LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le confraternite un patrimonio di arte e di storia
di GHERARDO ORTALLI
01 maggio 2017 IL MATTINO DI PADOVA



Quasi otto secoli sono passati da quando Venezia vide nascere le prime confraternite. Localmente chiamate "Scuole", si moltiplicarono presto con straordinaria rapidit e nel giro di pochi decenni gran parte della popolazione si trov riunita in queste istituzioni che riproducevano il carattere parentale della famiglia, impegnandosi nel culto per ragioni di fede ma pure nella carit, nel sostegno dei bisognosi e anzitutto nell'assistenza reciproca per i confratelli. Fu un'esperienza diffusa in giro per l'Europa e tuttavia in ambito veneziano ebbe connotati per molti aspetti unici. Col tempo, infatti, l'intera comunit lagunare fu partecipe di questa straordinaria rete di solidariet che garantiva l'aiuto indispensabile in tempi difficili, nei quali non erano certamente le fragili strutture pubbliche ad assicurare quei servizi e supporti che oggi sono fondamentali. La crescita fu subito strepitosa. Nel 1501 Marin Sanudo registrava ben 215 scuole presenti al funerale del cardinale Zeno (quello della cappella Zen della basilica marciana), e ce n'erano di ogni specie. In poche decine o molte centinaia di confratelli ci si riuniva sulla base delle pi diverse ragioni. Contava il particolare culto per un santo, o il riferimento ad uno specifico edificio religioso, il luogo di residenza o la comune professione o la provenienza da citt e terre pi o meno lontane. Nel riferimento a una chiesa, ad una cappella o ad un semplice altare si riunivano le confraternite della Vergine o di san Zaccaria, dei pittori o degli orefici, dei tedeschi, dei lucchesi, dei "luganegheri", dei tagliapietra e altre dozzine di Scuole, comprese quella degli orbi e l'altra dei "poveri zoppi desposenti" che prevedeva al suo vertice un confratello che fosse "sufficiente zoppo o sciancato mendicante, ma non orbo o monco o con altra infermit". Tanto il massimo patriziato quanto l'infima marginalit erano partecipi di questo sistema sociale, fondato su iniziative private, senza dipendenze dai pubblici poteri ed escludendo ruoli speciali per l'aristocrazia e il clero (a parte le funzioni religiose). Ovviamente le autorit erano molto attente ad un fenomeno di tale rilievo, ma senza violarne i caratteri di fondo, fra l'altro assai utili per la solidit di una Repubblica che riservava ai patrizi ogni funzione politica e giurisdizionale e con le Scuole apriva agli affiliati (anche cittadini e popolani) margini d'azione altrimenti preclusi, favorendo con ci la stabilit sociale e l'adesione ai valori civici. Naturalmente tra le varie Scuole esistevano gerarchie di fatto, ma pure istituzionali, e si distinsero fin dall'inizio quelle nate con la pratica penitenziale dell'autoflagellazione. Il loro peso crebbe nel tempo. Erano cinque in origine, formalmente riconosciute come Grandi nel 1467, intitolate a Santa Maria della Carit, San Giovanni Evangelista, Santa Maria della Misericordia, San Rocco e San Marco. Si aggiunse poi quella di San Teodoro e inevitabilmente si distinsero rispetto alle altre che (anche se talvolta non ebbero che poco o nulla da invidiare) vengono tradizionalmente indicate come "piccole". Sono comunque le Grandi uno dei simboli forti della qualit storica, artistica e culturale della civilt veneziana. Grandi o piccole che fossero, fu comunque l'intero sistema delle Scuole a crollare con l'et napoleonica. Il 1797 vedeva la fine della Serenissima, poi la Municipalit provvisoria, il governo austriaco e infine il passaggio alla Francia con la soppressione degli istituti religiosi e delle confraternite, con le confische e le dispersioni degli antichi patrimoni. Quanto raccolto nel corso di secoli usciva in grandissima parte dai luoghi per i quali era nato e nei quali era custodito. Fu una spoliazione che alter gli assetti originali di strutture i cui antichi connotati sono oggi recuperabili soltanto attraverso la ricerca. Cos della lunga storia delle Scuole un passaggio importante diventa lo studio mirato a restituirci le passate realt. Si tratta di un percorso nel quale anche l'editoria ha un ruolo di tutto rilievo quando sostenuta da un impegno culturale e tecnico di qualit. In questa prospettiva dobbiamo - credo legittimamente - comprendere anche il recentissimo volume dedicato alla Scuola Grande di San Marco. Pubblicato nella collana "Mirabilia Italiae" dedicata ai principali monumenti del Paese e diretta da Salvatore Settis, considerata il fiore all'occhiello della casa editrice Panini, come nei precedenti volumi della serie, la Scuola di San Marco oggi riproposta fin nei suoi minimi particolari, accompagnando il lettore in una visita che consente di riconoscere ed identificare (grazie anche ad una straordinaria campagna fotografica) persino i luoghi, le presenze, i dettagli pi nascosti: quelli che per la collocazione in zone protette o inaccessibili impossibile osservare. E il percorso della Scuola seguito nelle sue vicende felici ma pure drammatiche, come fu per l'incendio che nel 1485 parve segnarne la fine e vide invece una splendida ripresa sostenuta dall'impegno della citt a fianco dei confratelli. Non tocca ai responsabili del volume dare giudizi di merito, ma va detto come i collaboratori siano tutti studiosi di prestigio, in grado di offrire un punto fermo per la conoscenza della Scuola. Insieme va segnalato il valore anche simbolico della rinascita di un complesso passato attraverso difficili vicende: dalla sua trasformazione nel 1808 in ospedale militare e poi civile (nel 1819), al bombardamento austriaco del 1917, sino alla opportuna musealizzazione degli spazi nell'ambito dell'Ulss 3 veneziana nel 2013. Quella di San Marco (insieme alle altre Scuole) resta un punto di resistenza della civilt veneziana in momenti difficili, quando la citt sconta gli esiti di anni di politiche mancanti o sbagliate, comunque non all'altezza della seriet del "problema Venezia". Peraltro le vicende della Scuola possono essere stimolo di serie valutazioni anche per il futuro, gi suggerite dal volume appena edito che ha posto l'importante problema delle restituzioni possibili di opere uscite ma tecnicamente recuperabili all'originaria sede confraternale. Argomento enorme e difficile. Sono in questione tele di Giovanni e Gentile Bellini, Paris Bordon, Palma il Vecchio, Jacopo e Domenico Tintoretto, Giovanni Mansueti. Si tratta di un tema tanto difficile quanto delicato, da valutare con ogni rispetto e cautela, ma comunque un argomento di alta cultura che quella Scuola di San Marco nata ben sette secoli e mezzo or sono riesce oggi a prospettarci.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news