LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologico, una App per entrare nelle domus del plastico di Pompei
STELLA CERVASIO
21 febbraio 2017 la Repubblica



MINIMONDI. Ha una lunga storia la "miniatura" in 3D che ha reso a dimensioni in scala oggetti, figure umane e luoghi dove farle abitare. La prima traccia in Vitruvio, che scrive dell'intenzione di Dinocrate di Rodi di trasformare il monte Athos in una statua di Alessandro Magno: per scolpirla, fece la prova su un modellino. Fino ai monumenti, come la cupola realizzata nel Quattrocento in prima persona da Brunelleschi dopo aver costruito la sua sorella maggiore, Santa Maria del Fiore, fino al parco di miniature di Klagenfurt in Carinzia, dove sono riusciti anche a ridurre un grattacielo a misura di gnomo. Oggi plastici e maquette sono richiesti per partecipare ai concorsi di architettura. Nell'Ottecento il grande plastico di Pompei, commissionato da Giuseppe Fiorelli a quelli che si chiamano "felloplastici" (modellatori di sughero) doveva avere due funzioni: conservare la memoria di ci che il tempo avrebbe distrutto e documentare lo stato degli Scavi borbonici a mano a mano che le domus venivano alla luce. Ieri la presentazione del primo step concluso per lo studio del plastico che si vede al piano superiore del Museo archeologico nazionale. Cominciato di fatto due anni fa a cura dell'Ibam del Cnr, su una proposta che part ancora prima da Stefano De Caro e Valeria Sampaolo, ex soprintendente archeologo di Napoli ed ex direttrice del Mann, il progetto stato raccolto come un testimone dall'attuale direttore, Paolo Giulierini. Che prevede per il 19 maggio l'inizio di un utilizzo nuovo e completo di questa monumentale eredit del passato, inscritta nella storia culturale di Napoli perch strettamente collegata anche all'arte presepiale. Il plastico si vede gi quasi tutti i giorni, ma fra tre mesi il salone che lo contiene sar ridipinto, la balaustra con il camminamento superiore per la veduta a volo d'uccello ripristinata. Pompei sar pi vicina a Napoli, anche se vista in miniatura. in corso di realizzazione una app che consentir la messa a fuoco su ogni insula della gigantesca maquette in sughero e una sinergia con l'area archeologica rappresentata fornir analoga app anche ai visitatori di Pompei, che potranno effettuare la visita sulla scorta del plastico, come avendo sotto gli occhi una pianta tridimensionale che in pi ha una storia di oltre un secolo sulle spalle. Il plastico di Pompei non ha pi segreti e si rivela, pur con le sue sempre motivate infedelt alla realt archeologica, uno strumento tutt'altro che obsoleto. In qualche caso, come ha sottolineato il ricercatore della Normale di Pisa Giulio Amara, che ha partecipato al progetto, la sola traccia rimasta soprattutto di intonaci dipinti sulle pareti di alcune domus, documentati prima da disegnatori e poi staccati. Molti credono che la Pompei scavata dai Borbone in poi sia sempre stata come la vediamo oggi. Non cos. E il plastico del Mann la prova pi tangibile. Sar realizzato un atlante fotografico fruibile insieme con il plastico. Intanto in questo biennio un carrello mobile con una videocamera, illuminando a led il plastico, ha effettuato 1.500 scatti necessari alla modellazione tramite software "Image-based" del paesaggio pompeiano virtuale. Foto perpendicolari e a varie angolazioni: un'aerofotogrammetria come quella che si usa per il territorio, utile all'acquisizione digitale del modello in legno e sughero, risultato realizzato in quattro fasi tra il 1861 e il 1930, da mani diverse, di artigiani e miniatori, tutte riconoscibili. Dopo essere stato esposto per qualche anno in un piccolo locale a nord del Foro di Pompei, danneggiato dall'umidit, fu trasferito definitivamente Archeologico nel 1925. Non solo "casa di bambola". Le tecnologie digitali - spiega Daniele Malfitana, direttore Ibam Cnr - possono accrescere il processo di acquisizione.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news