LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Zagari: Ci possono essere soluzioni meno invasive
di Cristiano Marcacci
03 marzo 2017 IL TIRRENO



Dopo Settis anche il noto paesaggista boccia il progetto della ruota panoramica Gli fa eco Bartalini, possibilista Pierfrancesco Pacini, perplesso Bracci Torsi



PISA. Una visione disneyana del mondo che evidentemente si ritiene lunica possibile. Un minacciato e grottesco luna park.

La ruota panoramica alta fino a 50 metri con vista sulla Torre nella zona del maxi parcheggio di via Pietrasantina ancora non c (per il momento sempre relegata ad un bando esplorativo del Comune), ma le polemiche girano gi. E a smuoverle ci ha pensato larcheologo e storico dellarte, gi direttore della Normale, Salvatore Settis in un lungo intervento scritto ieri per il Tirreno. Per Pisa, e non solo per la citt della Torre, Settis sempre Settis e le sue dichiarazioni e valutazioni fanno sempre rumore.

daccordo in tutto e per tutto con lui, ad esempio, larchitetto Alberto Bartalini, lo scenografo preferito da Andrea Bocelli, colui che ogni anno firma con il suo estro il Teatro del Silenzio di Lajatico: La penso esattamente come Settis - dice -. Condivido completamente il suo intervento. Non ha alcun senso una ruota panoramica a Pisa. Penserei piuttosto a collocarla in alta Valdera, a Peccioli ad esempio, al posto di quella colata di cemento che vuole realizzare il sindaco, una passerella pedonale sopraelevata tra il parcheggio e il centro del paese.

Con un atteggiamento possibilista rispetto allipotesi si pone invece Pierfrancesco Pacini, presidente dellOpera della Primaziale Pisana, lente che sovrintende allarea monumentale di piazza dei Miracoli: Tengo a precisare - spiega - che la mia unopinione squisitamente personale, dal momento che nella deputazione dellOpa non abbiamo parlato del progetto del Comune, anche perch non riguarda direttamente piazza del Duomo. Se si tratta di una realizzazione ben fatta e se serve a rendere pi appetibile per i turisti larea del parcheggio scambiatore di via Pietrasantina, ben venga la ruota panoramica. Gi in passato, come presidente della Camera di Commercio, ebbi modo pi volte di rilevare la necessit di migliorare la qualit dellaccoglienza lungo il percorso tra il parcheggio turistico e piazza Duomo. Da questultima la ruota non avrebbe effetti impattanti, e quindi potrebbe essere una valida opportunit per arricchire lofferta turistica.

Da Roma, dove vive e lavora, interviene anche il noto e stimato paesaggista Franco Zagari, al quale abbiamo chiesto un parere dopo che sulla sua opera proprio a Pisa si tenuta recentemente la mostra monografica Franco Zagari, architettura e paesaggio. Progetti, curata dallassociazione culturale Lp. La questione - afferma Zagari - evidentemente riguarda l'impatto di questa attrezzatura che, a quanto ho capito, ha una durata non definita. Io credo che prima che per la sua visibilit, questa idea dovrebbe maturare da un punto di vista del suo significato. La ruota panoramica un genere che ha avuto alterna fortuna, massima nel Prater di Vienna, dove se questa architettura venisse a mancare la citt perderebbe un'importante caratura. Sempre una ruota, il London Eye, diventata a Londra una protagonista molto amata e, dopo il grande successo che ha avuto, torna a funzionare quella di Place de la Concorde a Parigi, che nata come temporanea e credo finir come la Tour Eiffel, una delle icone pi importanti della citt. Ma perch a Pisa un'altra ruota panoramica? Se il problema quello di creare un'attrattiva che offra una vista sulla citt e sulla Torre - prosegue Zagari - credo che ci sarebbero molte soluzioni meno invasive, ma direi piuttosto pi originali, con un loro carattere del tutto nuovo, che in base alla bont dei progetti si giudicher se siano pi o meno in contrasto o in armonia con un contesto cos delicato. Quello che sicuro che si potrebbe avere un rapporto pi attento con il profilo della citt, appena affiorante, non necessariamente con il protagonismo di una struttura da luna park. Niente di male, n nell'architettura di Disney n nei luna park, ma quello che pu lasciare perplessi la gratuit dell'uso di un linguaggio e di una forma che nel mondo ha gi una lunga storia di remake. Dunque non avrei dubbi nel cercare soluzioni alternative, prima di pronunciarci definitivamente pro o contro.

Infine, ecco i dubbi di Cosimo Bracci Torsi, presidente della Fondazione Palazzo Blu: Sono perplesso ma non pregiudizialmente contrario. Andrebbe studiato bene il progetto, valutando gli eventuali vantaggi. Certamente non dovrebbe essere impattante rispetto ai panorami tradizionali.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news