LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Polo e Ulivo litigano anche sui beni culturali
Pierluigi Ubezio
Torino Cronaca, 26/7/2005

L'allarme di Oliva sul Dpef: tutto quello che non propriet diretta dello Stato potr essere restaurato soltanto in contanti.
Lexgovernatore: E una regola voluta dal centrosinistra, passata nel 2001 con un solo voto di scarto

TORINO - Allarme rosso per i beni culturali e per l'arte in generale: nel testo dell'ultimo "Documento di programmazione economico finanziaria" c' un articolo che toglie alle Regioni la possibilit di operare in conto capitale nei confronti dei Beni Culturali non prettamente statali presenti sul territorio. Tutto quello che non propriet diretta dello Stato potr quindi essere restaurato in contanti. Un grido di allarme lanciato ieri dall'assessore regionale alla Cultura, Gianni Oliva, che ha sottolineato la miopia del testo di legge che scinde nettamente pubblico e privato senza lasciare spazio alle ovvie scale di grigio che in questo caso sono necessarie. Un allarme che diventa subito terreno di scontro politico tra maggioranza e opposizione. La giunta Bresso voleva colpire il Governo, ma il nervosismo per gli errori sull'assestamento ha fatto perdere l'orientamento, e cos ha fatto autogol, ironico Enzo Ghigo, capogruppo di Forza Italia a palazzo Lascaris.
La questione delicata: chiese, societ di "mutuo soccorso" proprietarie di immobili di interesse storico e culturale e castelli affidati alle cure di organizzazioni private rischiano di trovarsi senza le adeguate coperture finanziarie. La storia, l'arte e la cultura - ha sottolineato Oliva - fanno di questi luoghi definiti privati come una cosa pubblica e dal pubblico consultabile e godibile. Assurdo equiparare una basilica ad una villa privata, eppure il documento rende questa idea. E ancora. Organizzazioni come la Fai, il Fondo per l'Ambiente Italiano, sono sempre state viste come una risorsa per lo Stato che, come nel caso dei Castelli di Manta e di Masino, ha trovato nella nostra associazione un valido sostituto sia per la gestione che per le spese che non sono poche n banali. Parrebbe che tutto questo sia finito, ha detto Giovanna Cattaneo Incisa, presidente regionale dalla Fai. Purtroppo - l'opinione di Emilio Rinero della fondazione per lo studio e la documentazione delle Soms - avranno ricadute pesantissime anche le associazioni di mutuo soccorso, che da 150 anni si occupano dell'aiuto in campo assistenziale per i propri cittadini soci. oltremodo strano - ha precisato monsignor Arrigo Miglio, segretario della Conferenza episcopale piemontese - come il documento, e quindi chi lo ha redatto, non tenga conto del fatto che una chiesa, una basilica o una cattedrale non sono solo edifici appartenenti alla Chiesa, ma sono da una parte luoghi di culto e dall'altra straordinarie occasioni di accrescimento culturale. Pensiamo agli affreschi, alle opere d'arte di incommensurabile valore culturale: come possiamo pensare a tutto questo come a luoghi privati? Sono luoghi aperti al pubblico, evidentemente. Per non parlare dell'enorme mole di documenti che tutti i cittadini possono consultare negli archivi delle chiese, come gli alberi genealogici che hanno richiesto da parte delle curie un enorme lavoro di catalogazione. Secondo Oliva, questo documento del Governo cancella circa 20 milioni di euro: Un disavanzo che mette in dubbio il futuro e anche gli interventi in corso. E' stata prospettata anche una soluzione: un emendamento che la Conferenza delle Regioni ha inviato al Governo, per fare in modo che questa differenza tra pubblico e privato sia rivista e modificata in base a criteri di ragionevolezza che permettano cos alle Regioni di operare al meglio per i beni culturali che ci sono invidiati da tutto il mondo.
Immediata la replica del Polo. La Bresso - ha sottolineato Ghigo - se la prende con l'articolo 119 della Costituzione nella versione modificata nel 2001 dal governo dell'Ulivo, all'ultimo giorno utile della legislatura, passata per un solo voto, con la ferma opposizione del centrodestra. quindi una regola voluta dalla sinistra. Personalmente, anche come presidente della Conferenza delle Regioni, per cinque anni mi sono battuto per ottenere almeno una dilazione e una interpretazione meno rigida della norma. E in parte ci siamo riusciti. Evidentemente Bresso meno autorevole, e non riesce a ottenere quello che nella precedente legislatura ci era stato concesso, soprattutto per i programmi gi avviati, come i fondi strutturali e i finanziamenti alla legge 18 del turismo. La polemica innescata dall'assessore Oliva, come ha sottolinea il consigliere Gilberto Pichetto sembra completamente ignorare che analogo problema, evidenziato per la cultura, tocca tutti i contributi a favore delle imprese di ogni settore, per cui se non ben gestito rischia di percuotersi pesantemente anche sui comparti produttivi, oltre che sull'associazionismo di ogni genere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news