LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cremona. Il Fai e la riserva salvata dalle ruspe
Gilberto Bazoli
Corriere della Sera - Milano 13/2/2017

Cremona, scongiurato il via libera alle ruspe nell’area pleistocenica

La difesa ecologista di Pianalto della Melotta, altopiano che spicca in mezzo alla Pianura Padana, salvato da ruspe e trivelle. Un «geosito» considerato tra le più importanti aree alluvionali d’Europa.

Un altopiano che con i suoi quindici metri spunta in mezzo alla piattezza della Pianura padana. Lieve ondulazioni e avvallamenti che si estendono per nove chilometri in lunghezza e tre e mezzo in larghezza. Un geosito antichissimo e unico nel suo genere, considerato una delle più importanti aree alluvionali europee. Eppure il Pianalto della Melotta, il piccolo paradiso attraversato da un naviglio secolare e compreso tra i comuni cremonesi di Romanengo, Casaletto di Sopra, Ticengo e Soncino, ha rischiato seriamente di trasformarsi in una banale e gigantesca cava di argilla. Lo sarebbe diventato se il fronte ecologista compatto (Fai, Wwf, Legambiente, Italia Nostra) non avesse dato battaglia sino a portare il caso davanti al Consiglio di Stato e strappare, come scritto dal Corriere della Sera nei giorni scorsi, una vittoria che allontana la minaccia di ruspe, camion e trivelle.

In un primo tempo la Provincia di Cremona aveva riconosciuto il pregio geologico, naturalistico e paesaggistico del Pianalto al punto da qualificarlo come l’emergenza principale del territorio. Ma, nel 2012, l’ente ha cambiato radicalmente la sua posizione spianando la strada alla richiesta di escavazione, presentata da Cave Danesi spa (con il sostegno di una lettera dell’allora governatore Roberto Formigoni), in prima battuta sino a 2 milioni di metri cubi di argilla. Uno scempio.

Ancor più alla luce dell’inquadramento di Daniele Meregalli, responsabile Ambiente Fai: «Parlare di geositi, e Regione Lombardia ne ha censiti 264, sembra parlare di un concetto astratto. Non sono un fiume, un lago o un bosco, ma nelle loro rocce è scritta la memoria del pianeta. Nel Pianalto della Melotta è possibile leggere il processo geologico che ha fatto incontrare la catena degli Appennini e quella delle Alpi. Il Pianalto presenta, nella sua unitarietà, una tipologia di suoli completamenti diversa da ciò che gli sta intorno. Perderlo avrebbe significato perdere un modello di gestione del territorio».

Non è stato così anche, e forse soprattutto, grazie a una donna coraggiosa che si è battuta strenuamente in difesa del Pianalto, Francesca Bottini, dal 2011 capo delegazione Fai Cremona, che di professione fa la guida turistica. «Sono stati anni lunghissimi, esasperanti, quasi masochistici. Com’è nel nostro stile, non abbiamo lanciato proclami ad effetto ma privilegiato il rigore di una puntuale analisi tecnica». Il principale interlocutore degli ambientalisti è stata la Provincia. «Ci siamo imbattuti spessissimo nei muri di gomma della politica e dei funzionari, basta andarsi a rivedere le risposte sprezzanti, persino umilianti alle nostre osservazioni al Piano cave, le prime sono del luglio 2013». Il «piccolo Davide», come definisce se stessa e gli altri volontari del Fai, non pensava di farcela. «Quando Giovanni Bassi, il geologo di Italia Nostra, mi ha dato la notizia della sentenza, non credevo alle mie orecchie. Quando l’ho letta, non credevo ai miei occhi. È un pronunciamento che fa scuola».

In quelle ventuno pagine viene affermato un principio fondamentale: «La tutela del paesaggio rappresenta un interesse prevalente rispetto a qualunque altro interesse, pubblico o privato».

Gli incontri, i convegni e l’attività di divulgazione non sono bastati per fermare la cava. E così, alla fine, non è rimasta altra possibilità che rivolgersi al Consiglio di Stato. Il ricorso è stato patrocinato dall’avvocato Paola Brambilla, presidente del WWF Lombardia, che commenta: «Si è resa giustizia alle associazioni ambientaliste e all’importanza straordinaria di un monumento naturale unico per storia ed ecosistema. Proprio in questi giorni è discussione il Piano paesistico regionale: sarebbe auspicabile che venissero tutelati i geositi». Ora comincia un’altra fase: fare conoscere, valorizzare l’altopiano padano, un patrimonio poco apprezzato, come spesso accade, dalla gente del posto. «Eppure — giura la portabandiera cremonese del Fai — quando lo si vede, con la sua ricchezza botanica e faunistica, ce ne si innamora».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news