LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: in rovina le torri di avvistamento lungo la costa. Un patrimonios da salvare
LAURA TROJA
la Repubblica VENERD 29 LUGLIO 2005



CINQUE secoli fa difendevano i nostri antenati dagli attacchi dei pirati. Ora che i pirati non ci sono pi, nessuno difende loro, le antiche torri di avvistamento, abbandonate all'azione del tempo e dell'uomo. Da Vergine Maria a Isola delle femmine non se ne salva nessuna: trasformate in appartamenti privati, tra i tralicci dell'Enel abbattuti, segnate dalle bombolette spray di vandali notturni.
un patrimonio monumentale che sta cadendo a pezzi, lamenta l'esperto di torri Pippo Lo Cascio mentre scavalca il guardrail in via Cristoforo Colombo.
Siamo a met strada tra punta Priolo e Vergine Maria.
Lo Cascio, guida di una passeggiata per torri dimenticate, ha scelto di cominciare da quella del Rotolo, costruita nella prima met del Quattrocento su una roccia a strapiombo sul mare, oggi coperta di piante di datteri e pale di fico d'india.
Accanto alla torre c' una casetta a due piani abbandonata. Tra le mattonelle colorate della cucina si apre uno squarcio con vista sul mare. Tutto abusivo. Lo studioso racconta divertito di quando, qualche anno fa, vennero qui i ragazzi di una scuola che avevano deciso di adottare il monumento: Le professoresse guardarono preoccupate la parete di pietra e chiesero "Ma dobbiamo salire da qui?". "E da dove, se no?" ho risposto. E arrivammo all'ingresso nell'unico modo possibile: arrampicandoci.
I torrari, raccontaLo Cascio, salivano con una scaletta che poi tiravano dentro. Oggi di scaletta non c' traccia cos non resta scendere gi per il pendio tra cardi e rovi, fare il giro attorno alla base e risalire tenendosi agli appigli della parete. Un ultimo sforzo e... fatto. Finalmente dentro la torre: il pavimento sconnesso, il tetto di pietra, bombato, ha un buco. Pochissimo rimane del solaio di legno dove i torrari passavano la notte. Sarebbe necessario riparare lo squarcio che compromette la stabilit, rifare il pavimento e mettere una scaletta per i visitatori. Poi le radici fanno un danno enorme, spiegaLo Cascio mentre estirpa una piantina di ulivo.
Pochi chilometri pi avanti, a Vergine Maria, si incontra la torre Bordonaro inglobata nella tonnara.
A differenza di quella del Rotolo, di demanio pubblico, questa nata come torre privata per difendere i tonnaroti spiega Lo Cascio Ha subito modifiche all'esterno: sono state aggiunte tre finestre, un balcone settecentesco e le feritoie quando, durante la seconda guerra mondiale, fu usata come fortino. Nel 19981afondazione"Palazzo Intelligente" ottenne la gestione dall'immobiliare "Aster" in cambio dei lavori di restauro, che avrebbe dovuto finanziare il Comune. Ma il Comune non ha mantenuto i suoi impegnidice Guido Agnello, presidente della fondazione e nel 2001 siamo stati sfrattati.
Eppure durante la conferenza Onu del 2000 la tonnara era stata dichiarata sede dei diritti umani e per l'occasione illuminata da fari blu. Di questi oggi restano solo i supporti arrugginiti: Era bellissimo continua Agnello ma sono durati poco. La spiaggia illuminata dava fastidio ai trafficanti della zona. Per adesso stiamo collaborando a un altro progetto dell'assessorato regionale ai Beni Culturali, Technet, per il recupero della borgata di Vergine Maria, torre compresa.
Dall'altra parte del golfo, circondata da bar e ristoranti, c' la torre della Tonnara di Mondello, anche questa privata: Tutti la chiamano saracena ma un erroreprecisa Lo CascioI Saraceni sono stati nel Mediterraneo fino al dodicesimo secolo, ma la torre del quindicesimo.
Negli anni Cinquanta la tonnara, propriet dei baroni Colonna Romano, chiuse e i locali a sinistra della torre furono affittati a privati. Fecero un ristorante e dentro la torre un monolocale, stravolgendola struttura preesistente protesta il barone Vincenzo Colonna Romano, che da cinquantanni vive a Roma Solo al momento dello sfratto, quattro anni fa, ho scoperto le modifiche che avevano realizzato senza chiedere autorizzazione. Presto per la struttura, che da anni protetta da una mantovana, sar restituita ai mondellani e a chi voglia saperne di pi del faticoso mondo dei tonnaroti. Il progetto di recupero, presentato dall'architetto Angelo Agnelloper conto del Barone e approvato dalla soprintendenza, ne far un museo della Tonnara cercando di ripristinare l'impianto originario.
Nulla di nuovo, invece, per la torre del Fico, nel terreno dell'hotel La Torre: Vent'anni fa racconta il direttore dell'albergo Mario Monforte si pens di fare, in collaborazione col Goethe Institut, una sorta di "pensatoio" per artisti. Ma tra i paletti posti dalla Soprintendenza e l'impegno della compagnia su altri fronti (la societ sta aprendo una nuova struttura in piazza Borsa) non se ne fece pi niente. Intanto la torre in balia di vandali notturni che ne hanno tappezzato la parete con scritte di tutti i colori: Cercano di entrare forzando la porta. Ogni due mesi la dobbiamo fare riparare.
Molto pi nascosta e danneggiata, la torre "A" di Sferracavallo, dietro all'hotel Bellevue, su un terreno dell'azienda Foreste Demaniali. Oggi ci sono solo resti degli ambienti addossati allo sperone. Accanto al rudere, avvolto da una rete metallica, un'antenna della polizia. Intorno, un casolare della Forestale, pali e tralicci dell'Enel abbattuti.

E pensare che siamo in un'area archeologica commenta Pippo Lo Cascioqui pieno di frammenti di et punica, scoperti negli anni Ottanta dall'archeologo Giusto Lisi. Ma nessuno se ne mai interessato. Da qui, spiega, i torrari comunicavano con le altre torri: Un sistema di segni binario che usava il fuoco la notte e il fumo di giorno: cos se a Sferracavallo avvistavano i pirati, in pochissimo tempo Montepellegrino, e di qui tutta la Conca d'oro, era avvisata.
Quei fumi li vedevano anche dalla torre a mare di Isola delle Femmine: usata come bersaglio di addestramento durante la seconda guerra mondiale, il monumento si "abbassato" una decina d'anni fa, quando durante una tempesta crollato il versante sud-occidentale. La volont di intervenire c'afferma Vincenzo Di Dio, direttore della riserva gestita dalla Lipu ma il recupero di una torre in mezzo al mare oneroso e abbiamo altre priorit da coprire. Ameno che qualcuno non ci finanzi, resta solo una bella intenzione.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news