LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ultimo letto di Venere
RITA SALA
il Messaggero 27-LUG-2005

PAOLINA Bonaparte. L'abbiamo vista tutti a tre dimensioni, nuda e candidamente sfrontata sull'agrippina dove, appena venticinquenne, la immortal Canova, nei panni di Venere Vincitrice: alla Galleria Borghese di Roma o, in copia, nella vetrina principale di qualche antiquario. Paolina priva di complessi. Paolina dai seni piccoli e orgogliosi che, protetta dal suo cognome e dall'eredit dei Lumi, si fa Afrodite per lo scalpello dello scultore di Possagno. Corteggiata,
concupita, accudita da quanti, per passione patriottica, scelta politica o semplice opportunismo, vedevano in lei anche il riflesso del potente fratello.
Unica delle sorelle di Napoleone poteva, grazie al matrimonio con Camillo Borghese, celebrato a Parigi nel 1803, vantare il rango di principessa romana. Durante l'impero prefer vivere a Parigi, alternando soggiorni a Torino presso il marito, che aveva avuto la carica di Governatore del Piemonte, a brevi permanenze romane, a Palazzo Borghese, dove era conservato, nella camera di Camillo, il capolavoro canoviano. Solo dopo la caduta del fratello, nel 1815, si trasfer definitivamente a Roma. Abit nella residenza maritale, ma in un appartamento separato da quello di Camillo. E l'anno successivo acquist, presso Porta Pia, la villa appartenuta al cardinale Silvio Valenti Gonzaga, rinnovandola totalmente per aprirla agli amici e ai mondani di qualit. Della sua ospitalit, Lady Morgan, celebre viaggiatrice inglese e fervente bonapartista, scrisse: Di tutte le ville che possiede la famiglia Borghese, una sola abitabile, una sola offre la propriet inglese, l'eleganza francese e il gusto italiano, uniti nella maniera pi felice: quella di Paolina Bonaparte Borghese, ornata, mobiliata e restaurata dalla Principessa.
Eppure, un altro buen retiro pu forse vantare le stesse caratteristiche, la casa di Viareggio dove Paolina visse la sua ultima, breve storia d'amore con il musicista Giovanni Pacini. Due stagioni intense, fra il 1823 e il 1824, prima di ritirarsi, abbandonata dall'amato, a Firenze, a villa Montughi, dove mor nel 1825, a soli quarantacinque anni. E ora, con il titolo Il Rifugio di Venere (La Villa Paolina Bonaparte di Viareggio), si apre ai visitatori, da oggi fino al 4 settembre, proprio quell'amabile dimora, che la prediletta da Napoleone fece costruire secondo precise indicazioni nel 1822 ai limiti settentrionali della citt, isolata, sulla riva del mare. In mostra gli ambienti, i mobili, le suppellettili, i quadri che ricreano suggestioni e atmosfere profondamente e squisitamente paoliniane.
Chi entra e passeggia, avr l'impressione, grazie alla ricostruzione scenografica operata nei differenti spazi, di trovarsi davvero a casa Bonaparte. L'arredamento lo stesso scelto e agito da Paolina: la sala da pranzo, la camera da letto, la sala della musica, la biblioteca, il boudoir. Un discorso articolato, altalenante, pieno d'esperienze e sfumature spira dagli oggetti personali della padrona, prestati alla mostra dal Museo Napoleonico di Roma, dai Musei Nazionali delle Residenze Napoleoniche dell'Isola d'Elba, dall'Archivio di Stato di Firenze, dagli Archivi del Comune di Viareggio e dell'Istituto Matteucci di Viareggio (detentore dell'inventario della Villa che ha permesso la riedizione degli ambienti), da alcune collezioni private.
Non la principessa Borghese, n la sorella di Napoleone ci accompagnano all'uscita alla fine della visita, bens Paolina. Donna di classe, ma anche femmina frivola, spendacciona, sensibile, fragile, non di rado "dolorosa". Che portava al collo un pendente con dentro una ciocca dei capelli del fratello e regal all'ultimo, ingrato amante, il Pacini, un anello con inciso sulla pietra il motto Ma hardiesse vient de mon ardeu. Che sapeva indossare con piglio assolutamente principesco il prezioso manto in velluto, ricamato d'oro a foglie d'ulivo, documentato da mille ritratti. E che, per contrasto, scriveva appunti e brevi pensieri su un tenero taccuino di marocchino rosso e oro.
Paolina Borghese Bonaparte. La sua toeletta, manifattura Biennais-Parigi, racconta i segreti di una mai sfiorita bellezza. Le lettere scritte a Camillo Borghese, la civilt di un rapporto coniugale costruito e sviluppato secondo canoni di indipendenza reciproca, come l'epoca consentiva a uomini e donne di classe elevata. Il testamento, infine, dove la famosa seduttrice si dimostra anche persona di grande generosit, capace di disporre lasciti e ricordi per molti amici, e ansiosa di lasciare la villa di Viareggio in buone mani, cio all'amata sorella Carolina. Del resto a chi, se non a un parente carissimo, avrebbe potuto donare il nido d'amore in cui, prostrata per la morte di Napoleone, si lasci consolare dal giovane catanese Giovanni Pacini, di ben quindici anni pi giovane di lei?
Paolina Borghese Bonaparte, Venere Vincitrice. Fino all'ultimo. Annota il biografo: Il 9 giugno 1825, sentendosi vicina a morire, si fece abbigliare nel suo splendido vestito di corte. La chioma venne acconciata come per un ballo imperiale alle Tuileries e la cipria e il rossetto colorirono il suo viso che aveva perduto il bell'incarnato naturale. Le braccia, il collo e il petto, erano coperti di perle e diamanti. Un'ultima offerta votiva al corpo tanto adorato? O forse un altro pensiero le attravers la mente capricciosa? Ricord Paolina le personificazioni della morte che le arti e le lettere ci offrono? Pens dunque di affrontarla come aveva sempre affrontato e vinto gli uomini nella vita, con le armi della bellezza? Chiese uno specchio ed osserv la sua immagine per l'ultima volta. Quando la morte sopraggiunse, lo specchio lo stringeva in pugno.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news