LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Tutela del portone Diomede Carafa, chiesto il vincolo alla Soprintendenza
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno 21/2/2017

Spinosa: Raro esempio rinascimentale anche se rimaneggiato nellOttocento, va portato a Castel Nuovo. De Divitiis (Fai): No, insegniamo il rispetto alla gente

Napoli. Si apre tutte le mattine da 557 anni in via San Biagio dei librai e il caso che lo riguarda non ancora chiuso. Anzi. partita, infatti, domenica scorsa la richiesta di un vincolo per il portone di Palazzo Diomede Carafa.

Dopo lintervista del Corriere del Mezzogiorno a Marina Colonna, presidente della sezione campana dellassociazione Dimore Storiche che dei preziosi battenti ha promosso il restauro, Italia Nostra ha inviato alla Soprintendenza ai Beni architettonici unistanza per ottenere una tutela specifica. Bench il palazzo sia gi sottoposto a vincolo - dice Guido Donatone, presidente napoletano dellassociazione ambientalista - abbiamo ritenuto opportuno sollecitarne uno ad hoc per il manufatto ligneo. E questo alla luce degli esiti della diagnosi investigativa sul portone in base ai quali, come riportato dal vostro giornale, lultimo riassemblaggio di pezzi di varia epoca risalirebbe allOttocento, fatta salva la datazione delle formelle che rimane fissata al 1460. Ci siamo mossi con urgenza per un timore: qualcuno potrebbe ritenere che il valore del portone sia diminuito e per questo si decida di lasciarlo dov. I battenti, sia pure rimaneggiati nel tempo, rimangono un esempio unico da tutelare e conservare magari a Castel Nuovo come indicato sul Corriere da Nicola Spinosa. E proprio lo storico dellarte che da queste pagine aveva denunciato la necessit di un imminente restauro e della sua successiva musealizzazione, commenta le nuove scoperte: Apprendo con molta soddisfazione la notizia del recupero promosso dallorganismo presieduto da Marina Colonna e leggo con interesse lesito di questa indagine. Quando ero soprintendente e portai avanti il primo tentativo di salvare il portone, non fu possibile fare un esame perch, detto francamente, i condomini non ci fecero nemmeno avvicinare. Nonostante le prevedibili manipolazioni, i battenti rimangono di grande pregio. Il fatto poi che lultimo riassemblaggio risalga allOttocento non ne diminuisce affatto il valore. LOttocento un periodo importante per Napoli ed gi storicizzato. Se si restaura la fontana di piazza Trieste e Trento cosiddetta del carciofo che del 1950, figuriamoci quale riguardo dobbiamo avere per unopera dartigianato rinascimentale. E ribadisco la mia posizione: il portone, dopo il restauro encomiabilmente promosso, va sostituito con una copia o un altro pi semplice e loriginale va sistemato a Castel Nuovo, affianco ai battenti di questultimo che sono coevi. Non vogliamo mica lasciarli in balia di noi napoletani? Potrebbe accadere quello che successe dopo il recupero dellarco dello stesso Maschio Angioino che, fresco di recupero, fu deturpato con pittura rossa. Ben venga il vincolo della Soprintendenza che poi dovr decidere per, anche nel rispetto di chi ha raccolto i fondi, di metterlo in salvo. Le ipotesi di tutela in loco, ricoprendo ad esempio le formelle con un cristallo, non sono convincenti perch si creerebbe un danno ulteriore: si produrrebbe una condensa che lo farebbe marcire.

Maria Rosaria de Divitiis, presidente del Fai Campania, di portoni (e non solo) se ne intende visto che lassociazione che presiede ha appena realizzato il ripristino dei battenti del Museo Filangieri: Seguo da anni le vicende di Palazzo Diomede Carafa - dice - da quando con le Assise di Palazzo Marigliano, presiedute da Gerardo Marotta, riuscimmo a far liberare il piano nobile occupato da una scuola elementare, dove presto si trasferir la Soprintendenza Archivistica. Gi da allora, con la funzionaria Gemma Cautela, si pose il problema della musealizzazione del portone. Il mio parere , per, diverso: preferirei che rimanesse dov per non depauperare ulteriormente il centro antico. cos bello vedere risplendere il portone Filangieri al suo posto, perch non auspicare una sorte analoga a quello Diomede Carafa sebbene assai pi antico? Anche lassemblaggio ottocentesco, infatti, di pregio considerando il valore che ha un lavoro ebanistico di quellepoca. Non possiamo mettere in un museo tutto il centro storico. Bisogna combattere perch questa citt rispetti i suoi monumenti l dove sono.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news