LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MUSEI Riapre la residenza viareggina della Bonaparte, sorella minore di Napoleone.
di Gianni Caverni
l'Unit, 27/07/2005

Da domani i visitatori potranno entrare nel suo rifugio damore fatto costruire nel 1815.

Quando Canova le fece il ritratto come Venere vincitrice PaolinaBonaparte aveva 25 anni ed era nel pieno della sua bellezza proverbiale.
Se Elisa era una donna che amava esercitare il potere politico e fu per questo Principessa di Piombino e Lucca prima e Granduchessa di Toscana poi, Paolina era donna colta e raffinata e, soprattutto, capace di sfoderare le pi efficaci armi della seduzione.

Incontriamo il suo busto in marmo, attribuito ad Antonio Canova e conservato nel Museo Napoleonico di Roma, in una delle sale della Villa Paolina Bonaparte di Viareggio, appena restaurata.

Si inaugura gioved "Il rifugio di Venere", la mostra, a cura di Glauco Borrella e di Roberta Martinelli, che riapre le sale della villa che la sorella prediletta di Napoleone volle farsi costruire nel 1822.

Nellultima fase della sua vita volle stare vicina allultimo suo disperato amore: quel Giovanni Pacini, musicista, di quindici anni pi giovane di lei che finir per lasciarla. Soltanto un anno dopo, a soli 45 anni, Paolina mor, a Firenze.

Prima che lamministrazione comunale decidesse il restauro, cominciato nel 1999, ledificio era stato, negli ultimi anni utilizzato come scuola media e gli affreschi che tanto abbondantemente decoravano pareti e soffitti delle sale, erano naturalmente stati coperti.

Progettata da Giovanni Lazzarini, su precise indicazioni e attenti controlli di Paolina, la Villa nacque allestremit settentrionale di Viareggio, come si vede bene nel prospetto in mostra, di fronte al mare: praticamente sulla spiaggia sulla quale fu trovato il corpo di Shelley che Byron qui fece ardere secondo rito pagano.

A nord della villa, come un salotto a cielo aperto, un grande giardino circondato da alti muri aveva un impianto allinglese.
A sud invece un altro giardino pi direttamente funzionale con orti e scuderie.

Il terzo spazio esterno la spiaggia, allora segnata da due file di alberi, e forse rappresenta meglio lo spirito di Paolina in questa fase della sua vita.

Gli affreschi recuperati sono di grande bellezza e sono in sintonia con la moda francese dellepoca, ogni stanza ha la sua caratteristica, dal trompe loeil con storie tratte dallOrlando Furioso alle scene e decorazioni in stile cinese e mussulmano, festoni, puttini e riferimenti allesterno come la parete di fondo, fra le due finestre rivolte al mare, sulla quale ancora il mare ad apparire in una sorta di continuit fra vero e finzione.

Paolina spos in seconde nozze il Principe Camillo Borghese, proprio colui che commission a Canova la scultura di Venere vincitrice e i gioielli che lui le aveva regalato, opportunamente celati in nuove montature le garantiranno una certa sicurezza in momenti difficili e le permetteranno di finanziare la fuga di Napoleone dallElba ed il suo ritorno in Francia.

Molti e straordinari gli oggetti esposti, caratterizzati da quel gusto tipico del cosiddetto stile impero.
Larredamento attuale, utilizzando mobili provenienti dal Museo Napoleonico di Roma, da collezionisti privati e da antiquari, ricostruisce al meglio quello originale.

Fra laltro si fa notare la toletta raffinatissima della manifattura Biennais-Paris, un prezioso manto in velluto, lanello regalato al Pacini, il pendente contenente i capelli di Napoleone. Epoi le lettere scritte al marito, il testamento e linventario dei beni.

Villa Paolina Viareggio via Machiavelli 2



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news