LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vi racconto la magia di Leonardo tornato agli Uffizi
Sergio Risaliti
Corriere fiorentino 25/3/2017

Una frenesia dellintelligenza, un pungolo a tutto sperimentare, uninsoddisfazione altissima e profondissima, una continua spinta a indagare e conoscere oltre le apparenze e fino ai fondamenti del creato, nel grande e nel piccolo, furono la condanna di quel geniaccio di Leonardo da Vinci, che non trov pace in un luogo reale o dellimmaginario, ma di tutto volle verificare la struttura, il meccanismo, , il funzionamento seguendo la scia luminosa della sua divina fantasia. Veramente mirabile e celeste fu Lionardo, figliuolo di ser Piero da Vinci, e nella erudizione e principii delle lettere arebbe fatto profitto grande, se egli non fusse stato tanto vario e instabile. Perci che egli si mise a imparare molte cose e, cominciate, poi labbandonava. Giorgio Vasari, cinvita a tener conto di tanta inquietudine creativa e intellettiva.

Tra le molte opere non terminate da Leonardo, la pi celebre lAdorazione dei Magi degli Uffizi, che nella notte tra gioved e venerd tornata nel museo fiorentino sollevata dal piazzale degli Uffizi con un braccio meccanico e fatta entrare da una finestra del primo piano dopo sei anni dindagini e di pulizia, sotto le sapienti mani dei restauratori dellOpificio delle Pietre Dure Roberto Bellucci, Ciro Castelli, Cecilia Frosinini, Patrizia Riitano, Andrea Santacesaria coordinati da Marco Ciatti. Un lungo restauro sostenuto dallAssociazione Amici degli Uffizi. Di base si erano rilevati fin dal 2011 alcuni rischi degenerativi: tra cui lalterazione dei materiali superficiali non originali, e la separazione delle assi del tavolato di supporto che avrebbero potuto mettere a rischio la pellicola pittorica. Da marted fino al 24 settembre sar visibile al pubblico nella Galleria delle Statue e delle Pitture esposta nella mostra Il cosmo magico di Leonardo da Vinci: lAdorazione dei Magi restaurata a cura di Eike Schmidt, Marco Ciatti e Cecilia Frosinini. Nellattesa le Gallerie degli Uffizi stanno postando sui social immagini, approfondimenti e curiosit, come il lavoro del Ris alla ricerca delle impronte digitali del Genio durante il restauro. Il dipinto, commissionato a Leonardo nel 1481 dai Canonici Regolari di SantAgostino per laltar maggiore della chiesa di San Donato in Scopeto fuori Porta Romana a Firenze, distrutta prima dellassedio del 1530 serba ancora molte sorprese, cela messaggi indefiniti. Una serie di dubbi sono stati per sciolti, e forse definitivamente. Ad esempio, possiamo dire che lAdorazione tutta quanta opera di Leonardo, che esegu il disegno preparatorio direttamente sulla tavola, per lasciarla al punto in cui la vediamo oggi. Per meglio spiegarsi, lartista torn pi volte a lavorare sulla tavola preparata, seguendo il fluire fantasioso del suo estro creativo. Tutto ci si deduce dalla compresenza di livelli di esecuzione temporalmente distanti tra loro, come se lartista non si lasciasse guidare da un progetto, da un cartone preparatorio, ritornando continuamente a variare e arricchire il testo figurativo fino al 1503-1506, allepoca del suo secondo soggiorno fiorentino. LAdorazio ne andr intesa allora non solo come opera non finita, e infinita, ma anche come opera aperta e in fieri. Per via del mutare continuo del rapporto tra ispirazione artistica e ispirazione teologica, iconologia e valori espressivi. Sono emersi particolari prima invisibili, come le linee di costruzione prospettica e il punto di fuga centrale, un pozzo o baratro ai piedi della Vergine. pure stata confermata la presenza di un elefante nello sfondo montuoso a destra, gi identificato a occhio nudo da Piero Sanpaolesi nel 1956. Altri aspetti interessanti sono apparsi considerando i cavalieri che si azzuffano tra le rovine del tempio che forse anche edificio in costruzione, e a destra dellalbero centrale. Secondo Vasari, proprio con Leonardo che il Rinascimento fa un terzo salto in avanti. Dopo decenni di spazializzazione geometrica, impostata secondo le direttive brunelleschiane, il pittore-scienziato adegua la rappresentazione a una concezione ancora pi moderna, facendo saltare la griglia prospettica in modo da far circolare aria intorno ad un perno centrale che nellAdorazione rappresentato dalla coppia Madre-Figlio. Per rendere visibile il senso dellEpifania del piccolo Re del mondo, Leonardo struttura fenomenologicamente il dispiegarsi della sua manifestazione terrena. La venuta al mondo una forza rivoluzionaria e universalistica, a un tempo vitale e numinosa che, mentre si dipana e dilata, coinvolge e sconvolge gli astanti vicini e lontani. un turbine epifanico che agita e turba nel profondo gli animi, e costringe a moti e gesti gli uomini secondo lintensit delle sensazioni provate e la limpidezza della rivelazione. Soffermiamoci sui volti, che sembrano animarsi con lemergere dal fondo, grazie al celebre sfumato leonardiano. Ai gesti di reverenza, ammirazione, stupore, meraviglia, fanno eco le urla e le grida dei combattenti. Al riposo dei carpentieri si contrappone la furia dei cavalieri. Qua calma, l turbinio. Accidia e vigore. Qualcosa di molto simile accade con Raffaello che nella Trasfigurazione sembra aver inteso il messaggio di Leonardo. Certo tutta questa vita, questanimazione, dovette apparire sconvolgente allepoca. Qualcosa di divino e celeste. Altro che statue parlanti. Leonardo faceva vivere la pittura, oltre lo spettacolo teatrale, prima del cinema. Qualcosa dirreale e di magico, come se questuomo, alto e bello, mostruosamente intelligente e fantasioso, fosse dotato di poteri sovrannaturali. Un angelo e un demone a un tempo, disceso in terra da un altro pianeta.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news