LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scoperte/ Eccezionale ritrovamento in Bulgaria.
di MARCO GUIDI
Marted 26 Luglio 2005 Il Messaggero




Ma lattribuzione al re-musicista, figura mitica, non storica, crea sconcerto




LA notizia di quelle che fanno sognare: in Bulgaria, a meno di 300 km a est di Sofia, gli archeologi hanno trovato una splendida tomba di un re degli antichi Traci, uno dei popoli pi interessanti e ricchi di mistero dellAntichit. Una tomba che risale al IV secolo prima di Cristo, ricca di ori, argenti, bronzi e vasellame di gran classe. Una scoperta bellissima che sposa riti barbarici (assieme al re sono state trovate le ossa dei suoi cavalli e dei cani da caccia preferiti) con gusti ellenici, come ellenico il rython, vaso a testa di animale, che emerso dagli scavi. Una tomba anomala per come costruita, diversa da quelle degli altri monarchi traci ritrovate fino a oggi. Ma ecco arrivare una notizia perlomeno sorprendente. Secondo gli scavatori la tomba sarebbe nientemeno che quella del mitico re di Tracia, Orfeo, il pi grande musicista dellantichit, colui che seppe vincere persino la morte per riportare in vita la sua amata moglie Euridice.
Speriamo che la notizia venga ben presto smentita, dal momento che: a) Orfeo un personaggio mitico e non reale e che soprattutto b) Orfeo, ammesso che sia mai esistito, risalirebbe perlomeno al VI secolo prima di Cristo ma probabilmente a una data ancora molto anteriore. Ora va bene essere re mitici ma essere sepolto in una tomba del IV secolo a.C. essendo vissuto almeno due secoli prima un po troppo.
Ma deve essere la stagione dei ritrovamenti delle tombe di personaggi mitici. Mesi fa la Bbc annunci che archeologi britannici avevano scoperto in Iraq nientemeno che la tomba del mitico re Gilgamesh, il monarca del quarto millennio avanti Cristo che avrebbe sfidato gli dei e conosciuto Ut Napishtim, che poi non altro che il No mesopotamico. E adesso, voil, la tomba del mitico Orfeo.
Quello che probabile che il re sepolto si sia richiamato, nel suo desiderio di immortalit, al mitico cantore trace. Gi perch Orfeo fu per gli Antichi, e lo fu fino a che il cristianesimo non spazz via la classicit con i suoi splendidi miti, il simbolo della vittoria sulla morte. Lo fu anche per la sua biografia personale e per i misteri che a lui si ispirarono e che durarono oltre un millennio.
Ma chi era Orfeo? Secondo la mitologia classica egli fu figlio del re di Tracia Eagro e della musa della poesia epica Calliope. Egli, figlio di tanta madre, fu il pi grande poeta e musicista (allepoca le due cose erano quasi sinonime, visto che i poeti si accompagnavano quasi fossero cantautori con la lira). Fu lo stesso dio della musica, Apollo, a donargli la lira e furono le sue ziette, nientemeno che le nove Muse, a insegnargli a suonare, a cantare e a comporre versi.
Orfeo non era solo il pi grande musicista e poeta dellepoca, fu anche un eroe, tanto da accompagnare la spedizione di Giasone e degli Argonauti alla cerca del famoso Vello doro della Colchide. Al ritorno decise di mettere la testa a partito e si spos con la bellissima Euridice.
Fu un matrimonio felice e pieno damore fino a che un brutto giorno la sposina, che si aggirava lungo il fiume Peneo, incontr un bruto che cerc di abusare di lei; nel fuggire Euridice mise il piede su una serpe velenosa che la morse, uccidendola.
Orfeo, inconsolabile, decise di tentare il tutto per tutto, armato solo della sua lira prese la strada oscura dellAde. Sulla porta, a sbarrargli il passo, incontr Caronte e il cane a tre teste, Cerbero. Ma il suo canto valse ad ammorbidire anche i due spietati guardiani che gli cedettero il passo. Pieno di speranza Orfeo giunse fino al trono di Plutone, il re del mondo dei morti. E l, ancora una volta, il suo canto e la sua musica fecero il miracolo. Il re senza piet gli concesse di poter tornare alla dorata luce del sole con la sua amata Euridice. Ad un patto, per, che mai Orfeo si voltasse a guardare la moglie fino a che non fossero stati fuori dalle porte degli Inferi.
Seguendo il canto di Orfeo, Euridice inizi a risalire, ma, e i due erano quasi fuori dellAverno, a Orfeo parve di non sentire pi il passo dellamata. Non resistette e si volt. Fu un attimo e il corpo della bella Euridice si scompose in una gelida nebbia.
Da quel momento Orfeo dedic se stesso alla salvezza degli uomini, istituendo i misteri (orfici, appunto) che avrebbero loro garantito la vita eterna anche dellAldil. Fu forse per aver rivelato questi misteri, forse per uno sgarbo fatto al dio Dioniso, che le menadi, le donne che costituivano lebbro corteo di Dioniso, lo sbranarono. Il suo corpo venne seppellito ai piedi del monte Olimpo, l dove, si dice, gli usignoli cantino meglio che in qualsiasi altra parte del mondo, proprio grazie alla sepoltura di Orfeo.
Ma morto Orfeo i suoi misteri sopravvissero: Tu troverai nella casa dellAde una fonte che scorre dal lago di Mnemosine, custodita da guardiani. E tu dirai loro: Sono figlio della Terra e del Cielo stellato, la sete mi arde, datemi da bere, e tu berrai di quellacqua e regnerai con gli eroi. Questo sta scritto in una laminetta orfica doro che proviene da Petelia in Magna Grecia e questo credevano coloro che furono iniziati ai misteri di Orfeo.
E la Tracia alimenter altri miti, come quello del Cavaliere trace, il combattente eroico e immortale, destinato a dar vita a san Giorgio.
Ora trovare la tomba del vero Orfeo sarebbe come trovare le stalle del Cavaliere trace, giustapporre il mito alla realt. Una cosa impossibile fin dai tempi di Orfeo.







news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news