LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brera, niente sfratto. Studenti sobillati
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Milano 6/4/2017

Sono arrivata a novembre prendendo visione di una certa devastazione. Mi amareggia osservare che lambiente dei professori sobilla gli studenti facendo credere loro che andranno tutti via. Non cos. Inoltre, gli studenti dovrebbero essere contenti di stare in luoghi pi acconci. La presidente dellAccademia di Brera, Livia Pomodoro, commenta cos lennesima bocciatura, da parte del corpo docente, di unipotesi di riconversione. In questo caso si trattava di tre aule che avrebbero dovuto fare spazio alla Pinacoteca e alla realizzazione di un ascensore per disabili. Unoperazione che avrebbe portato 30 milioni del Cipe allAccademia e altri 10 alla Pinacoteca.

Ho accettato lincarico per ragioni sentimentali: vengo da una famiglia di artisti, amo questa citt, mia sorella frequentava Brera quando era una eccellenza di prestigio e il bar Giamaica era frequentato da Fontana, Manzoni, Pomodoro.

Tra impegno, nostalgia e indiretta stoccata a un presente in decadenza la presidente dellAccademia di Brera, Livia Pomodoro, cerca di riannodare le carte dopo lennesima bocciatura da parte del corpo docente di una ipotesi di riconversione. Questa volta si trattava di liberare tre aule, le numero 39, 40 e 41 in favore della Pinacoteca anche per realizzare un ascensore per disabili. La quarantennale vicenda della cosiddetta Grande Brera dallaltro ieri pu annoverare anche questo alloro, con tanto di foto di studenti (quarantanni fa nemmeno concepiti) con i cartelli no al trasferimento. Peccato che alla liberazione delle aule fosse legato larrivo di un finanziamento di 30 milioni del Cipe (pi 10 alla Pinacoteca per Palazzo Citterio).

Non affatto vero che si sfrattano gli studenti, che lAccademia va altrove. Non si sfratta nessuno, semplicemente bisogna convivere civilmente e avere una visione di futuro afferma Livia Pomodoro . Sono arrivata a novembre prendendo visione di una certa devastazione. Mi amareggia osservare che lambiente dei professori sobilla gli studenti facendo credere loro che andranno tutti via. Non cos. Inoltre, gli studenti dovrebbero essere contenti di stare in luoghi pi acconci. Invece.

Scusi, ma come fanno 4.000 studenti e 400 docenti a voler stare tutti l?

Ce ne sono una parte, e non andranno via. Gli altri sono gi a Brera 2 in viale Marche, ad Arcore dove c la scuola di restauro e in altre sedi. E per le tre aule perse avevo gi chiesto alla Citt metropolitana di ottenere spazi vicini alla sede (il Parini, ndr ).

Ma non si deve andare alla caserma XXIV Maggio, che stata preferita alla caserma Mascheroni?

I lavori sono appaltati dal Mibact. Quando sar pronta si trasferiranno le sedi periferiche, quelle amministrative e ci saranno nuove aule; ma lAccademia rester anche a Brera. Recentemente ho sentito che si sollevavano problemi anche sul trasferimento dellarchivio della caserma.

Ma quella del corpo docente&studente una difesa per ragioni teoriche (primogenitura dellAccademia e opportunit di stare insieme), di brand o anche di piccolo cabotaggio, tipo bere il caff a Brera?

Il brand deve seguire la didattica, non precederla. Dipende da quello che si fa limportanza del brand Brera ! Bisogna avere visione, altrimenti non si va da nessuna parte e si perdono 30 milioni di euro. Capisco la consuetudine di abitare in questi luoghi, ma nessuno viene sfrattato! Si devono solo razionalizzare gli spazi. Ai tempi del governo austriaco non poteva essere tenuto in considerazione lo sviluppo attuale di studenti e tecnologie. Didattica e museo possono convivere, ma civilmente. Inoltre, trovo che ci sia un uso del brand Brera un po disinvolto. Si fanno eventi senza visione, forse per dubbie utilit personali. Brera un luogo dove le procedure esistono se fa comodo. C un patrimonio di reputazione che non va sprecato, bens custodito e rinnovato.

Ce la si pu fare?

S, se non si vuole perdere il futuro. Al Tribunale di Milano in 8 anni ho reso quel luogo abitabile; diventato un tribunale modello. avvenuta una trasformazione, anche con trasferimento di uffici in stabili allesterno. Qui, per le tre aule il mio predecessore mi aveva assicurato che eravamo alla firma. E invece Ma mi chiedo: qual la dignit di professori e altri soggetti che non riconoscono la necessit di avere un luogo adeguato, e negano tre aule anche per realizzare un ascensore per disabili?.

Il direttore di Brera, James Bradburne, che dice?

Ha una visione positiva. Con Bradburne ci eravamo detti che bisogna arrivare a una soluzione adeguata e che le tre aule servono per una sistemazione logistica. La Pinacoteca avr presto a disposizione Palazzo Citterio per larte contemporanea, ma bisogna che i docenti dellAccademia condividano questa voglia di crescita.

Cosa accadr adesso?

Adesso faranno un collegio dei docenti e ribadiranno quanto detto in Consiglio, al quale ho partecipato solo alla prima parte. Dicono di non avere garanzie per le aule e influenzano gli studenti che fanno comunicati dicendo che per studiare servono proprio le numero 39, 40, 41.

Altre soluzioni?

Soluzioni vanno trovate, perch i cittadini se lo aspettano. Questo di Brera un problema sentito dalla citt.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news