LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Cosa resta di Villa Patrizi: una strada, e ora un libro
Lilli Garrone
Corriere della Sera - Roma 22/2/2017

Al suo posto il Ministero dei Lavori Pubblici e le Fs

Dellantico e bellissimo edificio oggi resta solo il nome di una strada: via di Villa Patrizi. Al suo posto, e in quello che era un immenso parco, sono stati costruiti gli imponenti fabbricati del Ministero dei Lavori Pubblici e delle Ferrovie dello Stato. Ma a ridare memoria al luogo, alla sua lunga storia e alle complesse vicende che lhanno caratterizzato adesso un libro: Villa Patrizi e dintorni (Palombi editore, pagine 197) scritto da Armando Bussi, un ex dirigente delle Ferrovie che nel palazzo di Porta Pia ha trascorso gran parte della sua vita di lavoro. E cos, con la curiosit propria di uno storico, ha deciso di ricostruire gli avvenimenti che hanno portato agli inizi del Novecento alla sparizione di questa bella villa subito fuori porta della nobile famiglia dei Patrizi, per fare posto ai palazzoni voluti dalle nuove necessit dellamministrazione statale.

Un libro che parte dalle origini: dallepoca romana quando furono costruite le mura Serviane, arrivando fino al 1971, quando allinizio di via XX Settembre vennero inaugurati gli uffici della nuova ambasciata britannica.

Il primo ferroviere (anche in via gerarchica) delle Ferrovie dello Stato si chiamava Riccardo Bianchi, racconta lautore. E fu lui agli inizi del Novecento a ritenere che il casino di caccia, le cui origini risalivano alla prima met del 700 fosse idoneo alle nascenti esigenze ferroviarie, per cui nel 1907 la propriet fu acquistata dai Patrizi. Il parco, peraltro, era gi stato in buona parte lottizzato e venduto per costruire i primi edifici residenziali della Nomentana. Gli scavi che precedettero la costruzione furono affidati a Rodolfo Lanciani, archeologo e ingegnere, che redasse dettagliate tavole ed uno studio sulle Scoperte di antichit avvenute nelle fondazioni degli edifici per le Ferrovie dello Stato nella gi Villa Patrizi. Dalla lettura di questo accurato e insostituibile scritto - dice Armando Bussi - nonch da altri articoli mi nata lidea di scrivere, una volta andato in pensione alle fine del 2011, tutta la storia del luogo. Pur non essendo n un archeologo n uno storico, ma solo un ferroviere romano ultrasessantenne e un po nostalgico degli anni Sessanta.

Si parte dalle mura Serviane arcaiche e si prosegue con la prima urbanizzazione testimoniata da ville e sepolcreti; si passa alla Roma cristiana quando la porta Salaria venne chiamata di San Silvestro; si racconta la costruzione della villa nella propriet acquistata dai Patrizi nel 1650 dai Theodoli (al prezzo di 7000 scudi) voluta dal Cardinale Giovanni su disegno dellarchitetto Sebastiano Cipriani; per passare solo poco pi di un secolo e mezzo dopo alla sua prima distruzione con il Risorgimento e la Breccia di Porta Pia. Chi viene oggi nellattuale palazzo di villa Patrizi non pu pi ammirare i giardini ricchi di piante esotiche come fecero Goethe o Stendhal o i grandi affreschi barocchi - conclude lautore - ma ancora possibile, visitando i palazzi della Fondazione delle Ferrovie, che conservano un patrimonio culturale di tuttaltro genere, fare un tuffo nella storia del quartiere di Porta Pia.



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news