LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trieste. Parco del mare, breve riassunto della storia infinita
Il Piccolo 30/11/2016

Dal terrapieno di Barcola al Porto Vecchio, passando per le Rive e Campo Marzio. Un valzer di location, opinioni e cifre che dura ormai da 12 anni

TRIESTE. Parco del mare, nelle intenzioni di colui che per primo l'ha proposto, Antonio Paoletti, dovrebbe essere un mega acquario affacciato sul mare. Il pi grande del Mediterraneo, comprensivo di ambienti marini (almeno nel progetto originario di Barcola), con tanto di vasche salate, dovrebbe nelle dichiarazioni portare ogni anno in citt una cifra di turisti compresi - a seconda delle versioni - tra i 500.000 e il milione.

Lideatore
Antonio Paoletti oggi il primo presidente della Camera di commercio della Venezia Giulia, nata dalla fusione tra la Camera di commercio di Trieste e quella di Gorizia. Commerciante, in citt ha collezionato poltrone e incarichi, senza mai entrare in politica. Presente, ad un certo punto, addirittura in 20 enti contemporaneamente , anche alla guida della Confcommercio triestina per il quinquennio 2016-2021.

La cronologia

Lidea del mega acquario. Il Parco del mare nasce nel dicembre 2004 dopo il fallimento della candidatura della citt allExpo 2008. Antonio Paoletti, allora come oggi presidente della Camera di commercio, lancia l'idea gi a bordo dell'aereo che da Parigi riportava la delegazione triestina fresca di sconfitta a Ronchi dei Legionari.

L'allora sindaco Roberto Dipiazza decreta che necessario pensare al riuso del Porto Vecchio. Cos Paoletti: Partiamo subito con il pi grande Acquario del Mediterraneo, una struttura da insediare proprio nel sito previsto per l'Expo, da qualche parte tra Barcola e il Porto Vecchio e da far lavorare 365 giorni su 365. Un Acquario superiore anche a quello di Genova.

La prima ipotesi. In principio fu il terrapieno di Barcola: la prima location occupata dal Parco del mare prima del gioco delloca che lha visto protagonista in questi 10 anni. Poco tempo dopo per arriva il sequestro dell'area a causa dellinquinamento.

Novembre 2006, cambio ipotesi. La nuova location viene individuata nello spazio che a Campo Marzio ospita il mercato ortofrutticolo, destinato nelle intenzioni dell'allora amministrazione Dipiazza a spostarsi alle Noghere. Un progetto che si trascina avanti per due anni

Dicembre 2008, si parla delle Rive. Liberare l'area di Campo Marzio si rivela operazione pi complicata del previsto (la propriet non solo del Comune) e l'alternativa viene allora trovata sulle Rive, tra Salone degli Incanti, Magazzino vini e area ex Bianchi. Partono i dialoghi fra Comune, Cciaa e Fondazione CRTrieste, proprietaria del Magazzino vini.

Scontro Paoletti-Di Piazza. A met 2009, lallora assessore ai conti di Dipiazza, Giovanni Ravid, calcola nel suo studio di fattibilit che la nuova struttura dovrebbe richiamare almeno mezzo milione di visitatori lanno, staccare 1.350 biglietti al giorno (costo medio 11 euro), solo per non mangiare soldi. E che dovrebbe, anzi, conquistarsi un mercato da 900mila spettatori allanno, quasi 2.500 al giorno, per totalizzare in un decennio un margine operativo lordo da circa 45 milioni di euro. Grosso modo lentit dellinvestimento. Il Consiglio comunale approva lo studio di fattibilit redatto dall'allora assessore al Bilancio Ravid. Passano i mesi, Antonio Paoletti pressa il Comune e minaccia pure di portare tutto a Grado o Capodistria.

Aprile 2010, la fine del progetto? La soluzione piazzare delle vasche per i pesci all'interno del Salone degli Incanti senza mettersi a costruire mega-strutture insostenibili. Trieste pu sopportare un acquario da 200-300mila visitatori l'anno, non un Parco del mare da un milione di presenze con costi di manutenzione folli, sentenzia Dipiazza nell'aprile 2010 . Sembra il definitivo de profundis. Paoletti non nasconde la delusione. E il Parco del mare vive un lungo momento di stallo.

Maggio 2011, cambia il sindaco. Dopo due mandati Dipiazza, Cosolini viene eletto in municipio.

Luglio 2012. Il nuovo sindaco rilancia l'ipotesi Campo Marzio. Ma non dura.

Giugno 2013, nuovo colpo di scena. Il Parco del mare punta dritto verso il Porto vecchio. Larea in concessione a Greensisam, in mano a Pierluigi Maneschi, sembra perfetta e i magazzini 3 e 4 sufficienti. Solo che Maneschi a mollare la presa su Porto Vecchio. Ma Paoletti non molla. In aprile, intanto, stata eletta la giunta regionale di Debora Serracchiani.

Giugno 2014, il no di Bolzonello. Il vice Presidente della giunta regionale dichiara: Neanche un euro, progetto inattuabile. Ma poi la regione cambier idea. Report dellach. Peter Chermayeff sulla fattibilit Parco del Mare nellarea di Porto Lido.

Lipotesi Porto Lido. Dal cilindro, nellottobre 2014, Paoletti tira fuori la destinazione di Porto Lido. Italia Navigando, societ controllato dallo Stato, si era infatti disimpegnata dal progetto del porto nautico chiamato Trieste Navigando. A fine luglio 2015 la gara andata deserta. La base di partenza del nuovo Parco del mare dovrebbe essere circa 40 milioni. La Regione rientra in gioco, a fare pressione ci sarebbe ora il deputato triestino Ettore Rosato, capogruppo alla Camera del Pd finito nel giglio magico del premier Renzi. La Cciaa triestina ha in cassa 11 milioni di diritti annuali specifici (soldi sborsati dai commercianti negli ultimi 10 anni). Due milioni e mezzo sono quelli ottenuti dalla Regione in 10 anni per il progetto di fattibilit. Linvestitore privato, la Costa Edutainment, disponibile a mettere sul piatto 15 milioni. La Cassa di Risparmio coinvolta per una cifra di pi di due milioni e mezzo.

Settembre 2015. Il nuovo progetto, legato allarea di Porto Lido (Molo Fratelli Bandiera), pronto ed al vaglio della Regione. Lo firma larchitetto statunitense Peter Chermayeff, autore degli interventi allacquario di Genova e dei parchi acquatici di Boston, Osaka, Baltimora e Lisbona.

Dicembre 2015. La Fondazione CRTrieste comunica che si rende disponibile a stanziare limporto complessivo di altri nove milioni di euro per la realizzazione del progetto, in aggiutna alle risorse gi investite

Ottobre 2016, sar al Molo Fratelli Bandiera? L'approdo sul Molo Fratelli Bandiera del Parco del mare stato definito quando il cda di Invitalia ha deliberato il preliminare relativo alla cessione del 100% di Trieste Navigando, la societ concessionaria dellarea di Portolido, alla Camera di commercio e alla Fondazione CrTrieste per 62mila euro. Il prossimo passo sar quello di coinvolgere Regione, Comune e Autorit portuale per un Accordo di programma propedeutico alla modifica del piano regolatore in modo tale che l'attuale destinazione diportistica venga ampliata e aggiornata alla nuova prospettiva culturale-ricreativo-nautica. Nellarea potrebbe essere spostato anche lo storico pontone Ursus.

Costi e tempi

Stimati in 37-44 milioni. Il cronoprogramma realizzativo prevede 36 mesi dal compimento delliter autorizzativo: quindi, in totale, significa poco meno di quattro anni.

Le perplessit sul progetto attuale

Nel 2015 lassessore al Turismo, Edi Kraus, dichiara: Larea di Porto Lido mi sembra troppo angusta, inadatta. Si potrebbe pensare ad un acquario sofisticato da costruire in Porto Vecchio

Come far a starci nellarea di Porto Lido? Come fare con le corriere e i parcheggi? Secondo Paoletti, dovrebbe avere pi o meno una superficie di 17mila metri quadrati di base, a terra, e altri 24mila a mare.

Nel piano strategico per rivitalizzare Porto Vecchio stilato da Ernst & Young c' proprio la presenza del Parco del Mare.

Che ne sar dello storico stabilimento balneare del Pedocin? Sar a rischio?

A favore

Il progetto di Porto Lido vede ora il favore del sindaco Roberto Dipiazza, contrario per nel 2010.

Marco Penso, presidente della Triestina della Vela afferma di non conoscere il progetto, ma ritiene che potrebbe indurre una risistemazione dellintera area e creare un polo di forte interesse

La zona ne uscirebbe certamente valorizzata, anche secondo Francesco Fegitz, presidente del Circolo canottieri Adria

Contro

La posizione di Cosolini si sintetizza ora con: bisogna identificare il partner privato che dovr partecipare allinvestimento e mettere a confronto il sito attualmente prescelto di Portolido con uno alternativo allinterno del Porto vecchio.

Lo scrittore Paolo Rumiz fortemente contrario a quel cubo enorme nel punto pi visibile della citt, cos come altri architetti ed esponenti del mondo culturale triestino. Tra essi, Luciano Celli: Linserimento del massiccio volume dellAquario nellambito della penisola della Lanterna sarebbe uneterotopia sconvolgente e scellerata, sostiene.

Pierpaolo Scubini, presidente della Lega Navale, preferirebbe la collocazione di Porto Vecchio;
secondo il presidente dello Yacht club Adriaco, Francesco Rossetti Cosulich: Oscurerebbe la vecchia Lanterna. Anche Antonio Sofianopulo, presidente di Sgt Nautica, d parere negativo.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news