LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Berdini. Lex comunista amato dalla base scherzava sugli addii. Sar il prossimo?
Sergio Rizzo
Corriere della Sera 9/2/2017

Difficile che piaccia a Paolo Berdini ci che di lui ha scritto su Facebook, dopo che la bufera era gi scoppiata, Vittorio Di Battista, pap del pi noto Dibba grillino in perenne lite con i congiuntivi: uno di quei compagni che, malgrado siano compagni, li considero camerati. Un bel pezzo del popolo a cinque stelle ferocemente contrario allo stadio della Roma e Berdini il suo profeta. Ma definirlo camerata, per lassessore allurbanistica azzoppato ieri da unintervista a dir poco sorprendente, beh, sarebbe davvero troppo. Basta dare unocchiata alla sua storia. Paolo Berdini ha 68 anni ed stato comunista a quattro ruote motrici, ovviamente quando cera il Partito comunista. E non un rinnegato.
Cera una volta il Pci

Allinizio degli anni Ottanta era uno dei giovani pilastri della commissione urbanistica del Pci, insieme a personaggi come Vezio De Lucia e Walter Tocci. Erano i tempi per loro dolorosi delle giunte di sinistra travolte dalla rimonta andreottian sbardelliana, e intorno a quel gruppo, con Italo Insolera, si tentava di ricostruire con il sogno della nuova citt la riscossa della sinistra. Fino alla vittoria di Rutelli. Man mano per che il centro si mangiava la sinistra, il Nostro si scopriva sempre pi allergico a certe scelte urbanistiche.

Fra i suoi compagni dellepoca passata c chi oggi considera naturale lapprodo sulle sponde del radicalismo grillino. Naturale, forse. Facile, per nulla. Sbarcato dalla goletta del centrosinistra, Berdini trova interlocutori nel mondo variegato di antagonisti al consumo indiscriminato del suolo, e con Paolo Maddalena diventa il punto di riferimento dei grillini che in Parlamento su quel fronte sono scatenati: da Federica Daga a Claudia Mannino. Sono loro che fanno il suo nome a Virginia Raggi.

Lui un corpo estraneo. In casi come questi, per, lestraneit pu essere anche un punto di forza. Il vantaggio di Berdini, per esempio, di aver sempre parlato chiaro. Per capire che lui quel milione di metri cubi per lo stadio della Roma (che non dispiacciono proprio a tutti, nel Movimento) non li avrebbe mai concessi bastava leggere i suoi saggi, come Le citt fallite o Breve storia dellabuso edilizio in Italia. Dove si racconta come il paesaggio dellagro romano che circondava la citt e per secoli ha lasciato sbalorditi i tanti viaggiatori (...) deroga dopo deroga sia oggi ridotto a pochi lacerti spesso abbandonati e circondati da una inesauribile pressione edificatoria. Un manifesto contro le varianti come quella che servirebbe per il progetto della Roma e del costruttore Parnasi. Con il paradosso di dover difendere proprio quel piano regolatore che da urbanista aveva duramente contestato.
Il prossimo epurato

Questa la sua forza. Nella base grillina che vede il cemento come il cancro: basta leggere i commenti sui social. Duri e puri loro, duro e puro anche lui, fino a diventare per qualcuno il camerata Berdini. E il suo essere corpo estraneo gli ha permesso anche di proclamare eresie che ad altri sarebbero costate lo scalpo, come quando si schierato per il S alle Olimpiadi, ma dei tram e non del cemento. Come pure di passare indenne dallalleanza con lassessore al bilancio defenestrato, Marcelo Minenna. Rideva, in quei giorni della prima grande epurazione, Berdini: Stai a vedere se il prossimo non sar io. Rideva, mentre lo ripeteva, facendo notare per quanto la squadra di Virginia Raggi fosse fragile e inesperta. Ma anche vittima, sospettava, di un patto elettorale inconfessabile stretto con la destra: da cui la stella di Raffaele Marra. E rideva anche dopo, quando sulla battaglia dello stadio sembrava sconfitto dallex potente vicesindaco Daniele Frongia e invece assicurava: La maggioranza del consiglio con me. Garantendo, non pi tardi di marted scorso, che se Virginia avesse sbragato promettendo soltanto un metro cubo in pi, avrebbe salutato tutti: Me ne vado, sullo stadio ci ho messo la faccia. Sarebbe stato onorevole. Ma il rischio di andarsene cos. Per quellintervista, che brutta sorpresa...



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news