LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GESTIRE LA CULTURA SENZA SOLDI
VERA GRECO*
07 febbraio 2017 LA REPUBBLICA


METTERE a fuoco una situazione di disagio e di allarme per i beni culturali certamente un dovere da parte dell'informazione, soprattutto perch sui Beni Culturali tutti dicono di voler puntare per rilanciare il futuro della Sicilia. Ma altrettanto doveroso informare correttamente di tutti gli aspetti a 360 gradi della questione. Prima di tutto sgombriamo il campo dalle nebbie che non ci permettono di vedere nitidamente la vera questione.

Cio che la dotazione finanziaria per i Beni culturali siciliani, si drasticamente assottigliata, fino la punto da non poter "acquistare una lampadina". Da una sommaria ricognizione e da non esperta di numeri posso solo dire che mi risulta dai documenti ufficiali di bilancio che l'Italia destini ai Beni Culturali dello Stato per il 2017 ben 2 miliardi di euro, mentre la Sicilia solo 11 milioni di euro(al 2018 diventano 10.....). E' evidente che, qualunque ragionamento si voglia fare, per superficie, popolazione, numero di beni culturali in Sicilia non regge, ed palese che parlare di sprechi semplicemente insignificante, e anzi direi, fuorviante.

In una continua sottrazione di risorse da parte dello Stato nei confronti della Regione, i Beni Culturali sono quelli a soffrire pi profondamente e strutturalmente questi tagli indiscriminati, operati sulla base di appropriazioni da parte dello Stato.

Non molti anni fa, le somme stanziate nei capitoli dell'Assessorato Regionale Beni Culturali per il normale funzionamento e per le manutenzioni urgenti, restauri, messe in sicurezza, erano certamente pi adeguate a quello che un patrimonio immenso, e che ha bisogno di una costante e normale manutenzione minima, senza la quale, ovviamente, va in malora. Adesso alcuni di quei capitoli sono "PM", che signica "per memoria".

La proposta avanzata dall'attuale assessore riferita all'utilizzo del 30 per cento dei biglietti da parte del sito culturale che li emette, cerca di porre rimedio a questa situazione allarmante. Per quanto piccolo sia, il 30 per cento degli incassi gi una boccata d'ossigeno per quelle necessit minime di sopravvivenza dei beni che oggi non sono neanche garantite.Ma bisogna anche essere realisticamente consapevoli che neanche il decantato Louvre fonda sugli incassi dei biglietti il suo ben nutrito budget, bens su tutto quello che ruota intorno al museo, a cominciare dai servizi culturali strettamente appellati, quali visite guidate, laboratori, ecc. fino alla ristorazione, al bookshop, al merchandising e a tutto quello che vive in emanazione all'aura del bene. E' vero, adesso in Sicilia sono in funzione alcuni "servizi aggiuntivi", ma riferiti solo a quelle realt appetibili dal punto di vista dell'affluenza di pubblico: nessun imprenditore privato interessato a siti minori che non garantiscono un guadagno sufficiente per un investimento importante. E allora, cosa dobbiamo fare con i siti di fascia immediatamente inferiore fino a quelli sperduti, chiusi e non utilizzati? Dobbiamo capire che oggi c' una quantit di giovani preparati e in gambissima, che aspettano solo l'occasione di poter mettere alla prova le loro capacit per far sviluppare un settore che - diciamocelo francamente - ingessato a causa della eccessiva burocratizzazione di leggi, norme, cavilli, contratti, che sono l'esatto contrario di quello che servirebbe, e che non possono essere n ignorate n bypassate dai dirigenti, a pena di denunce, multe salatissime o addirittura licenziamento. Sono convinta che se si rendesse molto pi facile l'accesso a giovani o cooperative di giovani qualificati, per una collaborazione con le strutture cui afferiscono i beni culturali, si potrebbe arrivare ad un radicale capovolgimento di questa situazione in atto, come ben dimostrano i casi in cui, anche in Sicilia, questo percorso stato pioneristicamente attivato. Arricchire i siti di tutto quello che oggi assolutamente necessario ed indispensabile, e per prima cosa la comunicazione, oggi esigenza primaria, fino alla possibilit di gestire i siti cosiddetti minori, con tutti i servizi di contorno, sfrondando l'inestricata giungla dei processi decisionali e delegandoli alla responsabilit del singolo direttore della struttura, tagliare tutti quegli appesantimenti burocratici e alleggerire il settore, bene, significa mettere in atto una sinergia vincente e intelligente di pubblico e privato. La congiuntura in atto richiede soluzioni adeguate alla complessit della situazione, che non possono essere certo le strombazzate soluzioni dei super manager "esterni", i quali, oltre a non essere Superman, peraltro, peserebbero sul bilancio dei Parchi autonomi in misura sostanziale, essendo il tetto di retribuzione previsto di 240.000 euro l'anno. Certamente non risolverebbero i problemi sostanziali, stante che non l'incapacit di chi a capo, bens la irrisolvibile situazione di base, come ben evidenzia il caso di Agrigento, che invece con un'autonomia che va avanti da 16 anni, ha dimostrato e dimostra di essere perfettamente all'altezza del compito e in linea con i risultati degli altri parchi e musei italiani, dopo la "Cura Franceschini"

*Direttrice del parco archeologico di Taormina



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news