LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA CITT DEL MISCUGLIO
LORENZO MARONE
21 maggio 2017 la Repubblica



STAVOLTA parler di grigio, che non proprio un colore, ma un guazzabuglio, un miscuglio di bianco e nero, una via di mezzo, considerato nell'accezione comune come un "bianco sporco".

Ho usato a proposito il termine "miscuglio", credo sia la parola che pi si addice alla nostra citt, che un miscuglio di colori, di bianco e nero appunto, ma anche di stati d'animo, di personalit, di stili architettonici, un miscuglio di classi sociali e popoli, di sorrisi solari e facce da criminale, di sapori dolci e salati, pastiera e pizza, sfogliatella e rag, musica antica e neomelodici, fede e scaramanzia, tradizione e rap. Gi, ma che c'entra qui il grigio? A me, lo sapete, piace dare risalto alle piccole grandi cose della nostra citt, al bianco per intenderci, ma non disdegno certo di soffermarmi sul grigio (che, in realt, la parte preponderante), di parlare dei piccoli grandi problemi quotidiani di Napoli che probabilmente non fanno notizia perch non vendono. Il lungo preambolo per dire che nel grande calderone del grigio oggi, purtroppo, dobbiamo infilarci anche la gloriosa Villa Floridiana, piena di transenne e aree chiuse al pubblico, di alberi lasciati marcire e non potati, con giardini non curati e pieni di buche. Questo diventato il parco del Vomero, e lo dico con grande rammarico, io che ci sono cresciuto e ancora ricordo le emozioni dei tanti pomeriggi trascorsi ad arrampicarmi sui suoi alberi. Con gli amichetti di allora correvamo fra i viali ora inaccessibili e ci immaginavamo esploratori di un'isola deserta, alla ricerca di un importante tesoro. E la sera tornavo a casa con le mani sporche di terra e l'odore delle foglie sotto le unghie, con gli aghi di pino infilati nei calzini e i graffi delle cortecce sulle ginocchia. Qualche settimana fa vi ho portato mio figlio per l'inaugurazione di un'area attrezzata per i bimbi, delle giostrine insomma. In realt "l'area attrezzata" consta di due altalene e uno scivolo. Per carit, ben vengano le altalene e lo scivolo, soprattutto perch sono stati voluti e acquistati dal Rotaract Distretto 2100, un'associazione di giovani che si d da fare per aiutare e valorizzare la societ. Quindi merito loro se all'interno del parco oggi esistono almeno quel paio di giochi.

Tra l'altro ho letto che ci sono voluti due anni per ottenere i permessi dalla Soprintendenza. Due anni. Ma non questo il punto. Il punto lo stato indecoroso nel quale versa il parco. Cos mi sono messo su internet per cercare di capirci qualcosa, per sapere di chi la colpa di questo sfascio, ma non ho cavato un ragno dal buco. Nel senso che potrei stare qui a dirvi dei passaggi burocratici, delle convenzioni, degli scaricabarile, e alla fine torneremmo al punto di partenza: e cio che, allo stato, della Floridiana non se ne occupa nessuno. "C' un piacere nei boschi senza sentieri, c' vita laddove nessuno si intromette", diceva giustamente Lord Byron nei suoi versi. I bambini hanno diritto a sentirsi protetti dal bosco e dalla terra, a inzaccherarsi i pantaloni di fango, a sbucciarsi le ginocchia e a pungersi con l'edera. Hanno diritto di imparare a orientarsi in quei luoghi dai quali proveniamo. Non so di chi sia la colpa e non mi piace puntare l'indice, dico solo che l'unico parco giochi presente al Vomero quello dei giardinetti di via Ruoppolo, dove per terra c' un finto prato. E che le aiuole della Villa comunale, a oggi, non sono state potate e l'erba incolta continua a crescere. un discorso pi generale direte, il nostro un Paese che non ha uno straccio di politica sul verde e che tende a ridurre sempre di pi le risorse per l'ambiente. Va bene, allora rispondo che secondo l'Ispra (Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale), Napoli, con il 62 per cento del territorio, la citt pi cementificata d'Italia.

Vogliamo che i turisti capiscano e apprezzino la bellezza della nostra citt, che si smetta di parlare solo e sempre del nero, e poi non sappiamo tenere in piedi un giardino pubblico, non siamo capaci di destinare un'area verde ai nostri bambini, costretti da sempre ad accontentarsi di rincorrere un pallone su uno spiazzo di cemento, fra una panchina arrugginita e una fermata del pullman. Ecco, questo uno dei tanti grigi di Napoli, signori miei. E non fa notizia.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news