LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA-Vetrina Estense. Niente profitti? Niente biblioteca
Lorenzo Ferrari
www.emergenzacultura.org, 02/03/2017

La vicenda che riguarda la chiusura della sala lettura della Biblioteca Estense una metafora straordinaria del destino del patrimonio culturale materiale ed immateriale nella societ italiana contemporanea.

La recente riforma Franceschini, che ha imposto lorganizzazione dei Poli Museali e laccorpamento delle Soprintendenze, costruita sullidea peraltro sviluppata chiaramente anche nella Buona Scuola secondo cui il nostro Paese potrebbe diventare un brand spendibile

sul palcoscenico internazionale, utile dunque ad attirare visitatori e, soprattutto, denaro. Contemporaneamente, ci si preoccupati di costruire una narrazione vuota ma efficace sulla bellezza, che nulla ha a che vedere con la crescita morale e culturale dei cittadini, spesso destinati ad essere spettatori paganti di una fabbrica di eventi e di location. Questa ossessione per lo storytelling trasforma tutto in puro intrattenimento; cos, il mantra delle metafore petrolifere colonizza il discorso pubblico, giustificando mostre blockbuster, volgari sponsorizzazioni spacciate per mecenatismo, iniziative prive di ogni reale fondamento scientifico dai titoli perfino inquietanti, come Tutankhamon, Caravaggio, Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento e proposte di project financing.

in questo orizzonte di pensiero che sembrano collocarsi le dichiarazioni di Martina Bagnoli, dal 2015 Direttrice delle Gallerie Estensi, intervistata lo scorso 22 febbraio da Vivo Modena. Rispondendo alle critiche mosse dai Rappresentanti degli studenti dellUniversit di Modena e Reggio in merito alla chiusura della sala lettura della Biblioteca Estense, la Dottoressa Bagnoli ha affermato che i costi di gestione degli ambienti adibiti alla consultazione sono insostenibili e che gli accessi sono pochissimi, pertanto lo spazio della sala lettura potr essere usato in maniera pi produttiva per altri scopi () per esempio esposizioni temporanee, per creare una sorta di vetrina del nostro complesso e invogliare la citt a venire a studiare e a usare le nostre risorse () bisogna mettere in moto operazioni che comportano investimenti, transizioni.

Se la sala lettura poco frequentata, perch non tentare di promuovere attivit di formazione sulla consultazione delle risorse bibliografiche? Perch non organizzare conferenze e dibattiti assieme ad altre realt del territorio? proprio indispensabile ridurre ulteriormente quegli oramai rari spazi in cui un cittadino non si sente consumatore? Le due sale temporaneamente adibite alla consultazione rimarranno disponibili anche in futuro?

Riflettendo su un tema cos delicato, mi torna in mente uno di quegli aneddoti che i bibliotecari resistenti di Modena amano raccontare ancora oggi. Nel 1923 Giovanni Treccani si trovava ad unasta a Parigi. Fra i vari lotti che andarono allincanto, il padre dellEnciclopedia Italiana riconobbe la Bibbia di Borso dEste, lo straordinario manoscritto miniato opera di Taddeo Crivelli, realizzato a met del XV di cui non si sapeva pi nulla da oltre sessantanni. Treccani contatt le burocrazie ministeriali del Regno pensando di coinvolgerle nellacquisto. Ma non ci fu nulla da fare, pare che anche allora certi capitoli di spesa fossero condannati a perire sotto la scure dei tagli lineari. Il futuro senatore sbors quindi di tasca propria cinque milioni di lire, affinch i due preziosi volumi non finissero oltreoceano, lontano dallItalia. In seguito, Treccani don il manoscritto alla Biblioteca Estense e ne finanzi una copia anastatica.

Oggi la Bibbia di Borso dEste riposa a Modena, dopo quasi sei secoli ha ancora parecchio da raccontare sul contesto storico, artistico e letterario in cui stata realizzata: una miniera di arti e di saperi, un patrimonio di tutte le cittadine e di tutti i cittadini italiani e del mondo. Non possiamo sapere cosa penserebbe Giovanni Treccani del concetto di vetrina (commerciale) associato ad una biblioteca, uno dei luoghi in cui almeno in teoria la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Quel che pare certo, che non spenderebbe una lira in favore di una mostra sui notturni da Tutankhamon a Van Gogh.



2 Marzo 2017



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news