LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Aquileia, scoperti due mosaici
Norman Rusin
Messaggero Veneto 27-LUG-2005

Due mosaici e una moneta con l'immagine dell'imperatore Costantino sono stati portati alla luce luned scorso nello scavo di via Gemina ad Aquileia. La scoperta, fatta da ricercatori e studenti dell'universit di Trieste, stata accolta con particolare entusiasmo. I reperti, infatti, sono databili con estrema precisione nei primi anni del IV secolo dopo Cristo, grazie alla moneta. Forniranno perci elementi utili per collocare nel tempo anche gli altri mosaici cittadini e apriranno una nuova prospettiva nello studio delle domus dell'epoca tardo imperiale. Elementi questi che hanno permesso a Federica Fontana, ricercatrice del dipartimento di Scienze dell'antichit e direttrice dello scavo, di definire il ritrovamento eccezionale. Si tratta - ha detto l'archeologa - di due mosaici dello stesso periodo, che fanno parte della stessa domus. Il primo, in bianco e nero, di tipo geometrico. Mentre il secondo, di estrema raffinatezza, policromo con ghirlande che racchiudono putti danzanti. La Fontana ha spiegato anche che la finissima lavorazione con tessere minute rivela che la probabile provenienza dall' Oriente del mosaico. Anche la cura nella composizione delle figure dimostra una particolare attenzione pittorica. Elementi - ha precisato - che fanno pensare a una domus di propriet di una personalit importante dell'epoca, forse di un funzionario imperiale.
Una prima parte del disegno era emersa nel corso delle operazioni sabato scorso. L'intera composizione stata portata alla luce - come si detto - luned nel primo pomeriggio. E la moneta emersa nella parte settentrionale del manufatto. Nell'ultimo livello del mosaico - spiega l'archeologa - abbiamo trovato una moneta leggibile, raffigurante l'imperatore Costantino, dell'inizio del quarto secolo. Si tratta di un caso pi unico che raro che ci permette di datare i mosaici ritrovati in modo preciso. questa una scoperta rivoluzionaria per gli scavi effettuati sin qui ad Aquileia che potrebbe portare a nuove interpretazioni di carattere scientifico. Nelle prossime settimane gli studi continueranno alla ricerca delle tracce della domus.
I ritrovamenti sono stati presentati ieri mattina, alla presenza del rettore dell'ateneo di Trieste, Domenico Romeo, della Soprintendente regionale ai beni archeologici e storici, Franca Maselli Scotti, e degli studenti e dei ricercatori del dipartimento di Scienze dell'antichit che conducono la ricerca. L'Universit di Trieste - ha detto il rettore - si impegner per la conservazione e la valorizzazione di questa straordinaria scoperta. La speranza che i nostri archeologi possano portare alla luce altri ritrovamenti di questa bellezza e importanza. Il mio ringraziamento va poi a tutti gli studenti che hanno dato un contributo concreto durante lo scavo. La soprintendente, oltre a rinnovare la proposta per l'istituzione di un parco archeologico, ha detto: Siamo felici di aver in qualche modo favorito questa scoperta, avendo concesso quest'area di scavo al dipartimento di Scienze dell'antichit. Si tratta di un'area dove si trovavano domus di altissimo livello.
La zona di via Gemini non per l'unica indagata dagli archeologi triestini. Le campagne di scavo ad Aqulieia dell'Universit di Trieste hanno infatti dato negli ultimi anni altri interessanti risultati. La prima campagna, diretta da Monika Verzr-Bass, risale gi all'anno 1988 e ha riguardato l'area a nord-est del Foro, dove stata scoperta una struttura di uso commerciale del periodo tardo antico. Dal 1995 la Scuola di specializzazione in archeologia dell'ateneo giuliano ha intrapreso alcuni scavi nell'area nordorientale della citt antica (via Bolivia) dove stato messo in luce un coerente livellamento costituito da materiale vario prelevato dalle strutture giacenti in loco e da tempo fatiscenti, nonch un imponente tratto, ancora conservato, dei basoli calcarei dell' antico cardo (l'asse viario Nord-Sud), che delimitava insula abitativa sul lato orientale.
Il ritrovamento di questa strada, negli anni scorsi, ha consentito ai ricercatori dell'ateneo giuliano di proporre alcune ipotesi nuove relative alle dimensioni degli isolati e quindi del tessuto urbanistico di Aquileia. Un lavoro che si avvalso anche delle migliori tecnologie per la documentazione. stato infatti creato un Gis dello scavo. Si tratta di un rilievo informatizzato degli strati e delle strutture, inserito nella topografia della citt. Aquesto sistema stata collegata una banca dati contenente tutte le informazioni sui materiali rinvenuti. Particolarmente interessante stata inoltre la scoperta della sovrapposizione di due livelli di pavimentazione stradale, dovuta forse a una trasformazione dell'impianto urbanistico, rispondente ad una nuova fase edilizia di quella parte residenziale.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news