LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Londra. Colpo da film per rubare libri rarissimi
Paola De Carolis
Corriere della Sera 14/2/2017

Londra, spariti 161 volumi. Decine erano di antiquari italiani: Piano studiato, non sono facili da rivendere

LONDRA. Inspiegabile. Alessandro Meda Riquier, libraio antiquario italiano a Londra, non si capacita. Anche se ricevessi i soldi dellassicurazione domani non credo che riuscirei a mettere insieme la stessa collezione, ci vorrebbero almeno dieci anni. a San Francisco per una grande fiera internazionale. I pregiati volumi del sedicesimo secolo che avrebbe dovuto esporre sono stati rubati in un magazzino vicino allaeroporto londinese di Heathrow. In mano ai ladri sono finiti 161 libri diretti in California: 51 erano suoi.

un furto, quello su cui sta indagando lunit per lArte e le antichit di Scotland Yard, che ha elementi misteriosi, incomprensibili. Primo fra tutti, la natura del bottino. I libri antichi sono tesori di nicchia. I bibliofili spiega Meda Riquier, originario di Pavia sono collezionisti particolari. un mercato intimo, privato. Questi libri non si rivenderanno facilmente, almeno non adesso. I miei colleghi e io abbiamo tante informazioni sulla rilegatura, sulla provenienza: abbiamo descrizioni dettagliate, fotografie. Se venissero presentati a un esperto sarebbero immediatamente identificati. Tra 15 anni, forse, la situazione potrebbe essere diversa, potrebbero esserci meno attenzione e meno conoscenza, ma per ora rivenderli impossibile.

La dinamica del furto, avvenuto tra il 29 e il 30 gennaio, laltro elemento che sembra indicare un reato su commissione. I tre ladri sapevano quello che facevano: il loro non stato un colpo organizzato allultimo momento, ma studiato fino allultimo dettaglio. Sono entrati nel magazzino dal tetto, dove hanno aperto un passaggio nel lucernaio di fibra rinforzata. Si sono calati allinterno con funi di 15 metri, riuscendo a evitare sensori che con il movimento avrebbero fatto scattare lallarme. Come hanno fatto? Sembra quasi la trama di un film.

I libri, oltre che a Meda Riquier, appartenevano a un librario di Berlino e a Bado E Mart, di Padova. una perdita molto grave, per me e per i miei colleghi. Ogni volume era frutto di scelte e ricerche. Cera una copia del 1566 di De Revolutionibus Orbium Coelestium , di Copernico, cerano opere di Galileo, di Newton, di Leonardo da Vinci nonch una Divina Commedia del 1569, volume che Meda Riquier rimpiange in modo particolare. Non credo che riuscir mai a sostituirla. Scotland Yard, che inizialmente aveva imposto il silenzio sulla notizia, ha diffuso un numero verde per le informazioni. C una pista? No comment. I libri, tra laltro, non erano tutti dello stesso genere. Nelle casse del librario tedesco, ad esempio, cerano molti testi scientifici di basso valore. I libri tedeschi sono diversi dai nostri, per qualit della carta e della rilegatura risultano meno belli. Meno appetibili, quindi, per un collezionista.

Quale potrebbe essere, allora, il movente? Qui alla fiera di San Francisco ci sono 200 colleghi e nessuno si spiega quello che successo. Un furto del genere non si mai verificato. Questi volumi sono rari, ma non unici. Un collezionista con fondi a disposizione avrebbe potuto acquistarli legalmente. Non credo siano stati rubati per essere rivenduti. un mistero. Speriamo di avere notizie al pi presto.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news