LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE-A Firenze il primo G7 della cultura: l'accordo per difendere da calamit e terrorismo il patrimonio culturale
MASSIMO VANNI
Repubblica-Firenze, 31/03/2017

Via al G7 della cultura. Firenze ospita per due giorni il primo G7 della cultura, in preparazione del G7 generale che si terr a fine maggio a Taormina. Cos il G7 della cultura? In pratica, il vertice dei ministri della cultura dei cosiddetti sette Paesi pi sviluppati (Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada) che mai prima dora s'erano incontrati per un vertice cos. L'idea stata proposta dallItalia e il governo Renzi ha scelto come location Firenze come ha ricordato il ministro Dario Franceschini. Che a Palazzo Medici Riccardi ha incontrato il commissario europeo per la cultura, lungherese Tibor Navracsics.

I lavori del primo giorno si sono conclusi con la sottoscrizione della Dichiarazione di Firenze, che ha al centro la tutela dei beni culturali in qualsiasi parti del mondo siano in pericolo per questioni legate a calamit naturali o al terrorismo. Oltre all'idea della cultura come strumento di dialogo e rinascita dello spirito europeo. I ministri deri sette Paesi hanno sottoscritto del resto un "appello a tutti gli Stati affinch adottino misure robuste ed efficaci per contrastare il saccheggio e il traffico di beni culturali dal loro luogo di origine, in particolare dai Paesi in situazione di conflitto o di lotte intestine, identifichino e vietino il commercio di beni trafugati che siano stati illecitamente portati oltre i confini". Come si mette in pratica tutto questo? Durante il vertice si parlato, e non a caso, dei caschi blu, la task force internazionale da mettere in campo a difesa dell'arte e dei monumenti minacciati dall'uomo e dalla natura.

"Si pu dire e lo si dir per un po' di tempo che la dichiarazione di Firenze ha segnato una svolta nella scelta della comunit internazionale di occuparsi anche di cultura e di patrimonio", ha detto alla fine della prima giornata di vertice il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini. "Il documento finale - ha spiegato - impegna su una serie di temi, il primo dei quali il patrimonio culturale nel mondo minacciato dal terrorismo e dalle grandi calamit naturali; quindi c' il sostegno all'iniziativa dei caschi blu, delle task force nazionali e anche sull'utilizzo della cultura come strumento di dialogo fra i popoli". E anche il commissario europeo per la cultura, l'ungherese
Tibor Navracsics ha seguito la stessa lunghezza d'onda: "LEuropa cerca di portare avanti i propri valori, di farlo sempre di pi, anche contro tutte le spinte separatiste, fondamentaliste.

Il vertice, che si aperto ufficialmente nel pomeriggio con la riunione di tutti i ministri a Palazzo Pitti. E in serata i ministri si sono spostati a Palazzo Vecchio, dove si tenuto il concerto straordinario di Riccardo Muti, che segna il suo ritorno al Maggio fiorentino: "E' un onore per me e questi musicisti fare parte del G7 per la cultura. La cultura fondamento della societ. Su questo non ancora abbastanza stato fatto". ha detto Muti. Invitando poi il premier Gentiloni a "riportare le spoglie di Luigi Cherubini, nella sua citt natale, a Firenze". Mentre oggi i resti del compositore di trovano oggi a Parigi, dove morto.

Aprendo stamani la tavola rotonda, Beatrice Covassi, capo della rappresentanza in Italia della Commissione europea, ha fatto presente che il settore culturale europeo conta oltre 3 milioni di imprese e impiega 12 milioni di persone, il 7,5% della forza lavoro. E il reddito generato da queste imprese ammonta al 5,3% del Pil della Ue. Se poi alle imprese creative, ha aggiunto Covassi, si aggiungono quelle dellalta gamma il Pil cresce di 4 punti.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha fatto gli onori di casa ai ministri dei 7 grandi che, a partire dal pomeriggio, sono arrivati in citt. Fin dalla mattina ha lanciato per una proposta al commissario europeo Navracsics: Firenze e Atene sono state le prime capitali europee della cultura: sarebbe bello insieme alla commissione riunire tutte le citt che hanno avuto questo titolo. Noi ci candidiamo per il primo incontro. Nardella ha spiegato che la cultura la chiave di svolta di una ripartenza. Troppo spesso abbiamo parlato di Pil e poco di cultura, mentre la Ue nata su un grande progetto culturale.

Contro la pirateria. Lad di Sky Italia Andrea Zappia ha invece lanciato un appello per difendere lindustria digitale creativa dalla pirateria. Un appello che stato consegnato poi ai ministri del G7: Lanciamo una richiesta di aiuto e supporto nella consapevolezza che la battaglia si pu vincere solo se guidata dai leader europei, ha detto Zappia. Con Sky, l'appello firmato anche da altri soggetti tra cui Bbc, Canal Plus, Mediaset, Fox, Vivendi.

I ministri sono arrivati sono arrivati a Palazzo Pitti percorrendo una passerella delimitata da corde rosse. Su un lato il manifesto del G7 che ricorda il tema del summit, 'culture as dialogue', e, all'ingresso, le bandiere dei 7 Paesi pi quella dello'Europa. Accolti dal ministro Franceschini, dal sindaco Nardella con la fascia tricolore e dal direttore degli Uffizi Eike Schmidt sono arrivati il commissario giapponese Ryohei Miyata, per la Germania il ministro Maria Bohmer, per gli Usa il sottosegretario
Bruce Wharton, per il Regno Unito il ministro Karen Bradley, il ministro Audrey Azoulay per la Francia e il ministro canadese Melanie Joly.
La fiorentina Alinari, la pi antica azienda fotografica al mondo, ha immortalato i ministri della cultura con un "banco ottico", un'apparecchiatura fotografica ottocentesca allestita nella Sala della musica di Palazzo Pitti.





news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news