LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Tar: i dehors possono tornare
ERNESTO FERRARA
21 febbraio 2017 la Repubblica



PIAZZA Duomo, scoppia la grana dehors. Dopo un braccio di ferro legale durato due anni, i locali che prima, nel 2011, avevano avuto l'ok a installare le loro pedane e poi, nel 2015, si sono visti negare dal Comune il permesso di tenerle in strada perch troppo impattanti, ottengono ora la possibilit di richiedere i permessi e rimontare tutto. l'effetto di una sentenza di merito del Tar arrivata negli uffici di Palazzo Vecchio venerd scorso, che ha fatto sobbalzare i tecnici e che ieri ha provocato la reazione del sindaco Dario Nardella: Rispetto il Tar, tuttavia con la nostra avvocatura valuteremo il ricorso al Consiglio di Stato per veder validare le nostre ragioni, perch siamo convinti del lavoro fatto.

un nuovo fronte che si apre in un settore e in un'area della citt molto particolari, tanto da imporsi come uno dei primi motivi di preoccupazione della nuova assessora allo sviluppo economico Cecilia Del Re. Ad ottenere ragione dal tribunale amministrativo regionale il ristorante Le Botteghe di Donatello, sul retro, angolo via dei Servi, che in questi anni non ha peraltro mai smontato la sua pedana. Ma la conseguenza a catena potrebbe riguardare anche tutti gli altri locali della piazza che non hanno potuto rimettere le pedane e si sono dovuti accontentare di sedie e tavoli direttamente sul selciato.

La vicenda in effetti intricata. Tutto cominciato nel 2015, quando il ristorante Le Botteghe di Donatello si visto negare la chance di rimettere in strada la pedana per cui aveva sostenuto spese per decine di migliaia di euro solo qualche anno prima. Sulla base di una mutata sensibilit rispetto al 2011 il Comune nel 2015 ha in effetti cambiato idea. Non una giravolta in autonomia: Palazzo Vecchio nel 2011 ha autorizzato le pedane sulla base di un concorso e di una nuova disciplina che fu Nardella da assessore della giunta Renzi a curare. Nel 2014 ha stretto un accordo con la Soprintendenza per la tutela di zone particolari come piazza Duomo e non solo, ha pure maturato la convinzione della saturazione di pedane nell'area centrale della citt. Per questo nel 2015 le 14 pedane comparse dal 2011 in poi sono state cacciate dal Duomo. Compresa quella delle Botteghe di Donatello. Al posto dei dehors solo sedie e tavoli, rimovibili nelle ore notturne.

STOP AND GO

Prima s, poi no, poi di nuovo s. La sorte dei dehors in piazza del Duomo segue l'alternarsi di decisioni di Palazzo Vecchio e del Tar Un provvedimento che ha sollevato la rabbia dei locali coinvolti, che hanno fatto sempre protestato col Comune per il fatto di essere cacciati mentre il dehors di un unico locale, Scudieri, non veniva toccato.

Ora il Tar apre la porta al ritorno di quelle pedane e in tanti hanno gi annunciato al Comune ieri che rimonteranno. Del resto il Tar ha annullato gli atti che sancirono la cacciata. Con parole che preoccupano e non poco Palazzo Vecchio. I giudici di fatto bocciano l'assenza di motivazioni generali circa la scelta di togliere i dehors dal Duomo. E non solo. Reputano insufficiente l'intesa con la Soprintendenza circa l'impatto delle pedane come motivazione. Paghiamo gli errori di Renzi e Nardella, protesta Grassi di Sinistra Italiana. Chi deve in effetti pagare sono Comune e Soprintendenza: 4 mila euro a testa di spese legali.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news