LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quei popoli uniti dal Mediterraneo
Gerardo Picardo
INDIPENDENTE 27-LUG-2005

In distribuzione gratuita in questi giorni l'opera libraria Etnie - Popoli e civilt tra culture e tradizioni (pp. 219) ; : edita dal Ministero peri Beni e le Attivit Culturali Direzione generale per i beni librari e le attivit culturali - e dal Comitato nazionale minoranze etnico-linguistiche in Italia. Il volume, curato da Pierfranco Bruni, diviso in pi saggi e propone il concetto di "etnia" in un contesto multietnico e multilinguistico attuale molto variegato. Lo studio, nel leggere attentamente i passi della ricerca condotta, analizza sia i rapporti tra etnia e territorio che il dialogo tra minoranze linguistiche e fattori antropologici ed etnici. Al suo interno non viene trascurato, per, il rapporto tra il valore di etnia e i codici di indagine come l'archeologia, l'arte, le tradizioni e la storia.
Le etnie sono realt in movimento con le quali ci troviamo a fare i conti, realt che si incrociano con quegli "spettatori deterritorializzati" di cui parla Arjun Apparudai nel testo Modernit in polvere. E questo un dato che riguarda tutte le 12 etnie (storiche) considerate tali in Italia. Dagli Arbereshe, dunque, ai Grecanici. Dai Ladini ai Sardi. Dagli Occitani ai Franco-provenzali: queste etnie non appartengono alla cultura della modernit e con la modernit, in termini culturali, si scontrano costantemente. Perch se oggi sono saltati i confini che determinavano territori e culture, altrettanto vero che l'identit costituisce ancora un percorso non solo della memoria, e tra i labirinti del tempo sforzo di costruzione di un passato che sa ancora parlare e insegnare. Questo anche in risposta alla ormai celebre teoria dello "scontro di civilt" di cui parla Samuel Hungtinton, perch sempre pi ai nostri giorni si ritorna a parlare di etnie e anche si tende a etnicizzare qualsiasi tipo di conflitto e problema sociale, dato che le persone non sono monoliti inscalfibili, per ricordare le parole di Tiforau.
Etnie. Popoli e civilt tra culture e tradizioni, (che sar presentato in tutte le citt dove vivono le comunit di minoranza etnico-linguistiche) scrive nella prefazione il sottosegratario Nicola Bono, indaga sia sul versante dei rapporti tra etnia e territorio sia in merito al dialogo, sempre pi insistente, tra minoranze linguistiche e fattori antropologici ed etnici, sia su un confronto importante tra il valore di etnia e gli altri codici di indagine come l'archeologia, l'arte, le tradizioni, la storia. Cos, fa notare il numero due del dicastero di via del Collegio Romano, il Mediterraneo ancora una volta chiave di lettura fondamentale per "garantire" identit a un Paese come l'Italia che si sempre aperto ad orizzonti di accoglienza senza mai disperdere quelle matrici che hanno trovato nella cultura greca e in quella romana una simbiosi di fattori che sono un radicamento mediterraneo consistente.

Stivale e stili di vita
Tanti e qualificati i contributi degli studiosi che compongono questo saggio. Tra gli altri quello di Pietro De leo su "Etnie/minoranze", di Maria Zanoni su "Il concetto di etnia nella cultura popolare contadina", o di Costantino Nikas du "L'identit ellenica nella grecia salentina". Senza dimenticare per questo lo scritto di Filippo Violi su "I greci di Calabria: un popolo in viaggio tra identit e tradizione" e il contributo di Antonio Basile su "Il tarantismo pugliese". Nel discorso si innesta la questione del rapporto tra etnie diverse che abitano lo Stivale e stili di vita, ma anche del legame tra popoli e lingue. Da parte sua il curatore del volume, Pierfranco Bruni, mette in evidenza dalle pagine di questo libro come senza una profonda consapevolezza della cultura della tradizione le etnie storiche perdano la loro valenza sia etica che documentaria. Un dibattito tutto da riprendere e da sviluppare in una logica in cui il concetto di tradizione deve avere un suo senso.
Le minoranze etnico-linguistiche sono parte integrante di quei processi etnici che rappresentano delle realt storico-culturali con una loro fisionomia e una loro funzione antropologica che testimoniano istanze non innovative ma conservative. Il sentimento delle radici, nota ancora Bruni, non soltanto un fatto culturale ma coniuga istanze storiche con una spiritualit che da il senso alle identit. Le identit sono processi che le civilt, i popoli, le epoche si portano dentro ma possono anche mutare e presentarsi con delle varianti.
Le appartenenze, invece, sono il valore intrinseco nelle stesse identit ma si legano a significati che hanno valenze profondamente spirituali. Le radici, in fondo, sono il portato di esigenze e di sentimenti. Beni culturali e minoranze linguistiche (etnico-storiche-antropologiche-archeologiche) un rapporto che si manifesta attraverso elementi e modelli che vivono sul territorio. E il territorio una espressione emblematica che a sua volta espressione di conoscenza e di consapevolezza storica. Nel caso delle minoranze etnico-linguistiche occorre principalmente un raccordo che invita a leggere queste comunit non solo in un contesto folcloristico e antropologico ma anche profondamente articolato su questioni di "rappresentanza" storica le cui identit sono anche dati matetiali. La cultura popolare e i codici dell'appartenenza sono elementi fondamentali perch grazie ad essi la storia si intreccia con il mito, con fattori etnici, con elementi archeologici e artistici, con la ricerca sul campo.

Patrimoni da salvaguardare
Un viaggio nel tempo: ci sono minoranze che provengono dal mare e si sono stanziate lontane dall'acqua. E ci sono minoranze che hanno invece una vocazione risalente a una geografia interna ed hanno mantenuto questo contatto. Ma ce ne sono anche altre che si sono innestate su ceppi gi esistenti. Si pensi ai grecanici o agli italo-albanesi o ai ladini.
Resta per fermo un concetto, che quello del rapporto tra l'identit come difesa di un patrimonio e la tradizione che per non resta come rispetto del tempo vissuto ma si presenta sotto forma di una rivitalizzazione. Sono "spicchi di civilt" che trovano soprattutto nell'arte, nella letteratura e in quelle istanze espressive (in movimento) come la musica, il canto, la danza un tracciato che indicato una strada per non dimenticare. Perch soltanto il Mediterraneo pu unire nella diversit.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news