LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Metropolitan Museum di New York, un fallimento annunciato
Massimo Gaggi
www.emergenzacultura.org, 02/03/2017

Il pre-fallimento del Met sirena dallarme. Crescono invece i visitatori dei Musei londinesi, gratuiti, e quindi i turisti a Londra

Dedicato a Matteo Renzi e a Dario Franceschini i quali puntavano e puntano a trasformare i nostri musei in macchine da soldi. Il pi grande Museo americano era gi passivo per un 50 % circa del suo bilancio (come il Louvre del resto). Ma, come racconta Massimo Gaggi, sul Corriere della Sera del 2 marzo, la frenesia del suo direttore di intraprendere nuove iniziative di ogni genere gli ha fatto accumulare un passivo molto allarmante, sui 40 milioni di dollari. Si dir: ma Campbell non era un manager, perch lo sono forse i direttore stranieri reclutati per gli Uffizi, Brera o larea di Paestum? In realt il pre-fallimento del Metropolitan Museum of NY e le difficolt crescenti del Moma sono autentiche sirene dallarme per quanti si illudono, da provinciali, di fare profitti coi musei italiani.

Si d il caso che nelle classifiche mondiali il Met, con circa 6 milioni di visitatori, sia scivolato al 4 posto dopo il Louvre (peraltro in calo per il terrorismo islamico che ha allontanato un 20 % di turisti), dopo il British Museum e la stessa National Gallery di Londra dove lingresso gratuito. Fra i primi dieci anche un altro Museo londinese, la Modern Tate Gallery anchessa ad ingresso gratuito. La scelta di una gratuit generalizzata venne operata dal governo laburista di Tony Blair anche per incrementare come puntualmente avvenuto i visitatori, inglesi e stranieri, e quindi il turismo culturale a Londra. (VE)



(di Massimo Gaggi)

Un deficit di (almeno) 40 milioni di dollari: ieri le dimissioni di Thomas Campbell, direttore e amministratore delegato del pi grande museo dAmerica

Quante volte i musei italiani sono stati criticati per la loro arretratezza, la burocrazia, la mancanza di dinamismo imprenditoriale che impedisce loro di diventare attraenti e fruibili come tante istituzioni straniere, a cominciare dai grandi musei americani? B, il pi grande e celebrato museo dAmerica, il Metropolitan di New York, versa in uno stato prefallimentare e ieri ha costretto alle dimissioni il suo direttore e amministratore delegato: il 54 enne Thomas
Campbell che nel 2008 aveva ereditato la guida di questo grande centro culturale dal leggendario Philippe de Montebello che fu al timone del Metropolitan per ben 31 anni.
Con Campbell, ex curatore dellarea arazzi e tappeti ma privo di competenze amministrative, il museo ha lanciato molte iniziative brillanti e ospitato esibizioni di grande successo, espandendo gradualmente la platea dei visitatori fino agli attuali 7 milioni lanno. Abbagliato dal successo, per, il direttore si impegnato in una serie di progetti molto costosi, non basati su realistici piani finanziari. Troppo e troppo in fretta dicono, oggi, i suoi critici: dalla creazione di un dipartimento digitale allidea di surclassare Moma e Whitney sullarte moderna e contemporanea.
Campbell si tuffato nelle nuove avventure, seguito dal suo board, nonostante gli avvertimenti ricevuti. Ad esempio quelli di Hamilton James, il direttore del gigante finanziario Blackstone, che, entrato in consiglio damministrazine nel 2010, aveva ben presto fatto presente che la dinamica della crescita delle spese era troppo rapida rispetto ai ricavi. Inascoltato fino a poco tempo fa. Allinizio di questanno il Metropolitan ha scoperto allimprovviso un deficit di bilancio di almeno 40 milioni: per tappare i buchi il museo ha deciso di ridurre da 60 a 40 le esibizioni temporanee ospitate ogni anno, ha messo alla porta 90 dei suoi 2200 dipendenti e ha rinviato a data da destinarsi la realizzazione di una nuova ala da 600 milioni di dollari.
Gli errori del direttore-manager e la distrazione dei trustees che non hanno sorvegliato nulla tolgono alla validit del modello organizzativo dei musei Usa. Nel quale, per, qualcosa sembra essersi rotto o, almeno, incrinato, a giudicare dalle difficolt di altre isituzioni newyorkesi: lo stesso Moma, il Brooklyn Museum e la New York Philarmonic. Ma ci sono musei in difficolt anche a Los Angeles. Ovunque il problema lo stesso: strutture splendide ma dispendiose, programmi ambiziosi, crescita dei costi troppo rapida, mentre le entrate ristagnano: i proventi dei biglietti non crescono pi e i negozi dei musei non tirano come un tempo.
Il Metropolitan non ha ancora rimpiazzato Campbell: si prende una pausa di riflessione. I candidati non mancano, da Glenn Lowry del Moma a Michael Govan, direttore del Los Angeles Country Museum. Ma vengono, appunto, da istituzioni che hanno anchesse i loro problemi. Alla fine potrebbe spuntarla il direttore amministrativo Daniel Weiss, entrato in carica nel 2015, che ha subito identificato i problemi di bilancio e predisposto i primi interventi-tampone.
Corriere della Sera, 2 marzo 2017

..

Londra si confermata comunque capitale della cultura anche per il 2014, con quattro istituti tra i primi dieci, in prima fila il British Museum con 6,6 milioni, seguito dalla National Gallery (che scavalca il Met di New York) con 6,4. Nei primi dieci anche la Tate Modern, che con 5,7 milioni di visitatori sale dal settimo al sesto posto in classifica, e infine il Natural History Museum. Tutti gratuiti (fatte salve le mostre, ovviamente). Di recente la presidente di Confculture, Patrizia Asproni, strenua sostenitrice della redditivit dei musei ha criticato la gratuit dei Musei londinesi affermando che in Gran Bretagna per sta chiudendo una serie di piccoli musei. Pu darsi, per la realt dei maggiori musei britannici e soprattutto del turismo culturale in netta ascesa a Londra parla un altro linguaggio. (ndr)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news