LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Da ecologista il progetto mi piace La tribuna di cemento vale poco"
MATTEO PINCI
19 febbraio 2017 LA REPUBBLICA




L'INTERVISTA/ ROBERTO DELLA SETA, EX PRESIDENTE DI LEGAMBIENTE



MENTRE un vincolo sull'area posto dalla Soprintendenza sembra chiudere la strada verso l'approvazione del progetto per lo stadio a Tor di Valle, c'è un ecologista che all'impianto della Roma dice sì. È Roberto Della Seta, ex presidente di Legambiente, oggi consulente per le certificazioni ambientali del progetto. Un nome circolato anche tra i candidati a raccogliere l'eredità di Berdini all'Urbanistica: «Non mi ha contattato nessuno — spiega — non credo lo faranno, ma se succedesse ringrazierei e declinerei».

Invece sul progetto stadio ha accettato di metterci la faccia.

«Ho deciso di collaborare perché ha caratteristiche utilissime non solo per i privati, ma per la città».

Quali, secondo lei?

«È un progetto positivo intanto per la localizzazione: Roma è una città sviluppata a macchia d'olio oltre il Raccordo, e questo rende inefficienti i collegamenti. Questa invece è un'opera pensata all'interno del Gra, in un pezzo di città che già esiste: quindi non consuma nuovo suolo pubblico».

C'è chi lo ritiene una colata di cemento.

«Invece uno dei punti chiave del progetto è la qualità ambientale. Sarà, insieme al nuovo stadio di Bilbao, il primo impianto in Europa certificato Leed, ossia con standard ecologici altissimi sotto tutti i punti di vista. Una garanzia, per ottenerlo servono standard anche sulla mobilità, come il collegamento a una rete di trasporto su ferro».

Intanto, però, il ministero Beni culturali sembra chiudere la partita con il vincolo firmato dalla soprintendente Eichberg. La stupisce?

«Mi stupiscono i tempi. Si parla da almeno due-tre anni di questo stadio, forse la soprintendenza poteva intervenire prima. Ma atti formali non ne ha mai inviati ».

Nel merito, solleva questioni riguardo la conservazione del vecchio ippodromo e l'impatto paesaggistico.

«Non sono un archeologo, ma mi pare discutibile sostenere che una tribuna di cemento abbia l'interesse culturale che potrebbe avere ad esempio il Flaminio. Mentre il parere sull'area mi pare semplicemente surreale. Sull'ippodromo il vincolo architettonico poteva essere messo da 8 anni, farlo oggi è una forzatura che forse ha un obiettivo più politico che non dettato dai fatti ».

Lei quindi non ritiene che le torri, come dice la soprintendenza, rovinino la skyline?

«Un grattacielo, pure se non piace, consuma meno suolo per la sua estensione verticale. E un'altra qualità del progetto è la bellezza: a Roma c'è un centro favoloso e periferie bruttissime. Per il progetto sono stati scelti architetti di fama mondiale come Libeskind e Kipar che ha disegnato il parco fluviale, valorizzando all'uso dei romani decine di ettari: avremo edifici "belli" anche in periferia».

Per qualcuno con quest'opera si fa un regalo ai privati.

«In questa città servono interventi che lo Stato non può finanziare: l'unica soluzione è percorrere la strada dell'interesse privato, quando incontra come in questo caso l'interesse della collettività ».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news