LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco come hanno saccheggiato la cultura irachena
Emanuela Del Frate
Liberazione, 28 luglio 2005


Parla il direttore della famosa biblioteca di Bagdad, Saad Eskander, ospite in Italia per iniziativa di un "Ponte per...". Dopo il furto di volumi e documenti non resta che un archivio online in via di realizzazione


I giorni scorsi arrivato a Firenze Saad Eskander, direttore della biblioteca nazionale di Baghdad, arrivato in Italia per incontrare i responsabili della biblioteca nazionale del capoluogo toscano e gli enti locali che stanno sostenendo il progetto "La Casa dei libri di Baghdad" di "Un Ponte per... ". Con lui abbiamo fatto il punto della situazione culturale in Iraq, con la guerra ancora in corso e dopo i gravi danni subiti dall'istituzione da lui diretta.
Cosa significa occuparsi di cultura nellIraq di oggi?
In passato il regime dominava la nostra esistenza, imponeva una conformit culturale. Ora abbiamo bisogno di una cultura che rifletta le differenze reali del paese. Le persone comuni, anche quelle istruite, usano molto poco le biblioteche. In parte perch la politica di Saddam ha causato una disaffezione generalizzata alla cultura, in parte perch vista l'attuale situazione, le persone non hanno tempo di leggere a causa della povert e della mancanza di sicurezza.
Documenti, pubblicazioni, volumi antichi sono stati saccheggiati immediatamente dopo la caduta di Saddam. Quali perdite avete subito?
Al di l dei danni materiali, che sono facilmente recuperabili, quelli culturali sono inestimabili, visto il loro grande valore storico. Abbiamo perso il 99% dell'archivio repubblicano, che copriva la nostra storia dal 1958 alla caduta del regime. Sono andati perduti tutti i documenti riguardanti la corte marziale baathista e i processi fatti agli oppositori del regime. Cos, ora tutti gli iracheni che hanno bisogno di dimostrare di essere state vittime di Saddam o di riavere indietro le terre che gli erano state confiscate dal regime, non hanno pi gli strumenti per poterlo fare.
E' stata una casualit o la biblioteca e l'archivio sono stati saccheggiati di proposito?
Ho investigato. Esistono prove evidenti che molti dei documenti che si pensavano distrutti sono stati, in realt, rubati. Molti libri rari sono stati venduti nei mercati. La maggior parte della documentazione scomparsa riguardava tematiche molto sensibili legate ai confini con Iran e Siria. Il Khuzistan, che si trova al sud al confine con l'Iran, stato oggetto di un forte contenzioso. Tutta la documentazione in merito sparita. Ne ho trovate delle copie in arabo, ma poich le trattative erano state portate avanti dal governo britannico, gli originali erano in inglese e sono solo quelli che contano legalmente. Significa che degli esperti sapevano cosa aveva la biblioteca e soprattutto sapevano dove trovarla.
Il lO e il 12 aprile del 2003 la biblioteca stata maggiormente colpita dagli incendi e dai saccheggi. Cosa accaduto realmente?
Sono i giorni in cui definitivamente caduto il regime di Saddam. I soldati americani sono entrati con i tank nella biblioteca. Prima di andarsene hanno distrutto la famosa statua di Saddam che si trovava proprio di fronte all'edificio principale. Se ne sono andati, ma non hanno lasciato nessuno a proteggere la biblioteca; pochi minuti dopo l'edificio andato in fiamme. In qualit di forza occupante che rispetta la Convenzione di Ginevra, avrebbero dovuto salvaguardare il patrimonio culturale dell'Iraq. Ma gli iracheni sono ancora pi responsabili. Penso che sia stato Saddam ad aver dato ordine ai suoi uomini di distruggere gli archivi di tutti i ministeri.
Com' ora la situazione della biblioteca e dell'archivio nazionale?
Ora la biblioteca aperta e sta lavorando. Abbiamo un nuovo dipartimento per l'organizzazione di un database informatico che ci permetta di avere un catalogo on line. La stanza di lettura principale aperta agli studenti e ricercatori. E' iniziata la ricostruzione dell'edificio, finanziata dal governo iracheno, per riparare i danni dei saccheggi e dei due incendi. Siamo riusciti a raddoppiare lo staff e abbiamo all'attivo ben 140 persone di cui 30 vengono pagati grazie al progetto che abbiamo con "Un Ponte per.... ". Ma dobbiamo ancora analizzare e catalogare decine di migliaia di documenti, riorganizzare gli schedari e il database. La biblioteca conta 750 mila libri che devono essere puliti dalla polvere, dai detriti e dalla cenere lasciata dagli incendi.
Avete ricevuto aiuti dalla comunit internazionale?
Il Dipartimento di stato americano ha mandato una delegazione nel novembre del 2003; a fine visita hanno promesso corsi di formazione per il personale e hanno fissato un budget di cinque milioni di dollari per la costruzione di una nuova biblioteca. Ma non arrivato mai niente.
Qual lo scopo del suo viaggio in ltalia?
Sono stato ufficialmente invitato da "Un Ponte per..." con lo scopo di sviluppare le nostre relazioni, incontrare i nostri finanziatori e continuare la cooperazione iniziata nei primi del 2004. Abbiamo avuto un incontro con la biblioteca nazionale di Firenze per avere uno scambio di informazioni e organizzare la formazione dei nostri restauratori. La prossima fase del progetto prevede proprio la realizzazione di un laboratorio per il restauro, mai esistito finora in Iraq e un sito web della biblioteca.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news