LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Ora le Procuratie Vecchie Saranno aperte alla citt
08 aprile 2017 LA NUOVA VENEZIA


Il progetto di recupero delle Procuratie Vecchie pronto, bellissimo e lo presenteremo gi a maggio insieme al Comune. Le Assicurazioni Generali vogliono tornare a mettere radici a Venezia e le Procuratie Vecchie diventeranno da uffici un luogo aperto alla citt per discutere sui grandi progetti che riguardano il mondo, l'umanit. L'area marciana diventer cos un luogo vivo, di pensiero e di cultura. L'amministratore delegato delle Assicurazioni Generali Philippe Donnet ha sciolto ieri almeno in parte le incertezze sul riutilizzo delle Procuratie Vecchie di cui la compagnia diventata pienamente padrona, dopo l'accordo stipulato circa due anni fa con il Comune che ha rinunciato alla destinazione d'uso pubblico sul complesso monumentale di Piazza San Marco - prima riservato agli uffici giudiziaria - consentendo cos alla societ che ha il Leone marciano nel suo simbolo di pensare a un progetto di recupero. L'accordo prevede che le Procuratie non abbiano un uso di tipo speculativo - in passato un progetto di trasformazione degli uffici in appartamenti di lusso con vista su Piazza San Marco era stato fermato dal Comune e dalla Soprintendenza - ma appunto di rappresentanza o di tipo culturale o scientifico. E le Generali penserebbero in particolare di fare delle Procurate Vecchie un centro di raccolta di progetti legati al tema della sostenibilit, in una citt come Venezia che da questo punto di vista una collocazione ideale. Una finestra sul mondo, vista la prestigiosa sede, ma che cointeresser anche il Comune per l'accordo gi sottoscritto che prevede anche la realizzazione di foresterie all'interno delle Procuratie per ospitare gli studiosi o gli scienziati che dovessero affluire a Venezia per le attivit del nuovo Centro negli oltre 13 mila metri quadrati di pregiati spazi nel cuore di Piazza San Marco. In cambio il Comune ricever un "obolo" di 3 milioni di euro per la rinuncia all'uso pubblico su tutta l'area e il comodato gratuito ventennale su una porzione di 640 metri quadrati di Procuratie che resteranno a sua disposizione. L'accordo prevede l'esclusione delle attivit alberghiere, da quelle che potranno essere insediate da Generali negli spazi che tornano a sua disposizione, ma prevede destinazione d'uso commerciale al piano terra, destinazione d'uso direzionale per parte del primo piano e dell'ammezzato attualmente utilizzate direttamente dal Gruppo Generali e destinazione d'uso residenziale per parte del secondo piano e del secondo ammezzato. Ed qui che saranno realizzati i nuovi alloggi a uso foresteria - al Comune saranno riservati 15 pernottamenti l'anno per i suoi ospiti - il cui numero e dimensione non precisato, ma rimandato al progetto di ristrutturazione e riuso che le Generali dovrebbero presentare al Comune e alla Soprintendenza, per iniziare i lavori. Gli alloggi potranno essere realizzati purch collegati alle attivit svolte nell'edificio o comunque funzionali alle esigenze di enti pubblici e soggetti privati insediati e perch non assuma carattere prevalente rispetto all'insieme delle destinazioni d'uso private degli spazi restanti.(e.t.)



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news