Franceschini avrebbe dovuto notare. In pi, il ministero avrebbe avuto la possibilit di coprire legalmente la questione dei direttori stranieri ma non lo ha fatto. Il ministro ha annunciato un ricorso al Consiglio di Stato. In attesa che la giustizia faccia il suo corso magari ribaltando la sentenza sarebbe carino da parte delle istituzioni, dei parlamentari, dei segretari dei partiti politici evitare di attaccare altre istituzioni dello Stato con argomenti da bar. O almeno prima di farlo imparino a scrivere le leggi.

EDIT: Unaltra sentenza del TAR sullo stesso argomento ha respinto la richiesta di sospendere Eike Schmidt da Direttore della Galleria degli Uffizi di Firenze e Cecile Holberg dalla Galleria dellAccademia di Firenze. Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso relativo alla direzione degli Uffizi e dellAccademia di Firenze proposto dalla ricorrente Giovanna Damiani. Per i giudici la ricorrente, non avendo potuto dimostrare lillegittimit della estromissione dalla decina dei candidati idonei a concorrere alla seconda fase della complessa procedura selettiva, non ha dunque alcun interesse diretto alla impugnazione delle nomine. Mentre il ricorso della stessa Damiani relativamente alla direzione dellAccademia di Venezia, con riferimento alla possibilit attribuita a soggetti non italiani di aspirare ad assumere funzioni dirigenziali in una pubblica amministrazione, stato dichiarato inammissibile tenuto conto che risultata vincitrice una italiana. Questo perch i giudici ce lhanno con gli stranieri

https://www.nextquotidiano.it/tar-musei-stranieri-franceschini/


news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news