LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi della metro C. Un altro tesoro portato alla luce
Edoardo Sassi
Corriere della Sera - Roma 4/4/2017

lacquedotto pi antico di Roma, ha 2.300 anni

Lo scavo appena terminato, i risultati (parziali, al momento) saranno presentati per la prima volta domani in un convegno alla Sapienza. Ma la scoperta che il Corriere in grado di anticipare di quelle che gli stessi archeologi definiscono di enorme importanza. Si tratta del ritrovamento del pi antico Acquedotto romano (III secolo avanti Cristo), di cui non si immaginava lesistenza, a venti metri di profondit sotto piazza Celimontana, proprio di fronte allOspedale militare del Celio. Il rinvenimento durante i lavori per la Metro C, nel fondo di un pozzo daerazione. Emersa anche una tomba dellet del Ferro. E resti di pietanze dalle tavole dei ricchi romani: cigni, cinghiali, fagiani e pesci rari.

Nel cuore della citt, in piazza Celimontana, nellarea di cantiere che si trova proprio di fronte allOspedale militare del Celio. Qui a quasi venti metri di profondit e dove di norma impossibile scavare, e studiare, in sicurezza ecco quella che gli archeologi definiscono una scoperta clamorosa, di enorme importanza, perch si tratta, quasi certamente, del pi antico Acquedotto romano, risalente al terzo secolo avanti Cristo.

Una scoperta resa nota ieri, ma avvenuta negli ultimi mesi del 2016: I resti conferma Simona Morretta, funzionario archeologo responsabile dellarea Celio per la Soprintendenza di Stato sono emersi durante i lavori della Metro C, scavo iniziato pi di due anni fa, per un pozzo di aerazione del diametro di circa 32 metri e che coinvolge una superfice di circa 800 metri quadri.

Tutti i dettagli della scoperta, che qui si anticipano, saranno illustrati domani in un convegno alla Sapienza ( vedi box ), durante il quale Morretta e Paola Palazzo, che ha diretto lo scavo con la cooperativa Archeologia, illustreranno alla comunit scientifica la loro relazione intitolata Un tratto di acquedotto repubblicano rinvenuto negli scavi Metro c di piazza Celimonana . Solo grazie alle paratie di cemento per i lavori della metro spiega Morretta siamo potuti scendere a quel livello, studiando per la prima volta tutta insieme lintera stratigrafia di Roma, cio partendo dalle case attuali e arrivando gi gi fino a una tomba con corredo funerario, due ciotole, risalente allEt del Ferro, fine X-inizi IX secolo avanti Cristo.

Anche questa tomba, ritrovata per lesattezza a diciotto metri di profondit dallattuale piano di calpestio, una novit per larea del Celio: Roma daltronde si sa, si sempre costruita su se stessa, strato su strato, utilizzando spesso il precedente come fondazione. Dunque una tomba di tremila anni fa, ma sopratutto lAcquedotto: Emerso al metro 17.40, un tratto lungo quanto lintero diametro del pozzo, 32 metri, e alto circa due, composto da blocchi di tufo grigio, il cosidetto cappellaccio . Sicuramente continua, a est e a ovest, ben oltre le paratie.... Lopera ora stata smontata blocco per blocco per un tratto di dieci metri circa, catalogata, stoccata in superficie e si pensa di rimontarla altrove perch anche il pubblico possa vederla: A venti metri di profondit non era e non possibile fare valorizzazione, per cui si punta a un rimontaggio futuro. Va detto comunque che scoperte del genere sono possibili unicamente grazie ai lavori della metro, a quelle profondit di solito non si scende, e questo stato permesso solo grazie alle paratie, per noi studiosi unopportunit straordinaria.

Una struttura seriale, lAcquedotto, comunque in grado di dare informazioni: tante, precise e inedite. Ancora non ne conosciamo lo sviluppo in proiezione, ovvero da dove provenisse e dove andasse a finire. La fonte in questi casi , come sempre, Frontino, autore di un noto trattato sugli acquedotti di Roma, la sua opera pi importante, del 102 dopo Cristo. Lui li descrive tutti, ed da Frontino che sappiamo che alcuni acquedotti passavano dal Celio. Nulla per era stato mai ritrovato. Inoltre, dalla datazione dei materiali rinvenuti, il nostro risulta essere di poco prima della met del Terzo secolo, media Et repubblicana, dunque circa duemila e trecento anni fa. A quale Acquedotto appartenga il nostro tratto? Non lo sappiamo ancora. LAnio Vetus, dallAniene, datato 272 avanti Cristo. Come periodo ci saremmo. Ma Frontino dice che lAnio Vetus non passava dal Celio, anche se la datazione ci riporterebbe l. Dunque pi probabile si tratti dellAqua Appia, il primo Acquedotto costruito a Roma. Per questa opera ritrovata, davvero imponente, dobbiamo ipotizzare una costruzione durata decenni, per cui ecco che come datazione ci potremmo stare. E poi si sa che lAqua Appia era profondissimo, come profondissimo questo ritrovato.

Unopera, inoltre, rinvenuta completamente interrata: E proprio gli intatti strati di interro conclude Morretta ci hanno fornito la data di abbandono dellutilizzo, nella primissima et imperiale. Poi lacquedotto fu usato come fogna in et tardo antica. Altra curiosit, negli strati sono stati ritrovati avanzi consistenti di pasti, materia di studio eccezionale per larcheo-zoologo. Ho appena ricevuto la sua relazione, davvero interessante. E ora sappiamo esattamente cosa mangiavano i romani aristocratici con le grandi ville nei dintorni. Nelle fogne stato trovato di tutto, avanzi di mammiferi domestici, parti di cinghiali, moltissima avifauna rara, cibi esotici. Non solo polli, galli o capponi, ma anche cigni e fagiani, oltre a enormi pesci pescabili al largo, come la cernia bruna.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news