LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Di cosa parlano le (pubbliche) ferite del caso Berdini
Tomaso Montanari
Il manifesto, 11 febbraio 2017, p. 1 e 7

Grandi opere. Tra qualche anno chi mai ricorder le infelicissime frasi con cui un assessore disse a un giornalista che non lo stava intervistando ci che dicevano financo i gatti del Colosseo? Chi rammenter che, s, Berdini Paolo fu un po coglione, e sleale verso Raggi Virginia? Nessuno: mentre la ferita alla citt, alla natura, alla legalit di Roma sarebbe l, madornale, per centinaia di anni

Ma davvero il cuore della vicenda Berdini la monumentale ingenuit la coglioneria, come dice lui stesso del protagonista suo malgrado? Io non lo credo.
Questo triste passaggio illumina altre nostre ferite.

La prima. Davvero centra qualcosa il giornalismo con questa storia? Cera una notizia? Quale? Immaginiamo per un attimo un Paese in cui i giornalisti registrino e trascrivano ogni loro informale conversazione con uomini pubblici: ci rendiamo conto del grottesco inferno cui andremmo incontro? Tutti citano il dettaglio del precariato dellintervistatore per dimostrare che Berdini fosse cosciente di parlare con un giornalista. Ma quel dettaglio non ci dice forse qualcosa di unItalia in cui lassenza delletica professionale spesso in rapporto diretto con lassenza della dignit del lavoro? Quale precario (nel giornalismo come nelluniversit e altrove) pu dire preferirei di no al capo da cui letteralmente dipende la sua stessa vita?

La seconda. Quanto profondo limbarbarimento civile e morale innescato dallelezione diretta dei sindaci? Nonostante che il 4 dicembre abbiamo rigettato il tentativo di costruire un arrogante e strapaesano sindaco dItalia (o dItalicum), diamo per scontato, senza neanche il velo di un dubbio, che Berdini abbia violato un sacro vincolo di lealt tra il sindaco e i suoi assessori, quasi fosse quello che univa il signore feudale e i vassalli da lui investiti. Diamoci un pizzicotto, svegliamoci: la fonte della sovranit non il sindaco, nonostante la sua consacrazione plebiscitaristica. Lunica lealt di cui dovremmo tener conto quella verso il popolo sovrano e linteresse pubblico, e semmai verso il programma e i valori del partito che ha vinto le elezioni: un programma e dei valori che, per lambiente (che una delle famose cinque stelle), Berdini rappresenta fedelissimamente, pur non facendo parte del partito. Gi, il partito: davvero paradossale che la scalabilit del Movimento 5 stelle e la sua plateale carenza di democrazia interna abbiano finito per consacrare ancor di pi il personalismo dei sindaci. Paradossale in particolare a Roma: dove avrebbe vinto davvero chiunque il Movimento avesse candidato.

La terza, che la pi grave. In gioco non c il rapporto tra Berdini e la Raggi. In gioco c quella che il maggiore urbanista italiano ha ieri definito su queste pagine forse la pi grossa speculazione fondiaria tentata a Roma dopo lUnit dItalia. Un milione di metri cubi a Tor di Valle, in una fragile ansa del Tevere. Un enorme colata di cemento della quale lo Stadio e gli impianti sportivi sarebbero meno del venti per cento. Una colata che sommergerebbe, insieme con il Piano Regolatore, ogni speranza di vivere in una citt regolata dalla legge e dal bene comune, e non dal potere eterno dei signori del cemento.

Ebbene, tra cinquantanni o anche solo tra dieci chi mai ricorder le infelicissime frasi con cui un assessore disse a un giornalista che non lo stava intervistando ci che dicevano financo i gatti del Colosseo? Chi rammenter che, s, Berdini Paolo fu un po coglione, e sleale verso Raggi Virginia? Nessuno: mentre la ferita alla citt, alla natura, alla legalit di Roma sarebbe l, madornale, per centinaia di anni.

questo il tema, di questo che si dovrebbe parlare, di questo che si deve decidere. Oppure possiamo continuare a sacrificare il bene comune e il futuro di tutti sullaltare di uno squallido, irrilevante e insensato teatrino del nulla che giova solo ai veri padroni di Roma.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news