LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE: I restauri degli affreschi di Gaddi dureranno 5 anni ma saranno visitabili
MARA AMOREVOLI
La Repubblica, ed. Firenze, 29/07/2005


La "Vera Croce" ingabbiata dal cantiere informatico

LA CAPPELLA maggiore della Basilica di Santa Croce sembra un'astronave: ponteggi e luci al neon, ascensore, scale e moquette rossa ingabbiano fino a25 metri le pareti affrescate da Agnolo Gaddi con la Leggenda della Vera Croce. Un cantiere mastodontico di9 piani, con una stazione informatica all'ultimo piano, costato circa 400 mila euro, allestito per permettere il restauro dei mille metri quadrati di affreschi dipinti da Gaddi tra il 13 80 e il 1390. Un intervento complesso per il Pantheon fiorentino, che tuttavia non priver i visitatori della possibilit di poter ammirare da vicino il mirabile racconto del ciclo francescano della Croce. I ponteggi resteranno per almeno cinque anni, ma dal prossimo autunno piccoli gruppi potranno salire sulle impalcature fino a toccare le volte della basilica a 25 metri di altezza, un volo quasi, come gi accadde anni fa in Duomo con il restauro degli affreschi di Zuccari e Vasari sulla cupola. L'allestimento del ponteggio trasforma l'intera cappella in cantiere aperto al pubblico.

Da un lato procederemo con indagini tecnico-scientifiche, dall'altro cercheremo di consentire ai visitatori, che in un anno sono un milione con punte di 6 mila al giorno, di salire fino al soffitto osserva Giuseppe De Micheli, direttore dell'Opera di Santa Croce.

Intanto studiosi e restauratori dell'Opificio delle Pietre Dure e dell'Universit di Kanazawa in Giappone (che ha investito nell'operazione 1.130 milioni di euro finanziati dal mecenate Tetsuya Kuroda), con i tecnici dell'Opera hanno gi preso visione
della superficie pittorica: un incontro ravvicinato con depositi di sporco, ragnatele, sgocciolature, fessure e vistose crepe negli intonaci, solfatazioni e cadute di colore che mettono a rischio la pellicola pittorica.

L'osservazione diretta ha evidenziato fenomeni di degrado molto pi gravi di quanto pensassimo e di quanto fosse possibile capire da un primo esame spiega il soprintendente dell'Opificio Cristina Acidini.

Ma toccher a complesse indagini diagnostiche valutare i danni. Peri profani salire fino in cima ai ponteggi un'esperienza rara: il ciclo dipinto da Gaddi si snoda su otto registri, comincia in alto a destra con la morte di Adamo e Seth, continua l'adorazione del legno a parte della regina di Saba, con la costruzione della Croce e la sua adorazione, proseguendo come un film con gli episodi della "Leggenda aurea" del domenicano Iacopo da Varagine.


Le figure sono a grandezza naturale, e colpisce la precisione calligrafica delle pennellate per occhi, ciglia e capelli, la vividezza dei colori, l dove crepe, esfoliazioni e trasformazioni della pittura non hanno lasciato il posto a sbavature e dilavamenti. E stupiscono quelle che gli storici dell'arte chiamano ingenuit: ponti piccoli accanto a figure cavalli grandissimi, fiumi con pesci, miriadi di animali e uccelli ritratti con cura fotografica da Agnolo Gaddi, massimo maestro in quest'arte, appresa dal padre Taddeo (autore degli affreschi del Cenacolo di Santa Croce) nonch uno dei pi importanti allievi di Giotto. Anche le vetrate trecentesche istoriate, in pi punti spanciate, saranno restaurate. Insieme alle grandi fessure che sembrano minacciare la staticit delle volte.

A quanto sappiano, dagli anni '40 che non viene effettuato un restauro nella cappella, forse sono stati effettuati degli interventi dopo l'alluvione solo in basso spiega Maria Rosa Lanfranchi restauratrice dell'Opificio.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news