LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I Beni culturali bocciano l'Alta velocit ferroviaria
Roberto Urizio
Gazzettino Friuli, 26/7/2005

II Wwf ha reso noto il parere negativo non vincolante del Ministero sul progetto relativo alla realizzazione del Corridoio 5
A preoccupare maggiormente sono le due gallerie lunghe ventotto chilometri che dovrebbero attraversare il Carso

Trieste - Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali ha dato parere negativo al progetto e allo studio di impatto ambientale dell'opera relativa alla tratta ferroviaria Ronchi-Trieste, il nodo del Corridoio 5 su cui maggiormente si discute da un paio d'anni a questa parte.
Permangono alcune forti perplessit - si legge nel documento del Ministero - sulla scelta del tracciato e sulla progettazione, sia in ordine alle soluzioni tecniche legate alle opere di realizzazione del tracciato sia di tipo urbanistico-funzionale in rapporto alle connessioni con la citt di Trieste nel suo attuale quadro evolutivo.
Il parere, espresso gi il 18 aprile e trasmesso alla Regione il 13 giugno, di fatto non vincola il Cipe (organo preposto per l'approvazione del progetto e il giudizio definitivo di compatibilit ambientale) a bocciare il tracciato a cui la Regione aveva dato parere favorevole, ma indubbiamente rende ancora pi ingarbugliata la vicenda, tanto pi che ci sarebbe un altro autorevole parere negativo del Ministero dell'Ambiente (datato marzo 2005), che per ancora non ha i crismi dell'ufficialit. Il no del Ministero per i Beni Culturali motivato nel documento ufficiale inviato alla Sovrintendenza regionale. Il primo punto considerato riguarda la particolare morfologia del Carso che, con le sue circa 3.000 grotte, rappresenta un terreno ancora non del tutto esplorato e conosciuto. Il progetto di ferrovia ad alta velocit comporta due gallerie di 28 chilometri che non convincono il Ministero che consiglia, per il territorio carsico, una tutela estesa alla totalit del fenomeno in relazione alla presenza di falde e corsi d'acqua sotterranei e per la perdita di cavit carsiche che sicuramente verranno intercettate dal tracciato sotterraneo.
Tra i patrimoni naturali toccati dall'infrastruttura, i laghi di Pietrarossa e Doberd, che costituiscono sito di interesse comunitario e riserva naturale regionale, e la cui alimentazione rischia di essere destabilizzata. Ma non sono soltanto i motivi ambientali a non convincere il Ministero: manca il collegamento con il porto e tale mancanza esprime contraddittoriet del processo progettuale, considerato che l'opera ha tra i principali obiettivi il collegamento con le strutture portuali del nord Italia. Nel progetto, inoltre, non sono indicate le sottostazioni di servizio e gli elettrodotti, non vengono indicate le alternative, non c' alcuna documentazione fotografica completa.
La soluzione proposta per viale Miramare peggiorativa per il paesaggio e il decoro dell'accesso a Trieste da ovest recita il parere ministeriale che punta l'indice anche sulla mancanza di verifica della fattibilit del progetto sloveno per la prosecuzione della galleria sotterranea da Trieste e Lubiana, cos come non presente l'allacciamento alla piattaforma logistica e all'autostrada A4.
Tornando ai fattori ambientali, le riserve del Ministero riguardano anche lo smaltimento del materiale scavato (circa 4 milioni di metri cubi previsti) che pregiudicherebbero il paesaggio del Carso. Infine, desta perplessit anche la galleria scavata nei pressi del Colle di Sant'Elia che fa parte del complesso monumentale di Redipuglia: il patrimonio storico delle Prima Guerra mondiale protetto dalla legge. Inoltre, si legge nelle motivazione de parere negativo, oggi esistente una tratta ferroviaria che passa sotto il piazzale del Sacrario, di cui prevista la dismissione senza alcuna valutazione sulla possibilit di utilizzo ed adeguamento della stessa.
Intanto l'assessore regionale Lodovico Sonego si chiede se il premier Silvio Berlusconi condivida la posizione del ministro Rocco Buttiglione in merito al progetto. Il Corridoio V - ricorda Sonego - una delle opere che compaiono nel contratto del Premier con gli italiani. Il ministro Pietro Lunardi ha riaffermato proprio qualche giorno fa a Trieste che il Governo considera strategica l'infrastruttura e il 21 luglio a Lubiana, una delegazione del Ministero dei Trasporti si incontrata con una delegazione slovena per discutere il testo di un trattato per costruire e gestire la tratta transfrontaliera del Corridoio su modello del trattato con la Francia per il Monginevro.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news