LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palmanova restaura Porta Udine
di Monica Del Mondo
30 marzo 2017 il messaggero veneto



PALMANOVA Sta andando avanti il progetto di restauro dei portoni lignei di porta Udine e della grande ruota che faceva parte del meccanismo di sollevamento del ponte levatoio. Annuncia infatti il sindaco Francesco Martines: Abbiano condiviso con la Soprintendenza le modalit di intervento. I portoni sono stati levati dalla loro posizione nel novembre 2014, mentre per la ruota si discusso a lungo se restaurarla in sede o rimuoverla. Alla fine si deciso per la seconda soluzione. L'intervento coster oltre 90.000 euro e sar coperto, per 40.000 euro, da una donazione della Camera di Commercio di Udine e per la parte restante dal Comune. Il ponte levatoio di Porta Udine - spiega Paolo Bonini, l'architetto che sta predisponendo il progetto di restauro - veniva abbassato o alzato mediante dei tiranti azionati da argani a ruota. Uno di questi, risalente al XVII secolo ben visibile sopra l'arco di ingresso in citt ed uno dei pochissimi rimasti in Italia. Il progetto prevede il trattamento di pulizia e asportazione delle parti ammalorate non recuperabili, il trattamento delle parti lignee con insetticida e biocida, la ricostruzione delle parti mancanti con il medesimo legno, il rispetto del sistema costruttivo, il consolidamento del manufatto, il trattamento delle parti metalliche, la registrazione delle parti soggette a movimento, ecc. Per i portoni, oltre a questi trattamenti di consolidamento, pulitura, conservazione, si proceder anche alla ricostruzione della parte inferiore delle porte che stata asportata (per circa una quarantina di centimetri) in quanto nel corso degli anni la sede carraia si via via alzata. I portoni alti oltre 4 metri - spiega Bonini - sono databili all'inizio del XVII secolo. Il fronte principale impreziosito da tre specchiature uguali ed rafforzato da chiodature metalliche collocate su tutta la superficie a formare decori geometrici. Nella parte alta compare uno stemma. Si conserva l'antica serratura. Una volta restaurate e riportate alle dimensioni originarie, le porte non potranno essere riposizionate in loco. Diverse le soluzioni in fase di studio: collocarle nella stessa sede, ma alzando i cardini, ubicarle sempre in porta Udine, accanto al camino per il fuoco, spostarle in altra sede, come accaduto per i portoni in ferro delle porte cittadine. Quanto alla tempistica - conclude il sindaco - mi auguro che si possa andare in gara con le opere e iniziare i lavori entro la fine dell'anno.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news