LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL COMUNE E IL PROGETTO CENTRO STORICO UNESCO
PASQUALE BELFIORE
25 marzo 2017 LA REPUBBLICA





L'ULTIMO allarme lanciato in ordine di tempo (accade con periodica regolarit) di una possibile cancellazione del centro storico di Napoli dalla lista del Patrimonio Unesco viene questa volta direttamente da Palazzo San Giacomo attraverso il presidente dell'Osservatorio centro storico Unesco di Napoli, l'avvocato Elena Coccia, consigliere comunale di maggioranza. Invita il sindaco a rinnovare al pi presto l'organismo rappresentativo, gi attivo negli ultimi anni della prima giunta de Magistris, ritenendolo essenziale e strategico per una ripresa delle attivit di monitoraggio. Chiede intanto di creare un tavolo permanente con tutti gli enti coinvolti .

Comprendiamo il generoso sforzo ideativo del presidente, ma la proposta lascia francamente sconcertati. Come non riconoscere che una cospicua parte di responsabilit del fallimento, grave e conclamato, del Grande Progetto centro storico Unesco di Napoli sia attribuibile, anche e soprattutto, ad una gestione collegiale spalmata su Comune, Regione, Soprintendenza, Provveditorato alle Opere Pubbliche e Curia di Napoli? Risparmio al lettore l'elenco di "chi ha fatto cosa" perch un labirinto di intrecci, non privo di qualche opacit, come il settore delle progettazioni che peraltro risultano nella quasi totalit di modesto livello qualitativo. Cabina di regia, tavolo di confronto, concertazione e coordinamento sono state le soluzioni che avrebbero dovuto armonizzare iniziative e competenze. Non avvenuto e mai abbiamo avuto dai vertici istituzionali risposte a interrogativi formulati altro caso singolare che rimanda a situazioni di consociativismo tra maggioranza e opposizione in Comune e Regione non da esponenti di partiti ma da studiosi e rappresentanti delle associazioni di tutela.

Fallimento grave e conclamato del Grande Progetto, si diceva in precedenza. Alcuni dati a testimoniarlo: alla scadenza del 31 dicembre 2015, solo cinque milioni spesi sui cento disponibili; a oggi e dopo l'oneroso rifinanziamento, pochissimi cantieri chiusi sui ventisette programmati, fermi operativi e contenziosi per errori progettuali, soliti imprevisti e conseguenti varianti in corso d'opera, gare sospese per accertamenti sulla propriet dei monumenti, progetti da rifare per l'entrata in vigore d'una nuova normativa sugli appalti. Tutta la procedura part nei primi mesi del 2011; non ammissibile che dopo sei anni si debba registrare un simile, deludente bilancio e soprattutto non pensabile che si possa continuare a gestire il programma per il futuro allo stesso modo. Al presidente Coccia suggeriamo un deciso cambio di passo affidato a due, tre iniziative che, se recepite dagli altri enti e istituzioni, potrebbero segnare una svolta positiva per il programma. Intanto, il Comune di Napoli deve riappropriarsi della regia generale del Grande Progetto perch, al di l della provenienza regionale dei finanziamenti, del variegato regime delle propriet e delle competenze specifiche di Soprintendenza e Provveditorato, stiamo pur sempre parlando di una parte importante della citt di Napoli, non di un condominio. Contemporaneamente, sempre il Comune, deve diventare stazione appaltante e centro dell'attivit progettuale, avvalendosi di professionalit esterne mediante concorsi e bandi di progettazione e chiamando a collaborare le eccellenze delle competenze presenti nel territorio. Il coordinamento operativo di questa struttura, non deve essere affidato a tavoli permanenti variamente aggettivati o a cabine di regia ma a un coordinatore, tecnico e manager a un tempo, in grado di portare a sintesi il programma. Nel Piano di gestione del centro storico Unesco di Napoli approvato nel 2011, vigente e mai rispettato questa figura prevista ed chiamata "Conservatore". Laddove istituita, ha dato ottimi risultati.

Tutto ci si doveva fare in un lontano passato. Non stato fatto. Il Grande Progetto ha ancora davanti a s una lunga strada da percorrere. Si intervenga subito sulle carenze strutturali del sistema. Si lascino perdere i ricorrenti allarmi su possibili cancellazioni del sito Unesco napoletano dalla Lista che non hanno mai preoccupato pi di tanto la politica. E poi, in ultima analisi e come dimostra l'esperienza concreta, nella Lista del Patrimonio difficile entrare e ancor pi difficile uscire per la pazienza e la prudenza diplomatica con le quali si amministrano le inadempienze degli Stati cui i siti sono affidati.




news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news