LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Lo Stadio della Roma, facciamo bene i conti
Vittorio Emiliani
www.emergenzacultura.org, 10/02/2017

Lo Stadio giallorosso si pu fare? Certo. Basta avere i soldi e unarea realmente adatta: dal punto di vista idrogeologico, urbanistico, trasportistico Quella di Tor di Valle stata qualificata come R4 e dunque non trasformabile se non realizzando opere idrauliche fondamentali. Anzitutto, la messa in sicurezza del fosso di Vallerano, ma, secondo gli esperti, soltanto ad opere realizzate che si potr stabilire se ci si pu costruire e fabbricare sopra. Ne va di mezzo lincolumit pubblica. Perci si tratta della priorit fra le priorit. Campa cavallo (anche se i cavalli non trottano pi a Tor di Valle).


Sul nuovo Stadio della Roma occorre dire o ripetere con chiarezza alcune cose. Intanto limpianto non sar dellAS Roma bens di una societ privata di cui sono parte James Pallotta, presidente giallorosso pro-tempore, e i fratelli Parnasi, costruttori e proprietari dellarea. Per questo essi hanno chiesto al Comune di autorizzare come condimento 1 milione di metri cubi di grattacieli e altro, prima quale zona mista (direzionale/residenziale), poi come centro direzionale e commerciale, il Business Park. Ma perch il Comune di Roma il quale con la Giunta Veltroni si dotato di un PRG, pur generoso di cubature private, non prevede col sviluppi tanto pesanti dovrebbe farsi dirigere dai desideri di Pallotta&Parnasi e non dallinteresse pubblico?
Vediamo i fatti. La delibera comunale n.132 del 2014 prevedeva un progetto A e un progetto B per Tor di Valle. Il primo constava di opere strettamente funzionali allo stadio stimate dal promotore in circa 270 milioni di euro. A carico del Comune? Troppo bello. La legge n.217 del 2013 prescrive che i nuovi stadi siano a totale carico dei proponenti. La delibera consiliare del 2014 precisava: il promotore () risulta non in grado di sostenere le opere di urbanizzazione funzionali per cui esiste un complessivo disequilibrio economico finanziario derivante da circa 220 milioni di euro fra i costi complessivi delle urbanizzazioni (270 milioni) e il contributo finanziario massimo di Pallotta pari a 50 milioni di euro. Voglio ma non posso.
Il sito scelto di Tor di Valle scelto nellinteresse dei privati, sintende risulta di difficile accessibilit, non dotato di ferrovie o metro sufficienti come prescrive il Prg di Roma. Di qui la necessit di opere pubbliche costose: 1) prolungamento della metro B da Magliana a Tor di Valle, costo oltre 68 milioni; 2) collegamento pedonale con la stazione Magliana (linea FL1), costo 12,6 milioni; 3) adeguamento Via Ostiense-Via del Mare (una delle pi pericolose dItalia), 66,3 milioni; 4) nuovo raccordo allautostrada Roma-Fiumicino, 103,6 milioni; 5) interventi per ridurre il rischio idraulico del fosso Vallerano, quasi 16 milioni (preliminari a tutto per). Totale, oltre 266 milioni.
Con quali problemi? 1) Il prolungamento viene giudicato dai tecnici impossibile poich pregiudicherebbe il funzionamento della Metro B allEur; 2) tale collegamento invece confermato, anche se dalla Magliana Fs allo Stadio a piedi bastano 15-20 minuti; 3) un pasticcio irrazionale e pericoloso, dal GRA allo Stadio un primo tratto della Via del Mare sarebbe unificato alla Via Ostiense, poi le due arterie si dividerebbero di nuovo dal bivio per lo Stadio a Viale Marconi; 4) il problema gi risolto dal progetto per il nuovo Ponte dei Congressi; 5) opera idraulica prioritaria e di sicuro interesse pubblico. Oltre la quale ci sono le idrovore per lacqua piovana: altri 9,6 milioni. I parcheggi multipiano, secondo il Campidoglio, competono al privato e non al Comune, per un costo di 55 milioni e mezzo. Senza dimenticare che per realizzare i parcheggi invece a raso e le strade interne al comprensorio ci vogliono altri 74,7 milioni a met fra Comune e privato.
Sottratte al Piano operativo le opere giudicate di interesse pubblico e che non lo sono, la Roma, o meglio Pallotta, vanterebbe una edificabilit che si ferma a 69.000 metri quadrati.
Si palesa a questo punto una contraddizione: la delibera comunale 132/2014 da una parte consente alla societ proponente il raddoppio della superficie utile, dallaltra, in base allo stesso indice di trasformazione, fa diminuire di ben 179.000 metri quadrati la volumetria del Business Park. Dunque, un insediamento per uffici beneficia, se ben capisco, di un incremento volumetrico applicabile soltanto ai parchi tematici. Con tutto laffetto per Totti e per le bandiere giallorosse, come possibile?



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news