LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Pompei nascosta, parte il recupero della Casa dei Casti amanti
di ANTONIO FERRARA
04 febbraio 2017 LA REPUBBLICA

Pronto il progetto di restauro, a marzo la gara da 10 milioni, riapertura prevista nel 2020. Gioved il ministro Franceschini e la commissaria Ue Cretu visitano la domus. Visite aperte per tutti dall'11 al 14 febbraio per festeggiare San Valentino, poi via al restauro


il luogo pi emblematico di Pompei, ma anche il pi negato. Prende il nome da un quadretto affrescato sulla parete di fondo di un triclinio, la stanza da pranzo di una vasta casa su via dell'Abbondanza: un uomo e una donna che si baciano sdraiati sui letti triclinari durante il banchetto, i "casti amanti" appunto. Scavata del 1987, visitabile per 8 mesi nel 2010 solo su prenotazione, la domus (in realt un intero isolato, con abitazioni e un panificio) non mai stata aperta al pubblico.

Eppure, aggirandosi tra le stanze e percorrendo le passerelle realizzate nel 2010 tra una selva di tubi e impalcature che reggono la copertura, si ha l'impressione che l'eruzione sia appena passata: qui, caso forse unico a Pompei per ampiezza e completezza, si leggono - anche per un occhio non esperto - i segni della furia distruttiva del Vesuvio che nel 79 dopo Cristo seppell la citt, assieme a Ercolano e Stabiae.

Ecco un'intera parete, lunga tre metri, crollata sullo strato di lapillo: conserva ancora la grata della finestra. Venne abbattuta dalla forza del surge, il flusso di cenere finissima mista ad altri detriti vulcanici che rotol dal cono del Vesuvio verso la pianura come una sorte di valanga. Siamo all'alba del 25 agosto del 79 dopo Cristo, e le nubi ardenti cancellarono ogni forma di vita, rendendo l'aria irrespirabile e bruciando all'istante uomini e animali. Quel materiale perfettamente leggibile nella sequenza degli strati di seppellimento: qua e l si leggono in sezione di scavo i resti di tegole, pezzi di murature.

Ecco gli scheletri di sei asini e un mulo, sorpresi dalla morte all'interno della stalla: gli animali venivano utilizzati per far girare le quattro macine del panificio e per distribuire il pane dentro e fuori citt. Il complesso comprende la Casa-panificio dei Casti amanti, la Casa del Primo Cenacolo colonnato, quella del Secondo Cenacolo, due botteghe e la Casa dei Pittori a Lavoro: in quest'ultima domus, danneggiata dal terremoto del 62 dopo Cristo, nella grande sala, l'oecus, lavorava una squadra di pittori nei giorni prima dell'eruzione: ecco i disegni a ocra delle decorazioni architetture e le scene affrescate non ancora finite.

Un viaggio a ritroso nel tempo, fino a ora riservato solo agli specialisti. Ed per questo che con il Grande progetto Pompei la Soprintendenza ha deciso di intervenire.
Il primo step il progetto esecutivo di restauro e di riconfigurazione delle scarpate della zona non scavata che incombe sull'edificio antico, posto nella Regio IX, insula 12. Quella stessa zona, dove - qualche decina di metri pi avanti - nel novembre 2010 croll la Schola Armaturarum.

Tra due settimane il direttore della soprintendenza, Massimo Osanna, approva il progetto redatto dalla B5 srl di Francesca e Ugo Brancaccio. A fine marzo, a cura di Invitalia, che centrale di committenza, la pubblicazione della gara, tra ottobre e novembre l'avvio dei lavori. Che dureranno tre anni. Per poter visitare la Casa dei Casti Amanti bisogner attendere la fine del 2020. In quelle stanze e in quel giardino entreranno gioved 9 febbraio il ministro dei Beni e della attivit culturali Dario Franceschini e la commissaria europea per gli Affari regionali, Corina Cretu, che ha la supervisione sul Grande progetto Pompei, il piano dal 105 milioni di euro cofinanziato dall'Ue. A loro sar illustrato il progetto da 10 milioni di euro che prevede il restauro e il completo rifacimento delle coperture.

Prima dell'inizio dei lavori, Osanna ha deciso di offrire un'ultima occasione per entrare nella domus: una visita a gruppi di 20 persone nel weekend di San Valentino, un omaggio agli innamorati dall'11 al 14 febbraio. Chi entra a Pompei trover il cancello aperto su via dell'Abbondanza, salir le scale metalliche che conducono alle passerelle, e potr guardare il panificio e le stanze affrescate, cos come il giardino porticato, dall'alto.

Un approccio, questo della visita su due livelli, che rester anche al termine dei restauri. La principale novit riguarda l'eliminazione di tutti i ponteggi e i tubi ora poggiati sui pavimenti antichi o sul terreno non scavato, una foresta di ferro.
"Realizzeremo un'unica campata di copertura" spiega l'architetto Michele Granatiero dell'Unit Grande progetto e responsabile unico del procedimento. "In ciascuno dei due vicoli che delimitano l'isolato - aggiunge - saranno posizionati, previo saggi archeologici, sei pali per reggere la struttura reticolare con copertura in alluminio, con vetro in corrispondenza delle cinque aree scoperte. Ma prima di smontare i puntelli esistenti, vanno messe in sicurezza le murature e realizzati scavi per completare i percorsi".
Appuntamento al 2020.



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

14-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news