LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Periferie, la rinascita dai monasteri
Massimiliano Melilli
Corriere del Veneto 16/5/2017

Un seminario allabbazia di Praglia propone un modello urbanistico per renderle pi vivibili

Da Fatima, il Papa ha tuonato: Abbattere i muri, ricostruire le periferie. Quello di Francesco lultimo monito contro una condanna, senza appello: le periferie sinonimo di bruttezza, disagio, tensioni. A ogni latitudine. Anche in Veneto. Ma una nuova via possibile. Dal 18 al 20 maggio allAbbazia di Praglia, un seminario sul sistema monastico come modello per le periferie degli uomini, si pone pi di un obiettivo. Ne abbiamo parlato con i curatori: Elena Svalduz e Gianmario Guidarelli, docenti di Storia dellArchitettura a Padova e apprezzati saggisti.

possibile costruire paesaggi di periferie con nuove comunit?

Svalduz: Il progetto Armonie composte stato concepito con lintenzione di osservare e interpretare il paesaggio da un punto di vista antichissimo ma, nello stesso tempo innovativo: quello della cultura monastica. Per secoli i monaci hanno modellato il territorio (bonificando paludi, costruendo sistemi idraulici, piantando boschi, introducendo nuove colture) ma anche nelle periferie delle citt.

Guidarelli: Oggi siamo chiamati non tanto a costruire nuovi paesaggi periferici, quanto a recuperarne la dimensione sociale, ispirandoci proprio agli spazi monastici che sono, per loro natura, comunitari.

Come e perch monastero e territorio possono diventare periferie dello spazio?

Svalduz: Il monastero luogo di confine tra dimensione spirituale e impegno concreto nella costruzione del territorio e pu essere quindi inteso esso stesso come periferia.

Guidarelli: Ma attenzione. Essere separati dalla citt, per, non vuol dire allontanarsene, ma instaurare un rapporto dialettico e, quindi, contribuire alla costruzione del paesaggio di periferia.

Ma nella civilt 4.0 possono convivere tradizione e innovazione, silenzio e comunicazione, materia e spirito?

Svalduz: Il degrado delle periferie nasce dalla rottura dellequilibrio tra la dimensione comunitaria e quella individuale. Gli spazi del monastero, entro i quali si svolgono le funzioni comunitarie, sono spazi sostenibili: rispetto della natura ed equilibrio delle risorse sono parte integrante della vita dei monaci.

Guidarelli: Un equilibrio che pu essere coltivato dalluomo comune, oggi, ricavando per se stesso un tempo rallentato, con spazi e momenti di riflessione, che silenzio e contemplazione del paesaggio possono garantire in un contesto armonico.

Il Veneto di oggi pare sospeso tra centro e periferia. Quale ruolo per arte e architettura?

Svalduz e Guidarelli, quasi in coro: Oggi in Veneto citt, paesi e borghi hanno perso la loro identit, allinterno di un tessuto in gran parte costruito. Larchitetto e lurbanista sono chiamati a restituire identit a questi luoghi, che un tempo erano punti di riferimento, guidati anche dalla conoscenza delle trasformazioni storiche del territorio e da una riflessione di ampio respiro che, ci pare, manchi dallattuale dibattito sulle periferie.

Il seminario di Benedetta Castiglioni e Stefano Zaggia dellUniversit di Padova, pone laccento sulla periferia sinonimo di disagio e degrado. Si pu ribaltare lassioma?

Svalduz: Il seminario intende esattamente ribaltare questo assioma, lidea cio che per forza le periferie siano brutte e che lo sviluppo del paesaggio sia appannaggio di quelle figure definite pianificatori senza cuore da Andrea Zanzotto, lo stesso che nel paesaggio dei colli Euganei vedeva quelle armonie composte che hanno ispirato il nostro progetto.

Guidarelli: Lidea che ci guida quella di trovare nella storia, ma anche nellattualit, modelli ed esperienze positive di costruzione di paesaggi periferici. Si tratta di un percorso pluriennale, cominciato nel 2016, e che ci auguriamo possa trovare nuovi sviluppi grazie anche alla neonata collana Armonie composte della Padova University Press.

Volti molto diversi partecipano ai seminari. C un perch?

Svalduz: Il nostro progetto per sua natura interdisciplinare. Nei giorni in cui si svolge il seminario, tutta la comunit, guidata dallAbate Norberto Villa, si attiva.

Guidarelli: Gli spazi del monastero di Praglia sono ancora spazi di vita comunitaria, di grande bellezza e di armonie composte.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news