LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia superstar e la monocultura turistica
di FRANCO MIRACCO
22 maggio 2017 la nuova Venezia

L'INTERVENTO


sufficiente aver letto il primo "blocco" dell'intervista al ministro Franceschini per ritrovarsi in una condizione di allarme. A Paolo Possamai che gli chiede se l'Italia sar capace di mettere in questione intelligentemente il proprio patrimonio e non svenderlo e svilirlo come insegna l'assalto barbarico di Venezia, l'imperturbabile ministro rilancia con previsioni che, se giudicate dal nostro attuale presente, ci appaiono come degli incubi. Se negli anni Cinquanta il mercato mondiale era costituito da 25 milioni di turisti, oggi siamo gi a un miliardo e 200 milioni, un numero che aumenter di anno in anno "in modo esponenziale". Di qui il sogno di Franceschini: Tra vent'anni sono persuaso che i mille borghi, le citt d'arte che pullulano in Italia, ma anche le destinazioni di montagna e di mare, avranno conosciuto un formidabile boom. Ma un formidabile boom di che cosa? Di invasioni devastanti di "visitatori" sul modello ministeriale di quanto si fa nella sfortunata Reggia di Caserta attraversata da pi di 30 mila persone nel corso di un fine settimana? E fra cinque o dieci anni "i visitatori", stando al profetico ministro, diverranno non meno di 100 mila in un solo giorno? Cos a Caserta, ad Asolo o ad Arqu Petrarca, mentre a Venezia intanto... meglio non pensarci. Un ministro della Cultura che scambia la complesssa nozione di valorizzazione del bene culturale per crescita in modo esponenziale dei numeri di "visitatori", solo in limitatissima quota consapevoli di cosa significhi la regale architettura casertana di Luigi Vanvitelli con in pi il magnifico parco, minaccia allarmante per il futuro delle citt antiche,per i piccoli centri storici,per musei e aree archeologiche. E assieme al contesto culturale e paesaggistico verrebbe (verr) mortalmente compromessa anche la qualit della vita di quei luoghi, in tal modo nemmeno pi attrattivi. Ma se si vuole capire il perch del nostro allarme, si consideri lo stile e il peso culturale del modo ministeriale in cui si promuove la Reggia di Caserta, e questo accade anche altrove tra Pompei e il Colosseo. C' un apposito sito, ovviamente, per Caserta e l vi si narra di un "luogo da invadere" e di "un capo invasore". Sic! A leggere le risposte date dal ministro alla "Nuova Venezia", si portati a credere che a Franceschini non importi il suo cadere in contraddizione.Se da una parte ti annuncia che miliardi di "invasori" nei prossimi anni verranno in Europa e pertanto in Italia, tanto che borghi, sentieri, aree di montagna, conosceranno un aumento notevolissimo di "turisti", dall'altra il rimedio a simili invasioni non potr che essere il turismo colto e sostenibile. Turismo colto e sostenibile sul modello Reggia di Caserta e di quanto accade nella Venezia del nostro scontento?Dunque, sembrerebbe che al ministro, anche scrittore, non verrebbe affatto la pelle d'oca in vista delle prossime, impressionanti invasioni di "turisti" da lui auspicate e attese per la Cappella degli Scrovegni a Padova o per le Ville palladiane o dove si conservano affreschi di Tiepolo. Per questo politico e intellettuale, nato e cresciuto a Ferrara, un tempo tra le pi affascinanti citt del silenzio, il Silenzio, il poter sostare in Silenzio all'angolo del Palazzo dei Diamanti o seduto sugli scalini da qualche parte a Spello, in quale delle sue categorie culturali e turistiche rientra? Una recente ricerca ci dice che il 56% degli italiani non ha mai sentito parlare del Ponte di Rialto e che la Cascata delle Marmore si trova nelle Alpi e che la Certosa di Pavia un formaggio e che per la Valle dei Templi di Agrigento si va in Egitto. Forse una seria riflessione andrebbe fatta su di un punto non secondario: nel mentre cresce "in modo esponenziale" il turismo dai grandi numeri di certo cresce ancora di pi l'ignoranza di massa. evidente che se si vuole avere un turismo colto e lento, giustamente apprezzato da Franceschini, vanno per davvero affrontate e risolte strutturalmente questioni relative all'economia,al sociale e soprattutto alla cultura. Altrimenti il turismo non sar altro che un'invasione barbarica. Ed profondamente sbagliata l'idea franceschiniana che, per sfiammare la pressione altissima del turismo "mordi e fuggi", vanno distribuiti "i flussi anche dentro alle citt superstar... non ha senso concepire Venezia esclusivamente nel percorso tra stazione, Rialto e Piazza San Marco". Ma tanto difficile capire che la struttura socioeconomica di Venezia stata sconvolta irreversibilmente da una infestante monocultura turistica, che ha cos stravolto ogni angolo del centro storico? Lei parla di Venezia come citt superstar. Forse Venezia sar superstar, per stare al suo lessico, di certo non pi citt. Di cosa stiamo parlando quando da pochi anni in qua pi di cento palazzi o piani di palazzo sono diventati alberghi, quando la residenzialit minacciata di giorno in giorno da centinaia e centinaia di appartamenti affittati ad uso turistico, e poi i B&B e poi tutto quello che si nasconde nel sommerso, nel nero. Per esempio, come possibile ignorare che la Biennale ha intensificato al massimo il suo "lato oscuro" di promotore, in cambio di tariffe milionarie, di "eventi collaterali" che utilizzano decine e decine di spazi in edifici affittati per mostre disseminate ovunque in ogni sestiere? Tutto questo e molto altro ancora ha alterato gravemente la convivenza urbana e certamente anche l'integrit storica e culturale di edifici e di palazzi che furono significativi sul piano artistico e architettonico. Non commentabile, inoltre,quella sua idea di regolare i flussi verso Piazza San Marco mediante un semaforo. Cos proponendo, si intuisce che anche per lei Venezia non pi una citt, essendo diventata ormai il luogo alieno di un macabro racconto di fantascienza. Infine, da pochi giorni sono apparse due gigantesche mani che, emergendo dall'acqua del Canal Grande, si appoggiano sulla facciata di un albergo dalle parti della Ca' d'Oro. Questa scultura la sintesi perfetta della Venezia 2017, attraversata da poco meno di 40 milioni di "visitatori" all'anno, e dove ci che resta di quanto si chiam arte fa da "supporto" all'attivit alberghiera. Infatti, perfetto il titolo dell'opera con le due gigantesche mani: "Support".




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news