LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Franceschini era daccordo, e il musical non un sacrilegio
Francesco Prosperetti*
Corriere della Sera - Roma 24/5/2017

*Francesco Properetti Soprintendente per i Beni Archeologici di Roma

Sono convinto che larcheologia troppo spesso usata per recintare pezzi preziosi di territorio. I luoghi storici, al contrario, dovrebbero essere parte della nostra vita e a maggior ragione in una citt come Roma.

Per questo, quando stato presentato il Divo Nerone in accordo con il ministro Franceschini e il suo gabinetto, ho pensato che un musical non fosse un sacrilegio, ma un modo di far sentire il Palatino parte della vita delle persone e della citt. La mia preoccupazione quindi stata la tutela, attraverso un allestimento che non portasse danni alle strutture archeologiche.E la valorizzazione offrendo ai visitatori un museo virtuale per rendere comprensibili le varie fasi storiche della Vigna Barberini, dal I secolo allepoca barocca, fasi che oggi sfuggono anche allocchio esperto, e sono ricostruibili solo dagli studiosi. Proprio lidea dellapertura ha guidato il mio operato come Soprintendente a Roma e questo mi permette di riprendere due temi toccati dallintervento di Chicco Testa di qualche giorno fa: il Palatino e via dei Fori Imperiali.

Nel marzo 2015, appena nominato soprintendente (allora si chiamava Soprintendenza per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e larea archeologica di Roma), ma prima di entrare ufficialmente in carica, ho voluto fare un giro, in incognito, al Foro Romano e al Palatino. Mi sono reso conto che per il luogo delle origini di Roma mancava una visione complessiva, in grado di trasmettere al visitatore la stupefacente vicenda di quel pezzo di suolo, divenuto il centro di comando pi importante dellantichit occidentale, tanto che il suo nome proprio in latino, Palatium, si trasformato nel nome comune per definire il luogo del potere per eccellenza, il palazzo: imperiale, reale, nobiliare, del parlamento, della giustizia. Ma il Palatino, con le sue terrazze e i suoi vari livelli di accesso, potenzialmente anche il luogo dove far nascere un tipo di fruizione non occasionale, e dunque dedicata non solo ai turisti, ma soprattutto ai romani. In questi due anni abbiamo elaborato un progetto complessivo per il Palatino (ma anche per il Foro), che mancava da quasi 100 anni. Gli archeologi e gli architetti della Soprintendenza hanno lavorato spalla a spalla con professionisti tra i pi qualificati del mondo: un confronto non sempre facile ma che ha dato i suoi frutti.

Oggi, con la nascita del Parco del Colosseo, questo progetto, come tanti altri, fermo, arenato in un limbo da cui mi auguro si esca presto, perch se c una cosa che dobbiamo a Roma e al Mondo proprio una visione, un progetto, per un luogo tanto prezioso quanto, negli ultimi decenni, ignorato come il Palatino. Una visione del suo passato, ma anche del suo futuro.

Anche su via dei Fori Imperiali il nostro debito con la contemporaneit , a dir poco, grandissimo: Comune, Stato, Ministero e Soprintendenze hanno provato fino a ieri con commissioni, studi, progetti e progettini: molto esercizio ma nulla che arrivasse a una idea forte e sostenibile. Forse memore del suo passato in Enel e Acea, Testa propone di illuminarlo a giorno: a parte il fatto che tutta lestate siamo l, con gli spettacoli organizzati dal Comune nei Fori Imperiali e le visite guidate della Soprintendenza nel Foro Repubblicano, mi chiedo perch? A me pare una pessima idea, ma se il modello deve essere la movida, in stile Campo de Fiori, lo si dica con chiarezza, e ci si confronti con la citt.

Da parte mia, quando il ministro Dario Franceschini e il sindaco Ignazio Marino discutevano sullistituzione del Consorzio tra Stato e Comune, a pi riprese ho proposto per via dei Fori un modello diverso, tipico di altri paesi, in particolare il Na tional Mall di Washington.

Un luogo identitario e democratico, dove si riconoscesse lintera citt, ed essendo questa la capitale, il Paese. Una strada dove si affacciassero delle istituzioni importanti, come appunto nella capitale Usa: gli spazi a disposizione cui dare le funzioni pi appropriate al ruolo di questa parte della citt, per farla vivere e rappresentare i valori della capitale sono fin troppi. Oltre ai Fori imperiali e al Colosseo, al Foro con la Curia e la Basilica di Massenzio, ci sono Palazzo Venezia e il Vittoriano, e anche due grandi edifici vuoti e praticamente abbandonati come Palazzo Rivaldi e la Torre dei Conti. Pi che su un musical, che probabilmente rester un esperimento unico, su questi temi auspicabile un vero dibattito, che metta tutti noi, soprintendenti, sovrintendenti, assessori sindaci e ministri di fronte al vero obbiettivo: Roma merita di pi, lo dobbiamo alla citt e al mondo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news