LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, troppo vecchia colta e orgogliosa per essere banale
Lidia Panzeri
http://www.ilgazzettino.it/ Gioved, 28 Luglio 2005



Venezia
Esordiva con un fulmineo giudizio, Enrico Chiari, sulla sua amatissima citt: "Venezia troppo vecchia, troppo colta e troppo orgogliosa per essere banale". Iniziava cos, alcuni giorni fa, una piacevole chiacchierata con questo grande personaggio, che lasciamo volutamente al presente. Aveva voluto aprire con uno dei suoi grandi amori, l'Associazione degli Amici di Musei.

"Nacque trent'anni fa, nel 1976, da Feliciano Benvenuti, che fu un presidente di grande prestigio. Tra i soci fondatori anche Alessandro Bettagno, Sergio Camerino, Antonio Foscari, mia moglie e Lucia Zavagli Tito. Era una delle prime associazioni private ad offrire cultura. Fino allora l'offerta culturale veniva dalle istituzioni statali o comunali, con tutti i vincoli che questo comportava. Fu un grande passo quello che i privati si offrissero come intermediari culturali. Con questo non intendo fare l'elogio dei privati in contrapposizione al pubblico: quando il pubblico gestito al meglio pu anche essere superiore al privato".

A quali principi si ispira?"Ci sono alcuni capisaldi. L'attivit didattica, ad esempio, oggi sembra scontata, trent'anni fa era una novit assoluta. Puntare sulla formazione di ragazzi significa metterli in contatto per un lungo periodo con la cultura, un contatto che poi non si perde pi. In trent'anni abbiamo avvicinato oltre 400.000 ragazzi che hanno visitato le grandi mostre o i grandi musei con un progetto variegato, a seconda del tipo di scuola. Li abbiamo avvicinati anche alla Biennale, che rappresenta l'arte contemporanea, una cultura intelligente che nel tempo si consolida. E' un'arte che va spiegata. Anch'io non sempre comprendo l'arte contemporanea, ma la rispetto. Poi l'impegno nel restauro: dal 1984 abbiamo promosso 95 interventi, in Basilica, a Palazzo Ducale, nella Sala Sansoviniana della Marciana, all'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e in numerose chiese ma questo l'aspetto concreto".

Cosa richiedete ai soci?

"La prima condizione: essere apolitici, non possiamo prendere posizione per l'uno o per l'altro. La cultura sempre in evoluzione e non si mai abbastanza colti, quindi dobbiamo mandare dei messaggi che il mondo cambiato. Nello stesso tempo dobbiamo anche sapere conservare dei valori, ad esempio ritengo positivo che sia in atto un recupero dell'800, un periodo prima sottovalutato. C' poi un altro aspetto, non meno importante: i nostri soci rappresentano, insieme ad altre realt come i Comitati Privati o Italia Nostra, l'opinione pubblica per quanto riguarda la salvaguardia della citt presso i politici e gli amministratori. In questo campo qualcosa stato fatto, anche se prevale ancora un modo bizantino di procedere e anche se non tutti quelli che hanno la responsabilit delle decisioni sono all'altezza della situazione. Credo che si possano risolvere i problemi di questa citt se si eviter di entrare nella danza delle grandi idee (MOSE, moto ondoso e cos via). Occorre, invece, procedere passo per passo, risolvere i problemi concreti per ridare fiducia ai veneziani e restituire loro l'orgoglio. In questo concordo con l'assessore Augusto Salvadori, quando sostiene che occorre occuparsi delle piccole cose: tenere pulite le calli, tenere puliti i cassonetti, ridare dignit alla piazza San Marco, scoraggiando i turisti maleducati, affrontare il problema del graffitismo sui monumenti magari appena restaurati. Occorre anche trovare una soluzione per i vu compr. Sono cose che disturbano i veneziani, ma anche gli italiani che hanno la loro seconda residenza a Venezia."Cosa ha mutuato dalla sua precedente esperienza di imprenditore come presidente della Chiari e Forti?

"Il dovere di essere rispettosi verso il prossimo, proponendo prodotti onesti e degni dell'offerta che facciamo ai consumatori. In questo senso non esiste una grande differenza con la cultura. Cultura stata anche, nell'immediato secondo dopoguerra, trasformare dei contadini in operai specializzati, il che comportava per loro la rinuncia al loro mondo rassicurante (avere una casa, un campo, il maiale) per accedere al mondo delle arti e dei mestieri. Anche questa un'operazione culturale. Certo adesso le attese sono modificate, siamo in un periodo di transizione, anche se ci sono dei giovani straordinari, dediti alla famiglia e al lavora. Sono questi i valori fondamentali, la crisi attuale si potr superare se non si indulge a un consumismo sfrenato, fatto di status symbol. Per tornare alla sua domanda, quando ho smesso, dopo cinquant'anni, la mia attivit di imprenditore, al massimo livello e alla quarta generazione della mia azienda, avevo accumulato un tale bagaglio di conoscenze e di potenziale umano da offrire alla comunit, in primis quella veneziana. Per questo ho accettato la presidenza dell'Associazione".





http://www.ilgazzettino.it/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news